Pink Mountaintops – 19/09/2104 Interzona (Verona)

Dopo una prima metà dell’anno in sordina, senza nomi di grande richiamo, l’Interzona riapre la stagione con piglio affatto diverso. Dopo aver ospitato alcune performance del Path Festival, propone l’interessante rassegna Prospettiva 22, tre serate che associano concerti, proiezioni e spazi dedicati a gastronomia, editoria libraria e musicale, oggettistica. La prima serata che ha visto sul palco Mick Turner dei Dirty Three e la proiezione di Kill Your Idol di di Scott Crary, stasera è la volta dei Pink Mountaintops, a cui seguirà il documentario Searching For Sugar Man di Malik Bendjelloul. Venerdì prossimo si chiuderà con l’abstract hip-hop dell’inglese Kutmah e da Our Vinyl Wieight A Ton: This Is Stones Throw Records, lungometraggio che ripercorre la storia della storica etichetta.

Appena entrati il colpo d’occhio è insolito: nello stanzone che fa da anticamera alla sala concerti è occupato da banchetti di attività locali, dove ci si aggira con piacere prima dell’inizio dell’esibizione. Fra libri, poster, vinili e gioielli artigianali, la parte del leone la fanno gli stand gastronomici, con alcune specialità, sia dolci che salate, davvero squisite e che avrebbero certo meritato più attenzione,pink_mountaintops_interzona_2014_1_copy non fosse che ci siamo presentati già nutriti. Anche l’allestimento sotto il palco è particolare, con ai lati alcune file di poltroncine e al centro lo spazio per chi voglia godere del concerto in piedi. Quando vedemmo la band in questo stesso luogo un lustro fa, rimanemmo con l’amaro in bocca a causa di un concerto svogliato e molle: stasera la si potrebbe considerare una prova d’appello e che il discorso sia del tutto diverso si capisce fin dalle prime note di Leslie, con suoni e volumi ancora da registrare, ma un piglio e una convinzione che non lasciano dubbi sulla voglia di farsi valere. Stephen McBean suona e canta spostato sulla destra del palco, lasciando il centro della scena a Ashley Webber, microfono e timpano; sono loro le due anime del gruppo, che in questo tour si avvale dei servigi di Steve Kille, al basso, in prestito dai Dead Meadow, del batterista tedesco Florian Schanze e del chitarrista Dustin pink_mountaintops_interzona_2014_3_copyWhite dei Soft Focus: un organico di tutto rispetto. Rotto il ghiaccio, si prosegue snocciolando una serie di brani dal recente Get Back, roots rock suonato con piglio quasi punk; sarà proprio l’incontro fra l’impianto tradizionale e influenze esterne a caratterizzare un concerto suonato con quel tiro particolare che, chissà come, hanno solo i gruppi statunitensi e valorizza la capacità di scrittura del leader, certamente più libere e fantasiose in questo progetto che non negli originari Black Mountain. Verso la metà è il primo momento di quiete, con While You’re Dreaming (da Outside Love) cantata dalla Webber, una ballata per cui i R.E.M. avrebbero ucciso, ma subito si torna a correre con gli echi kraut di Ambulance City, Sweet 69 e Tourists In Your City dall’album d’esordio e Shakedown ancora da Get Back, tutte in bilico fra psichedelia e hard, ma senza alcuna nostalgia; semmai, in alcuni fraseggi e code pink_mountaintops_interzona_2014_2_copychitarristiche, forti sono i richiami a Dinosaur Jr. e Built To Spill, giusto a ribadire quale sia la collocazione di un gruppo come i Pink Mountaintops. Quando, dopo The Last Dance, il gruppo saluta e scende dal palco, gli applausi del pubblico non si placano e valgono a richiamare McBean e la Webber per un’Outside Love a due voci che non possiamo che definire struggente. Inevitabile chiudere qua, davvero non c’è altro che si possa aggiungere, almeno per quel che riguarda l’esibizione, perché la piacevolezza della serata prosegue con le immagini di Searching For Sugar Man, l’incredibile storia del folkster di Detroit Sixto Rodriguez: un documentario, ma appassionante e toccante come un’opera di finzione. Senza dubbio una serata riuscita sia dal punto di vista dell’organizzazione che della proposta: che sia di buon auspicio per il futuro.

