since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Psycho Kinder – Epigrafe (Fonetica Meccanica, 2020)

Da sempre aperto all’incontro fra parola e musica, con la prima alla continua ricerca di suoni che la veicolino, Psycho Kinder , progetto di Alessandro Camilletti, arriva con Epigrafe alla quinta uscita lunga e per l’occasione si circonda di musicisti, uno per traccia, dotati di spiccata personalità, eppure capaci di dar vita a un album…

Read more

Paolo Bellipanni – Radiance (Eklero, 2020)

Paolo Bellipanni abbandona la vecchia ragione sociale K’an, con la quale lo avevamo conosciuto ormai sette anni fa, e (ri)esordisce con un album a proprio nome: Radiance non taglia i ponti con quanto fatto ma sviluppa verso una forma ancor più coerente le intuizioni del precedente Babel del 2016. Mi pare possa dunque rimaner valida…

Read more

Sarram – Silenzio (Autoprodotto, 2020)

Per una volta il famigerato “disco nato nel periodo del lockdown” non è una vergognosa pippa autoreferenziale (lo stesso, inutile album che sarebbe uscito anche prima, ammantato dall’alone di dramma per provare a darsi un tono) ma un lavoro che ha senso come testimonianza, ma anche come interpretazione, del vissuto di questo strano periodo. La…

Read more

Adamennon/Shiver – S/T (Diazepam, 2020)

Se, durante la successione di antichi e più recenti capodanni, dal 31 ottobre al 31 dicembre, la distanza fra i mondi si riduce fino quasi ad annullarsi, è necessario, a maggior ragione in un’epoca particolare come questa, una colonna sonora adatta: mi permetto di suggerirvi questo nastro, pubblicato non a caso il 2 novembre, che…

Read more
Back to top