Zeus! + Vulturum + 7Bloodyhopes + Heisenberg – 06/03/11 La Tenda (Modena)

Essendo rimasto a pernottare nelle terre del Megawolf dopo la sua festa di compleanno ed essendo l'orario della sveglia assai prossimo al pomeriggio, mi pare opportuno cogliere l'occasione per assistere a questo simpatico concerto pomeridiano nel capoluogo, in un locale che di recente ha fatto parlare di sè per l'interessante programmazione. Andiamo a verificare.
La Tenda è una struttura prefabbricata frequentata da gente di tutte le età, razze e tendenze musicali, ubicata a pochi passi dalla piazza che ebbe la disgrazia di ospitare tutte le edizioni del Pavarotti and Friends: pensate che la vergogna che la comunità prova nei confronti di quell'orrore è tale che sul posto stanno costruendo un parcheggio, nel tentativo di cancellarne la memoria. Io comunque sono qui per ascoltare ben altra musica, è di quella che conviene parlare. In apertura ritroviamo i romani Heinsenberg che, col chitarrista sopravvissuto all'alcolica notte del Megawolf, danno prova migliore rispetto alla sera precedente: l'allenamento porta evidentemente maggior scioltezza e forse aiuta anche la presenza di un pubblico più numeroso. Mezzo punto di meno per non aver raccontato barzellette sporche fra un vulturum__la_tendapezzo e l'altro. Dopo di loro tocca ai local heroes 7Bloodyhopes, autori di un metalcore taglia-e-cuci in salsa mosh che riunisce quanto di meglio e peggio il genere abbia offerto negli ultimi anni, dalle pose da Monsters Of Rock al rifferama massimalista. Nonostante il genere non mi appassioni lo spettacolo è discreto, ma il brano iniziale, un mid-tempo soffertissimo, lasciava presagire qualcosa di meglio. I Vulturum era un po' che non li vedevo e dopo aver ascoltato il 12" su Trip Und Traume, specie il "tranquillo" lato B, la curiosità era grande. Disposte le batterie con un'inclinazione di 90° l'una rispetto all'altra e con la postazione della chitarra a completare questa formazione a T dal significato certamente esoterico, palesano i cambiamenti già dalle prime note. Se gli intrecci ritmici sono ormai marchio riconoscibile della band,la voce si è fatta, se non proprio "grunge" come dice qualcuno, certo meno spigolosa e quasi rock, mentre la chitarra le va dietro, lasciando per strada certe impennate postcore e assestandosi su toni più pacati. Sia chiaro, rimaniamo su territori hard, come direbbe il buon Nikki, ma il discorso si fa più complesso e stratificato, meno monolitico, con una maggior attenzione alle melodie e zeus__la_tendaun approccio che non si basa più solo sull'impatto fisico. C'è ancora qualcosa da aggiustare qua e là, ma la strada intrapresa è certamente interessante. A chiudere il pomeriggio quando ormai è sera, sono gli Zeus!, che hanno dovuto abbandonare il sintetizzatore a causa di un problema durante il soundcheck. Si affidano dunque a basso, batteria e voce, elementi, come vedremo, più che sufficienti ad annichilire la platea. La formula è nota, ma vedere dal vivo questa miscela di brutalità alla Man Is The Bastard e quadrature alla Nomeansno che si snodano fra accelerazioni e rallentamenti da cardiopalma, fa davvero impressione. Ad arginare l'impeto ci sono parti più accessibili e quasi rock'n'roll, utili a rendere il gruppo appetibile a un pubblico meno abituato alla violenza, e che alle orecchie di noi metallari diluiscono l'impatto e allungano un po' troppo il concerto, che ha nell'inizio e nel finale in crescendo i momenti migliori. L'avevo già notato al No Fest di Torino, ma può benissimo darsi che l'impressione sia dovuta al mio essere un ottuso e inveterato metalhead o alle scarse energie dopo due giorni di full immersion concertistica estrema. È infatti ormai tempo di imboccare l'autostrada e rientrare alla base: Megawolf is my co-pilot.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Bad Pritt – S/T (Shyrec, 2018)

