since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Tag Archives: my bloody valentine

Vanessa Van Basten – Ruins: Sketches And Demos (Solar Ipse, 2015)

Superbo atto che chiude una fase per una delle più importanti e sottovalutate band indipendenti del panorama italiano. Il CD, benchè si presenti come una raccolta di demo e outtakes accumulati negli anni di attività dei Vanessa Van Basten, in realtà si amalgama perfettamente dentro un mood unico e carismatico come se fosse il parto di un unico presente. Nel suono i numi tutelari della band ci sono tutti: dai Godflesh ai My Bloody Valentine, dai Ride agli Scorn. …

Read more

Fenster – The Pink Caves (Morr Music, 2014)

Beh, se questo non è un disco giusto per un’estate solo di nome… I Fenster – quartetto con base a Berlino (e un membro statunitense) che ha preso vita quattro anni fa – tessono una coperta di suoni piacevolmente tiepidi e sognanti, dove tutto, o quasi, tende ad essere morbido, vellutato, rotondo come i suoni delle chitarre – Sunday Owls o Cat Emperor, vere perle di questo valido secondo lavoro. Dopo Bones, disco d’esordio che ha riscosso un buon successo, lunghi tour e numerosissime date, anche The Pink Caves, che è uscito già da qualche mese, sta ottenendo eccellenti riscontri: ben dodici sono le tracce che accompagnano in un viaggio fatto di voci delicate che non sono le sole protagoniste, ma fanno da cornice a canzoni dense e fortemente evocative – Better Days – intessute di ipnotici effetti (sintetizzatori sapienti e tremolo e delay sono gli ingredienti principali) che donano ai pezzi una alure fatata – In The WallsCreatures -. …

Read more

Connect_icut – Crows & Kittywakes & Come Again (Rev Laboratories/Aagoo, 2013)

Seconda uscita per la sussidiaria più elettronica della Aagoo e secondo centro: Connect_icut in quaranta minuti riesce a mostrare tutte le sue doti senza lasciare dubbi. I dieci anni di carriera del producer canadese Samuel Macklin hanno dato vita ad una uscita all’anno dal 2005 e questo Crows & Kittywakes & Come Again si muove senza tentennamenti nell’elettronica melodica al confine con l’ambient più liquida. …

Read more

Little Black Dress – Dunes EP (Idol, 2013)

Gli EP sono creature strane. Benedetti se si deve parlare di qualcosa che è mediocre, terribilmente dolorosi se si tratta di qualcosa che piace tanto ad orecchie e corteccia uditiva. Ed è abbastanza scontato, vista la premessa appena letta, che siamo in presenza di quattro tracce che rientrano decisamente nella seconda categoria. Due veterani (Toby Pipes e Nolan Thies) si staccano dalle loro rispettive strade (Deep Blue Something, Five Times August, sopra ad altri projects) giusto per dar vita ad un piccolo gioiellino al sapor indie 90s – Lowered Lids -, ottima colonna sonora per sit-com da kidult che girano su MTv, o per girare in macchina all’imbrunire di una calda giornata estiva – In Melancholy -(autobiografico & romantico). …

Read more
Back to top