since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Vanessa Van Basten – Ruins: Sketches And Demos (Solar Ipse, 2015)

Superbo atto che chiude una fase per una delle più importanti e sottovalutate band indipendenti del panorama italiano. Il CD, benchè si presenti come una raccolta di demo e outtakes accumulati negli anni di attività dei Vanessa Van Basten, in realtà si amalgama perfettamente dentro un mood unico e carismatico come se fosse il parto di un unico presente. Nel suono i numi tutelari della band ci sono tutti: dai Godflesh ai My Bloody Valentine, dai Ride agli Scorn. Molto probabilmente (e giustamente) un domani i Vanessa verranno riscoperti per vivere una nuova giovinezza e il meritato riconoscimento su scala internazionale. Noi che li abbiamo sempre seguiti anche questa volta non possiamo che inchinarci dinnanzi a tanta maestria e tanto coraggio, inossidabile a mode e tendenze del momento. Da segnalare il quasi contemporaneo Disintegration EP su Taxi Driver, ma solo su vinile limitatissimo.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Back to top