Sin Ropas – Holy Broken (Madcap, 2010)

I Sin Ropas sono forse il progetto minore ma che con maggiore continuità e linearità d'intenti prosegue l'eredità lasciataci dai seminali Red Red Meat. Senza nulla togliere ai lati maggiormente sperimentali del fondatore Tim Rutili e dei grandi Califone (Deceleration One, a parte), in tour con Wilco da quanto si sa. Forse i Sin Ropas mettono maggiormente l'accento sul lato folk e sulla melodia senza rinunciare alle distosioni tipiche e riconoscibilissime della band di Chicago. Quindi, sì un folk in stato terminale e dal mood sofferente che va oltre e più in profondità della facciata triste da band “pandistelle” (termine rubato a E. Zanotti che lo ha sentito da Federico della Madcap).
Dopo il grandissimo Fires Prizes del 2005 e il sottovalutatissimo Trickboxes On The Pony Line, ecco un altro piccolo capolavoro (dai toni se possibile ancora più lenti) che in poco più di mezz'ora inanella una serie di canzoni (Stolen Stars And light, Folded Uniforms, X For Christmas, Plastic Furs su tutte) con una personalità è un'intensità malata davvero uniche, tanto da far eleggere Tim Hurley a nuovo crooner del nostro peggiore pub. Tanto di cappello, è proprio il caso di dirlo, alla Madcap che, dopo il buon You A Lie di Comaneci, in collaborazione con l'americana Shrug Records (di Duluth) fa uscire una cosetta come questa che può entrare benissimo e già a inizio 2010 nelle playlist annuali, continuamente distratte da altre scintille colorate. Purtroppo non mi sembra che questo progetto abbia avuto sinora le giuste attenzioni, anche perchè, reduci freschi freschi da un loro concerto, la sensazione è confermata ed è quella di avere a che fare con una piccola grande band, oltre che con persone davvero speciali.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Md. After Hussain & Paq – Matir Gaan: Songs From…

La musica è sempre fatta da incontri. Che siano due persone, oppure una corda con un dito. Md. After incontra Andrea…

12 Apr 2022 Reviews

Read more

Nicolas J. Roncea - Eight (Part One), (Autoprodotto, 2014)

Abbiamo già avuto modo di conoscere ed apprezzare Nicolas J. Roncea in quanto membro degli eccellenti Io Monade Stanca e…

29 Jul 2014 Reviews

Read more

NOFest! 2010 - 18-20/06/10 Spazio 211 (Torino)

Se c'era un festival italiano che quest'anno, anche solo sulla carta, meritava di essere visto, era sicuramente la seconda edizione…

27 May 2010 Live

Read more

Skullflower - The Black Iron That Fell From The Sky,…

Una trilogia in vinile sull’oscurità dell’antico Egitto e sull’ombra da cui provengono i sogni più cupi poteva trovare pochi interpreti…

12 Feb 2018 Reviews

Read more

The Martha’s Vineyard Ferries - Mass. Grave (Africantape, 2013)

Da una battuta tra amici nasce il nome di questo trio formatosi quasi per caso e composto per i due…

09 Jan 2014 Reviews

Read more

Yuk! Interventi a cadenza casuale e necessaria numero 3 -…

Etica. Un parolone. Però mi interessa perchè, parlando di musica, segna lo sfumato confine tra le proposte che valgono qualcosa…

13 Oct 2012 Articles

Read more

Enomisossab - O (CD EdisonBox, 2022)

Ascoltando una voce slegata dal corpo l’immaginazione vola. Spesso si tende a pensare chi sperimenta vocalmente come un gigioneggiatore, dati…

19 May 2022 Reviews

Read more

Iron Molar – Poi Piove (Solitude Beast, 2010)

Ancora gli Iron Molar, a pochi mesi dal loro precedente album e dalle prove soliste dei due membri, licenziate a…

11 Feb 2011 Reviews

Read more

Aidan Baker - The Sea Swells A Bit... (A Silent…

Potremmo dire che il signor Aidan Baker è il canadese preferito dagli italiani insieme al circuito Constellation e, anche se…

16 Feb 2007 Reviews

Read more

Vasco Brondi - Cosa Racconteremo Di Questi Cazzo Di Anni…

Fra la fine del secolo appena passato e l'inizio del nuovo abbiamo assistito al ritorno di una multidisciplinarietà a…

14 Apr 2009 Reviews

Read more

Soft Black Star & Zeno Gabaglio/Mike Cooper – The Good…

Incidenti a catena sulla strada della Old Bicycle: con questa cassetta siamo giunti alla settima uscita della serie Tape Crash,…

17 Feb 2014 Reviews

Read more

Marta De Pascalis – Quitratue (Autoprodotto, 2014)

Marta De Pascalis l’abbiamo conosciuta grazie alla compilation Burnt Circuits Kept Under My Bed, dove si segnalava con uno dei…

20 Feb 2015 Reviews

Read more

Alessandro Stefana - Poste E Telegrafi (Important, 2007)

Emiliano recentemente mi ha passato questo cd da recensire e finalmente ho potuto buttare un orecchio su questo ragazzo che…

27 Jun 2007 Reviews

Read more

Luther Blissett – S/T (Eclectic Polpo, 2010)

Attivo dal 2006 e arrivato ora al disco d’esordio, il quintetto bolognese dei Luther Blissett (ma perché chiamarsi come il…

16 Jan 2011 Reviews

Read more

Gli Altri - Prati Ombre Monoliti (Taxi Driver/Smartz, 2017)

Ritornano Gli Altri ancora carichi di punk emozionale, nervoso, strutturato e nevrotico. Armonia e graffi che non smettono un attimo…

19 Apr 2017 Reviews

Read more

Meerkat - Kapnos (Afe/Grey Sparkle/Nighthawks/Ctr+Alt+Canc, 2009)

Idealmente parte integrante di una quadrilogia sugli elementi, Kapnos, che in lingua greca significa "fumo", è il terzo della serie…

14 Apr 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top