since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

VV.AA. – B6TCH6 (Solium/Light Item, 2020)

Ammetto che mi ha un po’ inquietato ricevere un’audiocassetta accompagnata solo da questo messaggio: This tape is NOT B6TCH6. B6TCH6 is digitally only. You can listen to this tape for what it is, OR: {[A1X1+A2X1+A3X1+A4X1+B1X1,2+B2X2=B6TCH6]} Also: {[A2↔A4]} OR: DL mixtape = free First 3 tracks → File1, Last 3 tracks → File2 File1+File2 → Digital…

Read more

Cernichov – S/T (Cathedral Transmission, 2020)

Cernichov nasce sull’asse Milano-Bruxelles dalla collaborazione fra Marco Mazzucchelli e l’americano, trapiantato nella capitale belga, David Gutman (Tropic of Coldness, Drawing Virtual Gardens) e si propone, in questo primo lavoro, un obiettivo ambizioso: esplorare il suono del fallimento della società moderna. È un argomento che già incontrammo anni fa in occasione dell’esordio del sodalizio Deison/Mingle,…

Read more

Mastice – Crepa (Hellbones/I Dischi Del Minollo, 2020)

Il secondo lavoro lungo dei Mastice, duo noise ferrarese, segna un deciso passo avanti nella definizione di una propria cifra stilistica, scartando alcune opzioni poco convincenti sperimentate in passato e concentrandosi sullo sviluppo di quelli che possono diventare punti di forza, dando alla poetica autoriale-rumoristica del gruppo una forma compiuta. La natura aperta che il…

Read more

Aara – En Ergô Einai (Debemur Morti, 2020)

In soli due anni gli svizzeri Aara sono riusciti a emergere nell’affollato panorama black metal attuale: il secondo disco del gruppo elvetico, En Ergô Einai, ispirato all’età dell’Illuminismo, ne è la conferma ed è capace di consolidarne lo status, almeno a livello underground. Definizione che però potrebbe presto diventare stretta alla band che fa uscire…

Read more
Back to top