Built To Spill – 26/10/08 Interzona (Verona)

Nemmeno i Built To Spill sembrano sfuggire al triste rito del tour autocelebrativo, in cui gruppi più o meno affermati mettono in scena sé stessi in gioventù attraverso concerti monotematici che ripropongono album dei tempi d'oro. Prima di loro, fra gli altri, i Melvins tentarono di ringiovanire riportando a spasso Houdini, i Sonic Youth officiarono la propria commemorazione "performing Daydream Nation" e pure gli Slint si riformarono per rifilarci una specie di "Spiderland quindici anni dopo" che faceva più tristezza dei Soliti ignoti rivisti da Amanzio Todini. Certo, l'indie non poteva pretendere di essere immune da questo logica necrofila tipicamente rock, ma nel proporre un prodotto così preconfezionato a uso e consumo dei fan vecchi e nuovi, dimostra una consapevolezza che rasenta pericolosamente il cinismo. Nel nostro caso, tuttavia, pare trattisi di qualcosa di diverso.

In luogo del solito scontato ripescaggio di un album di successo, il sestetto dell'Idaho decide, meritoriamente, di dare una seconda chance a Perfect From Here Now, l'album meno venduto della loro discografia e lo porta in tour attraverso l'Europa, come aveva già fatto per gli Stati Uniti la scorsa estate.
All'Interzona si aspettano il pubblico delle grandi occasioni e non hanno torto: quando gli svizzeri Disco Doom salgono sul palco, all'esterno c'è ancora gente in fila per il biglietto e la platea è abbastanza sguarnita. Sarà anche che il gruppo non è dei più intriganti, col suo indie rock anni '90, onesto, ma così calligrafico da non lascia il segno, né meritare ulteriori commenti: lasciano il posto, senza rimpianti, ai protagonisti della serata.
builtuspil___________4Nella sala che va facendosi torrida per il calore umano sprigionato dalla gente accalcata, i Built To Spill si presentano col tridente chitarristico, Doug Martsch al centro, basso, batteria e un polistrumentista che si divide fra le testiere e la viola. Incuranti dell'attesa che prende quasi consistenza fisica, i musicisti accordano con calma gli strumenti; poche parole e parte Randy Described Eternity, canzone che apriva il disco che si celebra stasera e la cui scaletta sarà eseguita per intero e nell'ordine. A parte qualche volume da regolare in apertura, tutto gira alla perfezione: i suoni sono ottimi, l'impatto delle diciotto corde crea un muro di suono che rasenta il noise senza mai sommerge la melodia, il tiro della band è buono. Pur trattandosi di un concerto prevalentemente per "adepti ai lavori" del gruppo americano lo spettacolo è estremamente godibile, grazie alle belle melodie che caratterizzano le canzoni e sfociano in lunghe code chitarristiche, che rivelano, sottotraccia, radici ben piantate nell'energico indie dei '90, radici solide che testimoniano come il gruppo abbia ancora ragione di esistere, comporre, suonare.
Dopo poco più di tre quarti d'ora Dough Martsch annuncia l'ultima canzone, suona Untrustable e saluta. Tutti sappiamo che non può finire qui; pochi minuti e sono tutti nuovamente sul palco: è la volta di un inedito, più conciso rispetto alla media dei pezzi ascoltati fino ad ora, un altro pezzo e poi Car, suonata un po' svogliatamente, ma bella comunque; ce ne vuole per rovinare una canzone del genere. Si chiudesse qui, il concerto sarebbe da 8 pieno.
builtuspil_________1Invece i Built To Spill decidono di strafare e pescando pezzi da tutto il loro repertorio, quasi replicano in durata la prima parte del concerto. Qualcosa però si è rotto, il gruppo è scarico, suona con sufficienza eccessiva: le chitarre, in precedenza così essenziali, si sovrappongono senza costrutto o spariscono improvvisamente e anche i minuti di silenzio spesi ad accordare fra un pezzo e l'altro, che in precedenza si erano sopportati di buon grado, ora diventano ulteriore fonte irritazione. Così, in poco più di quaranta minuti, il gruppo dilapida quasi completamente il vantaggio accumulato nella prima frazione, fino ad attestarsi su una striminzita sufficienza.
Avranno forse gradito i fans di vecchia data, di certo la maggioranza dei presenti, ma per altri si è trattato di un tour de force non da poco, aggravato dal notevole divario qualitativo fra la prima e la seconda parte del concerto. Ed è un vero peccato: per una volta che il tour "a tema" pareva funzionare, ci ritroviamo nuovamente con un po' di amaro in bocca.