(in collaborazione con Marcello Ferri. Foto di Emanuela Vigna)

Tagged under: , , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Gablé - Cut Horse Cut (Loaf, 2011)

Un fantastico gruppo elettro-rock che non è certo semplice definire, non perché abbiano sovvertito le regole della musica, solo e…

26 May 2011 Reviews

Read more

Masked Intruder - M.I. (Fat Wreck, 2014)

Grande conferma per i Masked Intruder, pop-punk band che dalle lande sperdute del Wisconsin approda al secondo disco (su Fat…

04 Jun 2014 Reviews

Read more

L'Enfance Rouge - Trapani, Halq Al Waady (Wallace, 2008)

Ritorno di Cambuzat, Locardi e Andreini (ormai sempre più inserito fra le maglie del loro suono): L'Enfance Rouge è un…

17 Apr 2008 Reviews

Read more

Napalm Death - Smear Campaign (Century Media/EMI, 2006)

Ancora veterani. Suppongo che suonare Grind/Death sulla soglia dei quaranta ti faccia vivere una quotidianità piuttosto normale, forse più o…

29 Nov 2006 Reviews

Read more

Plaisir - The Cosmic Key & The Comic Mood (Autoprodotto,…

Per coronare una settimana bruttina mi metto ad ascoltare gli ultimi demo-autoproduzioni che aspettano sulla pila degli arretrati: assicuro che…

25 Feb 2007 Reviews

Read more

Anders Vestergaard & Finn Loxbo - Saint Erme (Gikt, 2019)

Continua la collaborazione tra il chitarrista svedese Finn Loxbo e il batterista danese Anders Vestergaard, che già con il precedente…

23 Aug 2019 Reviews

Read more

Prosperina - Faith In Sleep (Maybe, 2012)

Musica abbastanza lisa e consunta quella dei Prosperina, ma per chi ama chitarrismi elefantiaci in un magma psichedelico potrebbe esserci…

12 Dec 2012 Reviews

Read more

Makhno - Leaking Words (Neon Paralleli/Wallace/Brigadsico e altre, 2018)

Non era necessario arrivare al terzo disco per capire che Makhno è una delle esperienze più autenticamente hardcore che potete…

31 May 2018 Reviews

Read more

Blogroll

Ho sempre avuto la mania di prendere appunti dai forum in rete: se un disco lo si mitizzava me lo…

10 Aug 2006 Articles

Read more

Sorella Maldestra - Maltempo (Banksville, 2009)

Ebbene sì, sono tornati anche loro. Nel panorama nazionale di illustri dispersi mai e poi mai avrei immaginato che…

05 Dec 2009 Reviews

Read more

Wound – And Nothing Will Be The Same (Spirit Throne,…

Ha un che di funereo, nel suo candore intaccato solo da fiori raffigurati in toni di grigio, questo nastro del…

08 Sep 2015 Reviews

Read more

Monktronik (Pasquale Innarella & Roberto Fega) – S/T (Setola…

Il nome dato a questo progetto fornisce coordinate piuttosto precise di ciò che troveremo nel disco CD. Monktronik è il…

30 Jun 2014 Reviews

Read more

Cégiu - Glowing Goodbyes (LP/CD limited editions, autoprodotto, 2022)

A volte la radio rapisce. Come questa sera, nel dopocena, mentre una radio nazionale manda un programma di approfodimento sulla…

21 Apr 2022 Reviews

Read more

Polaris - s/t (Gringo, 2006)

Siamo degli ignoranti. Sappiamo tutto e rimaniamo degli ignoranti. Per qualche strana ragione qui da noi siamo obbligati a conoscere…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

Chrome Division - Doomsday Rock 'n Roll (Nuclear Blast, 2006)

Ho deciso di dare una svolta alle recensioni di brutti dischi per non prendermi una patente pirandelliana.Con orgoglio posso dire che questo…

20 Jul 2006 Reviews

Read more

Giardini Di Mirò - 24/10/09 Unwound Club (Padova)

In una fredda serata di fine ottobre capito all'Unwound, locale ricavato da un ex magazzino alla periferia nord di Padova,…

14 Nov 2009 Live

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top