since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

The Dust Dive – Asleep Or Awake Walk (Own, 2005)

Alle volte, ti trovi in situazioni in cui ti sembra di percepire il famoso cespuglio di sterpi che rotola come nelle gag più scontate di Benny Hill, nei fumetti dei Peanuts, o nell'imbarazzo di una festa a cui avresti fatto meglio non partecipare. Quelle situazioni di stasi che si tagliano con un grissino, per rimanere nei luoghi comuni che tanto cari mi sono. Questo disco dei Dust Dive, trio di Broccolino, pare vivere esattamente sul filo, costantemente in equilibrio precario, in attesa di un qualcosa che non succederà.
Automaticamente ci si sente portati in una baracca di legno scricchiolante, con i field recordings di venticello, uccellini, passi a far da legante alle composizioni scarne e tese dei tre nuovaiorchesi. Landscapes americani dilatati cari più allo Smog e al Palace di qualche anno fa che ai desertici visionari alla Howe Gelb. Le sparse melodie di chitarra delineano gli spazi su cui si adagiano layer di voci non del tutto armonizzate; paiono andare più ognuna per sè che non seguire un preciso intento. Da qualche parte tra i parlottamenti di Chris Leo con i suoi Van Pelt (per tonare ai Peanuts) ma su basi decisamente più vaghe, niente angeli in giro questa volta. A condire il tutto arrivano delle rasoiate di violino indolente, dalle parti dei Dirty Three, se levate gli epici crescendo postrock.
Due chitarre iper riverberate e violino è, dunque, la pasta base di questo disco piuttosto interessante. Passato lo choc dell'appeal urbano/pastorale già strasentito, ci troviamo rapiti all'interno di queste composizioni che sembrano intercettate attraverso apparecchi radio d'altri tempi. Dove compaiono, le voci sono e rimangono il punto focale delle strutture, attirando l'attenzione dell'ascoltatore che nelle parti strumentali è costantemente mantenuto sul chi va là.
La maturità di questa raccolta di canzoni ne fa un buon compendio, in una passeggiata da svegli o addormentati, per i nostalgici della prima Cat Power, quando i Two Dollar Guitar avevano qualcosa da dire, e Herman Dune, emulo/i di tutto e tutti; un disco che non ti stupiresti di trovare su Acuarela e portare in trionfo all'altare del quasi-adult-oriented indie-rock cantautorale.

Tagged under: , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Back to top