Isterismo + Circuits + Collapsed Toilet Vietnam + Leprosy + Kromosom – 16/10/10 Arthouse (Melbourne)

Nella nostra trasferta downunder non poteva mancare un concerto alla mecca del punk locale: all'Arthouse infatti ha suonato praticamente qualunque gruppo punk/hardcore sia passato da Melbourne negli ultimi vent'anni; il locale oltre al bar e sala da concerti al piano terra ha anche un biliardo con divanetti nella stanza adiacente e un ostello ai piani superiori con tanto di pub e cucina. L'occasione di farci una visita si presenta per il concerto dei giapponesi Isterismo che, supportati da una lunga fila di band locali, proveranno a rinverdire i fasti dell'hardcore italico anni ottanta: i nipponici propongono infatti proprio questo genere di musica tanto caro a noi di Sodapop.
Arrivati per una volta in tempo al concerto possiamo vedere ogni gruppo dall'inizio, anche se con un po' di ritardo stavolta non ci saremmo persi molto: i Kromosom suonano un punk crust semplice e diretto quanto scontato e banale e dopo avere guardato per un po' le movenze dei suonatori sul palco e le creste che pogano di sotto ci allontaniamo per preservare i timpani, dato che da queste parti sul volume non si lesina di certo; i Leprosy sono aisterismolivearthouse2ppena meglio, se non fosse che la voce del cantante è riverberata al massimo (e già quella del cantante dei Kromosom non scherzava), tanto da risultare addirittura comica. Andiamo un tantino meglio con i Collapsed Toilet Vietnam, band dove suonano tre membri dei Whitehorse: purtroppo il misto di grind e crust non convince del tutto, sia i suoni che i pezzi sono un po' fuori fuoco. Quando ci stiamo per rassegnare ad una lunga attesa, la serata si scalda con l'ultimo gruppo locale, gli ottimi Circuits che snocciolano un hardcore veloce, "crustato" e appena smetallato davvero prodigioso con tanto di voce femminile in screaming acuto incredibile, poderoso chitarrista capellone travestito da donna, bassista minaccioso ai cori e batterista a mille all'ora: ce ne fossero di gruppi così; tralaltro riconosciamo il batterista come lo stesso dei Sex On Toast, sofisticata band lounge/jazz/rock già vista nei giorni precedenti e lontana chilometri dai suoni che passano qui all'Arthouse: è tipico di un ambiente dove ognuno suona quello che gli va senza farsi grossi problemi. I quattro giapponesi salgono sul palco quando ormai i ragazzi delle prime file si sono già riscaldati per bene e non si fanno certo pregare per fornirgli altro materiale buono per il pit: come sempre nello stile dei nipponici la replica dei suoni originali è ottima, dagli ampli esce una miscela davvero da paura principalmente a base di Wretched, inoltre anche se non abbiamo capito una sola parola ci assicurano che i testi sono tutti cantati (urlati) in italiano; show breve, incisivo ed efficace che ci lascia più che soddisfatti, e prima di scappare verso il tram non ci facciamo mancare due chiacchere coi ragazzi giapponesi al banchetto, il tutto ovviamente in un italiano maccheronico.

Tagged under: , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Circle Takes The Square - Decompositions: Volume Number One (Gatepost,…

Sarebbe ingenuo e anche un pochino arrogante non leggere l'attuale crisi, finanziaria ma anche valoriale, come una fase particolarmente dispersiva…

06 Jun 2013 Reviews

Read more

Robert Lowe: la natura psichica dei licheni

Robert Lowe è recentemente assurto a una pur relativa notorietà grazie alla vicinanza con le doom star Om. In realtà…

27 Oct 2012 Interviews

Read more

Francesco Giannico/Zac Nelson – Les Nomades Paysages (HYSM?/Lemming, 2013)

Zac Nelson lo avevamo conosciuto come eclettico musicista pop in un bel disco uscito su Second Family un paio di…

23 Jan 2014 Reviews

Read more

Casa Del Mirto – 1979 (Mashhh!, 2011)

I pomeriggi da piccolo, quando giocavi con gli amici senza stancarti mai, dove pure le giornate non finivano più. Il…

12 Mar 2011 Reviews

Read more

Putan Club – 10/04/10 Le Tits (Brescia)

A un solo giorno di distanza da Amaury Cambuzat coi suoi Ulan Bator anche il cugino Francois (già Gran Teatro…

08 Apr 2010 Live

Read more

Cardosanto – Pneuma (Wallace/DreaminGorilla/Rude, 2014)

Torna, grazie alla ristampa ad opera di Wallace, DreaminGorilla e Rude Records, una delle pietre miliari, o più probabilmente la…

19 Jun 2014 Reviews

Read more

LvQ – (Y) (Autoprodotto, 2009)

Il passo più duro è stato mettere il CD nel lettore, superando la paura di trovarsi davanti all'ennesimo gruppo di…

27 Nov 2009 Reviews

Read more

I Camillas - Le Politiche Del Prato (DischidiPlastica/MarinaioGaio/Wallace/Tafuzzy, 2009)

I Camillas portano bene! Ma dico sul serio. Qual' è la linea di confine tra un pugno di canzoni demenziali…

09 Dec 2009 Reviews

Read more

Vanessa Van Basten - Psygnosis EP (Consouling Sounds, 2008)

Questo forse è uno dei pochi gruppi genovesi che oltre ai Port Royal e ai Banshee negli ultimi tempi ha…

07 Jan 2009 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 35 (25/06/15)

Puntata numero trentacinque della terza stagione di The Sodapop Fizz, Emiliano e Massimo alle prese con due etichette molto gradite…

28 Jun 2015 Podcasts

Read more

Nicola Di Croce – Istruttiva Serie (Kohlhaas, 2015)

“Un percorso non lineare che procede per tentativi” così la cartella stampa descrive Istruttiva Serie, una definizione azzeccata che lascia…

07 Nov 2016 Reviews

Read more

Persian Pelican - How To Prevent A Cold (Autoprodotto, 2012)

Placidamente pop. Indie pop. Elettroacusticamente indie pop. Questo giusto per tentare di riassumere in maniera funzionale il secondo lavoro, dopo…

23 Jan 2013 Reviews

Read more

M+A – Things.Yes (Monotreme, 2011)

Quando metto su questo esordio degli M+A non posso fare a meno di fermarmi dal fare quello che sto facendo…

18 Jan 2012 Reviews

Read more

Killed By 9V Batteries – The Crux (Siluh, 2011)

Parlavo proprio del Flex di Vienna nella precedente recensione degli Squaramouche ed ecco che leggo sul flyer che mi è…

12 Jan 2012 Reviews

Read more

Molestia Auricularum – Dissolvi (Dokuro, 2017)

Avevo un ricordo lontano di Molestia Auricularum (nome dietro cui si nasconde Federico Trimeri, bassista degli Storm{o}) risalente a un…

28 Dec 2017 Reviews

Read more

Whores / Rabbits - Split 7" (Brutal Panda, 2014)

Ho sempre pensato che tra i gruppi meno facilmente "coverizzabili" ci fossero The Cure: non so perché ma ho sempre…

15 May 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top