(foto di Elena Prati)

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Ubik - Circadian Rythms, Sleep Disorder (Farmacia901, 2012)

E' sorprendente che quando meno te lo aspetti esca sempre qualche disco capace di sorprenderti per gusto, qualità e fatto…

04 Oct 2012 Reviews

Read more

Great Lake Swimmers - Ongiara (Nettwerk, 2007)

Sempre in sordina, e non poteva essere altrimenti, i "nuotatori del grande lago" mi sono sempre piaciuti, sarà per il…

20 Jul 2007 Reviews

Read more

Limbo - Unholy Rituals (Radical Matters, 2010)

Gianluca Becuzzi rispolvera il nome Limbo in un periodo per lui molto denso in termini di uscite discografiche, ma del…

12 Apr 2011 Reviews

Read more

Black Mountain - Wilderness Heart (Jagjaguar, 2010)

Spinto da un grande sforzo pubblicitario arriva il terzo disco dei rcanadesi Black Mountain, ormai consolidati come uno dei più…

14 Oct 2010 Reviews

Read more

Sin Ropas – Holy Broken (Madcap, 2010)

I Sin Ropas sono forse il progetto minore ma che con maggiore continuità e linearità d'intenti prosegue l'eredità lasciataci dai…

11 Feb 2010 Reviews

Read more

Airportman / Fabio Angeli - Il Paese Non Dorme Mai…

Attivi da una quindicina di anni, i cuneesi Airportman iniziano ad avere una nutrita discografia, il tempo passa e la…

22 May 2020 Reviews

Read more

Black Era - ...Then... (Aquietbump, 2007)

Un buon disco trip hop quello dei Black Era con tanto di cantato melodico in idioma anglosassone, suoni curati atmosfere…

11 Jun 2007 Reviews

Read more

Lo Dev Alm - It Is Later Than You Think…

Era da un po' che non sentivo parlare di Pagliero e  poi in poco tempo mi capitato di vederlo impegnato…

26 Jun 2007 Reviews

Read more

Giardini Di Mirò + Mimes Of Wine - 7/12/12 Circolone…

Con un valido lavoro uscito la scorsa primavera e la ristampa del glorioso primo album Rise And Fall Of Academic…

14 Dec 2012 Live

Read more

Luciano Maggiore & Francesco “Fuzz” Brasini - Chàsm Achanés (Boring…

Con la benedizione di Santandreadegliamplificatori e del giro bolognese più sperimentale Luciano Maggiore e Francesco Brasini, assistiti da Mattia Dallara…

16 Feb 2011 Reviews

Read more

Dad They Broke Me – Rot (We Empty Rooms, 2010)

Fine della corsa per uno dei gruppi preferiti dal nostro amabile Radu Kakarath: il batterista va a vivere in Giappone…

25 Jan 2011 Reviews

Read more

Psycho Kinder - Perì Phýseos (Fonetica Meccanica, 2021)

Psycho Kinder, entità mutevole ma dotata di un baricentro ben saldo, capace di trova ogni volta nuovi compagni che ne…

10 Mar 2021 Reviews

Read more

Monarch – Sabbath Noir (Heathen Skulls, 2010)

Fra le cose migliori del cospicuo bottino di dischi che il boss ha portata dall'Australia c'è questo vinile dei francesi…

03 Jan 2011 Reviews

Read more

AA.VV. - Ten Years Of Secret Mixtapes Kept Under My…

Dieci anni di Under My Bed... a parte i ricordi e un po' di malinconia data dal passare degli anni,…

26 Mar 2012 Reviews

Read more

Daedelus + Eliot Lipp - 14/07/06 Ortosonico (Giussago - PV)

Odio fare la figura del tonno. Ma con l'allegra furgonata mossasi da Genova per raggiungere le impervie interpoderali dell'oltrepò pavese…

16 Aug 2006 Live

Read more

AA.VV. - The Fall Will Probably Kill You (Bearsuit, 2010)

Ennesima raccolta della Bearsuit, etichetta inglese della quale ci siamo già occupati sia nel caso di altre raccolte che in…

07 Jan 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top