Pierre Bastienne – Visions Of Doing (Westernvynil, 2008)

Pensavo che la Westernvynil fosse per il pop di gusto o comunque per la musica easy listening e tutto sommato la era e la è, pensavo fosse per la melodia e infatti, nulla da dire, tutto vero e parliamo di un buon CD pur non trattandosi certo di un capolavoro. Pierre Bastiene è un buon musicista che stampa un lavoro di musica melodica e malinconica. Si parte con una "saudade" tutta francese eh sì, non so se il nostro Bastienne sia transalpino o no, ma il taglio della sua musica è quello di molto post-rock melodico e un po’ triste, che è un po’ lo stile della "repubblica baldracca" come la chiamava qualcuno. Canzoni "filmiche" anzi "cinematiche e sognanti" come scrive uno dei più autorevoli consociati di queste pagine e sfido chiunque a dire che non sia musica di questo tipo. Si tratta spesso di piccoli abbozzi suonati con una marimba o come diamine si chiama quel vibrafono di bambu che vostro fratello (quello che "afro anche io perché fa troppo multietnico") ha in casa, strumenti a corde assortiti (anche se in molti pezzi la marimba domina) e poco altro. Le tracce sono lasciate molto scarne il tanto che basta per fare una colonna sonora vagamente etnica. Il risultato a tratti non è male per nulla, ma a volte sembra un po’ accessorio, soprattutto se non corredato di immagine e questo là dove invece altri gruppi reggono anche da soli. Un tipo di atmosfera sonnolenta e annoiata mi ha ricordato un po’ alcune vecchie uscite Too Pure e Bristol in genere, quindi visto che non posso citare i Pram perchè sennò Casari mi cazzia, menzionerò solo la città e quel giro di gruppi anche se qui tutto è un po’ più ridotto all’osso e purtroppo meno incisivo. Il disco è piacevole e si fa sentire tranquillamente, mi ha fatto venire anche la curiosità di vedere i cortometraggi a cui si accompgnerebbero le tracce per capire se con il supporto della pellicola rendono di più, resta comunque una buona raccolta di estratti da colonne sonore "minimali" in piena linea con l’idea del lavorare in video8… certo poi se uno pensa che in video8 Derek Jarman ci ha fatto In The Shadow Of The Sun e compagnia bella… beh, viene da pensare "minimale un par de palle", ma questo l’ho scritto solo per farvi vedere che ho fatto il DAMS e che nel vostro salotto potrei pure citare tutti i titoli dei film di Godard ruttando. Nel calderone potrebbero starci anche dei Tortoise ridotti allo stelo, ma tutto sommato credo che il resto delle coordinate mettano già a fuoco le fotografie di Visions Of Doing.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Gianluca Becuzzi/Fabio Orsi - Dust Tears And Clouds (Silentes, 2013)

Dopo anni di silenzio torna una delle collaborazioni più azzeccate della scena elettronica ambient italiana: Silentes pubblica un disco doppio…

03 Mar 2014 Reviews

Read more

Makhno – Silo Thinking (Wallace/Neon Paralleli/Hysm?/Brigadisco, 2012)

Makhno (nome di un anarchico ucraino già usato per una collaborazione fra Nicola Guazzaloca e Francesco Guerri) è il moniker…

12 Oct 2012 Reviews

Read more

Davide Cedolin - Contemplations and other Instrumentals from the Valley…

Diciamocela tutta, basterebbe il titolo. Socchiudi gli occhi, un refolo di vento ed è tutto lì. Ma in realtà c’è molto…

09 May 2022 Reviews

Read more

Encode – Core (Ghost, 2011)

Incollati a piedi saldi negli anni '90 ma con voglia di rimettersi in pista, dopo un esordio  di ben 8…

20 Apr 2011 Reviews

Read more

Matteo Uggeri/Luca Mauri/Francesco Giannico – Pagetos (Boring Machines/Grey Sparkle, 2012)

A concludere la quadrilogia iniziata nel 2007 da Maurizio Bianchi e Matteo Uggeri e dedicata ad alcuni aspetti della natura…

20 Jul 2012 Reviews

Read more

Thunder Bomber – S/T (6x6, 2009)

Sorti dalle ceneri ancora tiepide dell'iper-hyped band Machete dopo un risolutivo cambio alla sezione ritmica e già assurti a piccolo…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Birthmark - Antibodies (Polyvinyl, 2012)

Nate Kinsella, il cugino dei due più noti fratelli, si è aggiunto negli ultimi anni ai Joan Of Arc, creatura…

12 Jun 2012 Reviews

Read more

Tindersticks - Ypres (Lucky Dog/City Slang, 2014)

Non sorprende affatto vedere i Tindersticks, rinomata band inglese di "pop orchestrale da cameretta", alle prese con un lavoro musicale…

05 Dec 2014 Reviews

Read more

Talibam! + Mangia Margot - 19/05/09 Arci Kroen (Villaranca -…

Era certo uno dei nomi di punta del cartellone di questa fine stagione quello dei newyorkesi Talibam!, ridottisi a duo…

30 May 2009 Live

Read more

Sigurtà, Fhievel, Hue - Live At Lab 12, Part 1…

Un preambolo più che dovuto per dire che se Uggeri non è capace di star fermo sembra che anche i…

06 Jun 2007 Reviews

Read more

Cobra Experience – 04/11/10 Locanda Di Campagna (Lonato - BS)

Ultimo concerto dell'anno alla Locanda (si riprenderà a primavera) con il nome da me più atteso, quei Cobra Experience che…

21 Sep 2010 Live

Read more

Giant Drag - Hearts And Unicorns (Kickball, 2005)

I Giant Drag, sono californiani e sono solo in due. Ma suonano con la maestria di cinque. Come cinque…

08 Aug 2006 Reviews

Read more

AA.VV. - Quit Having Fun (Boring Machines, 2009)

Prima compilation per Boring Machines, e anche se non sono assolutamente un fan della raccolte in genere (per non parlare…

06 Nov 2009 Reviews

Read more

New Monuments - New Earth (Pleasure Of The Text, 2018)

Dopo una lunga militanza con un considerevole numero di uscite sull’Amercan Tapes di John Olson, e dopo essere passati con…

11 Dec 2018 Reviews

Read more

Tsigoti – Private Poverty Speaks To The People Of The…

Perchè parlare oggi di un disco uscito nel 2009? Semplicemente per due motivi: da Sodapop non era ancora passato e…

10 Jul 2012 Reviews

Read more

?Alos - Yomi, L'Oscura Terra Dei Morti (Bar La Muerte,…

Per questo 10", che fa da ponte tra Ricamatrici e un nuovo disco già in preparazione, Stefania Pedretti sceglie di…

14 Feb 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top