Comaneci – 05/02/10 Morya (Cellatica – BS)

Finalmente i Comaneci. Dopo un album che nel mio personalissimo tabellino è nettamente superiore al precedete, ero ansioso di verificare se l'evoluzione si evidenziasse anche da vivo e il locale di Cellatica, pur attuando quest'anno una programmazione piuttosto rarefatta, non si è lasciato sfuggire l'occasione di avere il gruppo ravennate sul proprio palco. Il gruppo, già lo sapete, si è ora ridotto a duo, rispetto al terzetto con tanto di violoncello che era una volta. Ma se su disco erano aiutati da una squadra di ospiti prestigiosi, qui hanno da fare tutto da soli: Francesca Amati a voce e chitarra acustica e Glauco Salvo all'elettrica e al banjo. Mentre la sala va lentamente riempiendosi, loro cominciano e subito appare chiaro come, in un contesto così minimale, sarà il gioco dei contrasti a caratterizzare la serata: melodia opposta rumore, atmosfere rilassate contro cadenze ossessive. Le orecchie ferite dai picchi chitarristici di Not, ben superiori in dinamica a quelli che sentiamo su disco, sono curate dal pop delicato di She, alla melodia prewar di Satisfied Girl, dedicata a tutte le ragazze presenti, si oppone una On My Path particolarmente inquietante e sciamanica, che al momento del ritornello spinge quasi a tapparsi le orecchie per l'impennarsi appaiato di voce e chitarra elettrica. Le ombre proiettate sul fondo comaneci---------------------morya---------------rossorosso, aste di microfono che assumono le sembianze di alberi spettrali, aggiungono suggestione a una serata in cui, idealmente, la Pianura che degrada verso l'Adriatico si fonde con il basso corso del Mississippi in un blues antico eppure attaulissimo. Intanto, mentre la sala si è riempita del solito, educatissimo pubblico (e girando mi rendo conto come sia una dote sempre più rara), è il momento di qualche ripescaggio dal passato, perché come dice Francesca "anche in due siamo sempre i Comaneci"; ma ormai sono le nuove vesti quelli che si adatta meglio ai due. Così, quando finito il set, cercano di andarsene sono costretti a desistere a suon di applausi e ci regalano una cover, che ammetto umilmente di non aver riconosciuto e piccolo, gustosissimo fuoriprogramma, una versione di The girl you want suonata al piano forte in fondo alla sala, con accompagnamento di banjo e tutto il pubblico intorno. Una scena del genere basta, da sola, a rappresentare l'atmosfera dell'intera serata: complice, intima, ma di largo respiro.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Gravitsapa – Vulgata (HYSM?, 2013)

Chissà come reagirebbe il buon Vladimir Il'ič Ul'janov nell’ascoltare un gruppo ucraino suonare come dei consumati musicisti provenienti dalla capitale…

04 Dec 2013 Reviews

Read more

Helios - Eingya (Type, 2006)

Paesaggi dipinti da un piano, pizzicati dolcemente da una chitarra e che descrivono i cicli delle stagioni e degli stati…

21 Nov 2006 Reviews

Read more

L'Ultimo Disco Dei Mohicani, intervista a Maurizio Blatto

Una varia umanità che spazza via qualsiasi noiosa "pippa" da appassionati di musica. La negazione assoluta di qualsiasi nozionismo musicale fatto apposta…

22 Feb 2011 Interviews

Read more

Massimo Volume - 08/11/08 Arci Tom (Mantova)

Impossibile non avere mai incrociato i Massimo Volume, almeno nella persona di Emidio Clementi, anche per chi, come me,…

14 Nov 2008 Live

Read more

Hesus Attor - Sonic Gastronomy Volume 1 (Moonlee, 2008)

Quartetto di squilibrati croato che, giustamente, la attivissima Moonlee non tarda a far entrare nel proprio pollaio. Le coordinate sono…

22 Nov 2008 Reviews

Read more

Enzo Rocco/Lol Coxhill - Fine Tuning (Amirani, 2010)

Dopo Braxton e Russell la Amirani si spara un altro monumento vivente dell'avant-impro-jazz anglofono, Lol Coxhill. Per chi non lo…

12 Jul 2010 Reviews

Read more

Belf/Grubbs/Pilia - Onrushing Cloud (Blue Chopstick, 2010)

Esame di laurea per i nostri due connazionali, Andrea Belfi (ex Rosolina Mar e coinvolto in innumerabili progetti) e Stefano…

23 Sep 2010 Reviews

Read more

Maninkari - Le Diable Avec Ses Chevaux (Conspiracy, 2008)

Nella mia personale campagna per la promozione degli sfigati (…sarà che m’identifico, che vuoi farci) questa recensione riveste un interesse…

10 Feb 2009 Reviews

Read more

Lakes - Blood Of The Grove (Avant!, 2013)

Dietro la sigla Lakes si nasconde nell'oscurità goth Sean Bailey, australiano che ruota dalle parti di Melbourne. In Blood Of…

16 Sep 2013 Reviews

Read more

Olyvetty - Nothing To Eat 10” (A Dear Girl Called…

Quinta produzione e quinto tipo di supporto testato (dopo il 7", il CD-R, l'LP one side e la cassetta) per…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Dialvogue (Andrea Bolzoni/Daniele Frati) – Outfit (Bunch, 2014)

Il collaudato sodalizio fra Andrea Bolzoni e Daniele Frati a nome Dialvogue, passato da Setola Di Maiale a Bunch Records,…

30 Jan 2015 Reviews

Read more

Razoj - S/T (Setola Di Maiale, 2009)

Se seguendo l'idea del nome parliamo di un rasoio a doppia lama, costatiamo che si tratta di due ferri molto…

02 Nov 2009 Reviews

Read more

Ovo – Abisso (Supernatural Cat, 2013)

Nonostante le numeroso uscite discografiche, anche su etichette di nome come Load e l'attuale Supernatural Cat e i palchi calcati…

28 Oct 2013 Reviews

Read more

Bad Pritt – EP1 (Shyrec/Ricco, 2021)

Ascoltare ad alto volume. Per quanto possa sembrare strano riferito ad un EP che ha nel piano lo strumento principale…

29 Dec 2021 Reviews

Read more

Rara Avis – Mutations/Multicellulars Mutations (dEN, 2013)

Prendete Stefano Ferrian al sax tenore e soprano, Simone Quatrana al piano, Luca Pissavini al contrabbasso e SEC_ ai nastri…

30 Apr 2013 Reviews

Read more

Napalm Death - Smear Campaign (Century Media/EMI, 2006)

Ancora veterani. Suppongo che suonare Grind/Death sulla soglia dei quaranta ti faccia vivere una quotidianità piuttosto normale, forse più o…

29 Nov 2006 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top