Quando avevamo perso le tracce di The White Mega Giant, il trio veneto stava evolvendo il proprio suono, partito da…

31 Dec 2018 Reviews

Read more

Sodapop Fizz – Anno 3 Puntata 2 (16/10/14)

Seconda puntata della terza stagione di The Sodapop Fizz: Emiliano e Stefano in diretta con lo speciale sull'etichetta Ebullition Records.…

22 Oct 2014 Podcasts

Read more

The Dillinger Escape Plan - One Of Us Is The…

Non è mai facile confrontarsi con un gruppo che una quindicina di anni fa era sulla bocca di tutti per…

19 Dec 2013 Reviews

Read more

Giorgio Dursi – Poetry Reading With Sound Footnotes (Arte Tetra,…

Quello che non ti aspetti da un’uscita su Arte Tetra è che ti sorprenda: dopo anni di frequentazione dell’etichetta marchigiana…

09 Aug 2017 Reviews

Read more

Magik With Tears e Lisca Records: nuove etichette per nuovi…

Giovani label... e vecchie conoscenze. Non che si tratti di un fenomeno solo italiano, ma resta che a volte scava…

13 May 2011 Articles

Read more

Schwingungen 77 Entertainment - Act I: Notes In Freedom (Setola…

Un ascolto lontano da qualsiasi condizionamento o cliché, una sfida a tutto ciò che è banale ("Banality is not harmless:…

30 Oct 2014 Reviews

Read more

Adamennon & Luciano Lamanna – Iris (Souterraine, 2017)

Esordiscono insieme l’etichetta napoletana Souterraine e la collaborazione fra Adamennon e Luciano Lamanna che su questo 12” mettono in comune…

11 Oct 2017 Reviews

Read more

Lakes - Blood Of The Grove (Avant!, 2013)

Dietro la sigla Lakes si nasconde nell'oscurità goth Sean Bailey, australiano che ruota dalle parti di Melbourne. In Blood Of…

16 Sep 2013 Reviews

Read more

Nicola Di Croce – Istruttiva Serie (Kohlhaas, 2015)

“Un percorso non lineare che procede per tentativi” così la cartella stampa descrive Istruttiva Serie, una definizione azzeccata che lascia…

07 Nov 2016 Reviews

Read more

Gerda - Cosa Dico Quando Non Parlo (Shove/Wallace/Donna Bavosa/Concubine/Sons Of…

Avevamo lasciato i Gerda ad un buon esordio e li ritroviamo riveduti e più calibrati anche al giro di boa.…

27 Aug 2007 Reviews

Read more

Psychocandy - Le Canzoni Dei Folli (Autoprodotto, 2006)

Buon prodotto di stampo tipicamente americano per questi quattro metallari del mezzogiorno che porano in giro il nome Psychocandy. Benché…

18 Aug 2007 Reviews

Read more

Simm - Too Late To Dream (Ohm Resistance, 2021)

Il bello arriva quando si perdono le speranze, rilasciando i propri gesti più intimi e personali senza più remore. Terza…

23 Nov 2021 Reviews

Read more

Maurizio Abate – A Way To Nowhere (Boring Machines/Black Sweat,…

Membro del collettivo Eternal Zio e collaboratore dei più svariati musicisti (Jooklo Duo, Kawabata Makoto degli Acid Mothers Temple, BeMyDelay…)…

05 Jun 2014 Reviews

Read more

H!U/Stelvio – Pulsatilla (Casetta/Subincision/Light Item, 2018)

Il percorso artistico di H!U – giunto alla quinta tappa - si fa stavolta meno solitario grazie a Stelvio, che…

09 Jul 2018 Reviews

Read more

Slowcream - Wax On Wool (Nonine, 2009)

La Nonine è stata una delle migliori sorprese dello scorso anno in ambito elettronico e per di più si tratta…

26 Jan 2009 Reviews

Read more

Kleinkief - Fukushima (Shyrec/Dischi Soviet Studio, 2016)

Delicato art rock italiano dalle pretese e dalla presunzione fuori dal tempo. Sonorità pompose e gonfiate dalle ispirazioni anni novanta…

07 Aug 2016 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top