Aucan – Dna EP (Africantape/Ruminace, 2010)

È un laboratorio, questo EP, dove gli Aucan manipolano il proprio codice genetico partendo dal presupposto che “il domani è oscuro. Ed è elettronico”, urge quindi evolversi per affrontarlo. Dopo aver ascoltato questi cinque pezzi sono portato a pensare che i due aggettivi vadano letti in opposizione e che, attraverso un suono che si è fatto più sintetico, ma non freddo né meccanico, il gruppo si muova per dissipare l’oscurità in quella che è, a tutti gli effetti, terra di nessuno. Immagino che quello che si accosti al terzetto sia un pubblico di estrazione prettamente rock, che si troverà così a fare i conti con un suono a cui è poco avvezzo, ben al di là del morbido electro-jazz dei Tortoise o del manierismo techno-math dei Battles; e nemmeno i neoconvertiti al dancefloor avranno vita facile: l’assenza di basso segna le composizioni e le smarca da troppo facili paragoni. Qui dominano i synth scuri e i frammenti vocali del dubstep, con le chitarre che fanno capolino in Rooko, ma poi sprofondano nel dub Scorniano di Crisis (ma quanto era avanti il gruppo di M.J. Harris?) e nel pop corale e sparatissimo di Dna, per riaffiorare in Urano 2 e naufragare definitivamente nell’estenuante ambient di The Darkest Light, che marca un’ideale chill out zone (in realtà più inquietante che rilassante). Ritroviamo la scrittura asciutta, scevra dalla gratuità che caratterizza molti gruppi tastier-chitarristici e le belle melodie, quasi tutte delegate ai asynth, segno che il baricentro tende a spostarsi verso suoni “altri”: col ripetersi degli ascolti sono proprio i momenti più sintetici a convincere maggiormente. Si ascolti la già citata Urano 2, dove una prima parte tutto sommato canonica è riscattata da un finale notevole, dove i traccianti dei sintetizzatori si intersecano con una batteria triggerata ma umanissima. Dna, anche grazie alla durata non eccessiva, ha il fascino un po’ ambiguo delle opere che mettono in scena la mutazione e viene da chiedersi se abbia senso portare le cose alle estreme conseguenze, rischiando di ritrovarsi con un normale progetto elettronico (e il pensiero va di nuovo ai recenti, slavati Scorn). Forse che gli Aucan abbiano già individuato altre, poco battute, strade? In questo senso il futuro è davvero oscuro.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Sufjan Stevens - The Age Of Adz (Asthmatic Kitty, 2010)

Quando meno te lo aspetti, in un anno deludente per l'indierock arriva uno dei dischi migliori da anni: è l'ennesima…

29 Oct 2010 Reviews

Read more

Ask The White - Sum And Subtraction (Ammiratore Omonimo /…

I componenti del duo Ask The White hanno già un notevole percorso artistico alle spalle. Isobel Blank, cantautrice e artista…

12 Oct 2018 Reviews

Read more

Lilium - Black Dear (Taxi Driver, 2013)

Prosegue con perseveranza il lavoro della Taxi Driver per portare alla giusta ribalta le identità genovesi dedite a sonorità estreme…

07 Jun 2013 Reviews

Read more

Braconidae – Gaslighting (Luce Sia, 2018)

Viene da lontano la storia di Gaslighting, vinile dove Emiliana Voltarel, in arte Braconidae,  concretizza anni di vita e di…

12 Sep 2018 Reviews

Read more

3eem – Third Segment (Chew-Z, 2009)

I 3eem...fanno tre. Ad oltre due anni da Matilda tornano con un album che apre scenari inediti e quanto mai…

22 Feb 2010 Reviews

Read more

Haymaker - Let Them Rot 7" (A389, 2014)

Tornano a registrare gli Haymaker, dopo anni di silenzio: i componenti nel frattempo sono/erano impegnati nelle loro altre band (tra…

30 Jan 2014 Reviews

Read more

Beats Me! - Out Of The Box (Autoprodotto, 2011)

Frizzantissimo trio romano dedito sia stilisticamente che propositivamente al punk rock settantasette americano con una strizzatina di Buzzcocks. Considerdando…

12 Dec 2011 Reviews

Read more

Bachi Da Pietra - Festivalbug (Corpoc, 2013)

Non sono passate dodici lune dall’uscita di Quintale che già il baco torna a farsi sentire: il suo lavoro è…

20 Dec 2013 Reviews

Read more

Osaka Flu - The Revolution (Autoprodotto, 2011)

Frizzantissimo garage 'n' roll dall'aretino. Tre pezzi stringati ed asciutti come un caffè cortissimo bevuto nel regno unito: non…

15 Dec 2011 Reviews

Read more

AA.VV. - Sampler (Velak, 2010)

Questa compilation della Velak records mette assieme una serie di tracce elettroacustiche di musicisti che non avevo mai sentito prima,…

01 Aug 2011 Reviews

Read more

Giorgio Dursi – Poetry Reading With Sound Footnotes (Arte Tetra,…

Quello che non ti aspetti da un’uscita su Arte Tetra è che ti sorprenda: dopo anni di frequentazione dell’etichetta marchigiana…

09 Aug 2017 Reviews

Read more

Tiziano Milani - Im Innersten (Afe, 2009)

Ormai non ha più senso parlare di rivelazione per Tiziano Milani visto che sarà al quarto o quinto album e…

31 Jan 2009 Reviews

Read more

Me Raabenstein - R (Nonine, 2012)

L'eterno ritorno di Me Raabenstein, ma non in senso ebraico e neppure in termini di tematiche, è semplicemente che questo…

04 May 2012 Reviews

Read more

Fabrizio Modonese Palumbo – Doropea (Old Bycicle, 2015)

Torino difficilmente lascia indifferenti, ma come tutti i luoghi, per essere conosciuto, va vissuto e anche questo può non bastare.…

24 Jul 2015 Reviews

Read more

G. C. Neri - Logos (Black Widow, 2008)

Forse un po' in anticipo sui tempi di uscita, segnalo comunque questo nuovo progetto del polistrumentista genovese Giorgio C.…

11 May 2008 Reviews

Read more

Harembee – Different Strokes EP (Autoprodotto, 2010)

Il progetto, attivo da diversi anni, è giunto al suo secondo EP. Una ben stringata presentazione danno di loro i…

24 Apr 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top