David Bazan – 06/02/10 La Casa 139 (Milano)

Entrando alla Casa l'atmosfera non è delle migliori, un paio di gorilla coi modi spicci ti chiedono se hai la tessera e ti liquidano intimandoti di lasciare libero il campo. Presenza stavolta poco indispensabile per un pubblico, circa una quarantina di persone, che non si può certo dire sia quello da seratone, vista la coincidenza con il Miami e il suo roboante tour de force dalle 17 alle 9 del mattino proprio al Leoncavallo. La cosa non può che fare piacere, visto che riusciamo a vedere il concerto con una certa tranquillità. Apre Paul Murphy, cantante dei canadesi Wintersleep (alquanto anonimo nei suoi richiami a Andrew Bird dai connotati più roots, seppur con pezzi decisamente nella media). David Bazan, felpa rossa col cappuccio, se ne sta su un divano in fondo alla sala vicino ad una lampada accesa, parlando al cellulare. Una serata col nonno, si prospetta: sicura e senza scossoni.
E questa serata, come si vedrà, ti dà l'idea del concerto che speri per l'occasione: senza troppi singalong ma con la giusta partecipazione. Che non ti aspettavi per tutta una serie di ragioni. E se le aspettative non erano le più rosee con un Bazan tutto solo soletto, la sorpresa è stata proprio nel vederlo imbracciare la chitarra elettrica, con un macbook che faceva le basi ritmiche da compagno fedele ed un pedale, quale improvvisata grancassa. Quindi ok, non c'è la band ma dal suono che ne esce, poco ci manca, perchè le canzoni sono indubbiamente rock: sia che si tratti di ballate che di pezzi più veloci. Senza tanti fronzoli o saluti, la serata si apre con un pezzo nuovo tratto dall'ultimo album Curse Your Branches e via: un brano dopo l'altro, scorrono convincenti fino ad arrivare ad Hard To Be dove il pubblico si scalda per davvero. Poi le cose si fanno decisamente entusiasmanti con il repertorio classico del miglior Pedro The Lion e gli arpeggi di chitarra che in più di un'occasione mettono i brividi. L'ora e un quarto circa sembra passare in un lampo e Bazan, decisamente ingrassato ma in forma per l'occasione, è confortato dal supporto e chiede, scherzando, di stare alla larga dal bancone del bar e dai free o (non free) drink. Visto il costo proibitivo delle birre non c'è da ripeterlo due volte. Poi qualche parola sulla sua città, Seattle e suoi suoi due bambini e via così per two more songs e zero bis finale. A fine concerto grandi strette di mano e sorrisi coi pochi fans rimasti, prima che arrivi la Siae a bloccarlo chiedendogli il borderò: lui bello tranquillo si mette su un tavolo con una bottiglia di vino e, tutto piegato, comincia a scrivere e scrivere per una buona mezz'ora, prima dell'arrivo della sua pizza d'asporto, offerta dalla Casa (139).
foto: i am tiz

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Spiritus N - Age (Luce Sia, 2020)

Delicatissima dark-ambient minimale per Luce Sia che, incurante a crisi sanitarie e ambientali, continua a sfornare materiale di primissima qualità.…

14 Apr 2020 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi - B (Silentes, 2011)

Innanzitutto parliamo della raccolta, infatti la Silentes Tapestry per celebrare la musica industriale la riporta al suo formato originale e…

06 Dec 2011 Reviews

Read more

Mulo Muto & Black/Lava – Worlds Corroding Under Xenomorphs’ Ejaculations…

Dal confine italo-svizzero - ideale punto d’incontro fra le due entità che collaborano in questo progetto – allo spazio profondo…

31 Mar 2022 Reviews

Read more

Sodapop Fizz – Anno 3 Puntata 2 (16/10/14)

Seconda puntata della terza stagione di The Sodapop Fizz: Emiliano e Stefano in diretta con lo speciale sull'etichetta Ebullition Records.…

22 Oct 2014 Podcasts

Read more

Autoblastingdog - HermesLyre (Autoprodrodotto, 2010)

Non male davvero l'esordio di questi quattro giovanotti sperduti nei monti amiatini. La forza d'urto è notevole e, nonostante…

28 Aug 2010 Reviews

Read more

AA.VV. - The Toysound Of Earsugar (Earsugar Jukebox, 2005)

Come si evince da alcuni miei scritti, che sicuramente non passeranno alla storia, sono un drogato di 7". Ma, nella…

10 Jan 2007 Reviews

Read more

Nora Prentiss - They Made Mistakes Too (Lizard, 2017)

Magmatico esordio per questi fiorentini ammaliati tanto dai King Crimson quanto dall'evoluzione della specie. I Nora Prentiss hanno talmente tante cose da…

12 Apr 2017 Reviews

Read more

Magliocchi/Angeloni/Castanon/Lenoci - The Spell And The City (Setola Di Maiale,…

Credo che si tratti del più ostico dei tre cd che ho ascoltato e che coinvolgevano alle percussioni Marcello Magliocchi,…

07 Nov 2010 Reviews

Read more

Black Lava - Lady Genocide (Hellbones, 2019)

Schegge radioattive scagliate in una corsia d'ospedale e conficcate sulle pareti bianche. Questa è la perfetta sintesi del progetto condiviso…

05 Jul 2019 Reviews

Read more

La Teiera Di Russell - NMR (DreaminGorilla/Scatti Vorticosi/Vollmer/Tanto di Cappello,…

Un fitto tessuto di parole mutuate da situazioni non musicali, questo l'intro - e l'outro - di NMR, primo lavoro…

30 Dec 2015 Reviews

Read more

Quai Du Noise - Echo Sounder (Edison Box, 2015)

Il lavoro del duo bolognese di recentissima formazione - nella più che succinta biografia si dicono nati nel 2014 -…

14 Oct 2015 Reviews

Read more

McKenzie - Ep (Black Candy/La Lumaca, 2016)

Per certi versi potremmo definire questi giovani calabresi i Mclusky di casa nostra anche se, musicalmente, non siamo esattamente sulle stesse coordinate…

07 Dec 2016 Reviews

Read more

Arkadia - Polvere Ep (Autoprodotto, 2007)

Non inganni la copertina alla Overkill, i bergamaschi Arkadia flirtano con la melodia quanto i vecchi Newyorkesi lo facevano…

30 Mar 2008 Reviews

Read more

Keiji Haino, Merzbow, Balazs Pandi - Become The Discovered, Not…

Dopo An Untroeblesome Defencelessness, tornano a fare danno i maestri del rumore Keiji Haino e Merzbow assieme al sodale Balasz…

18 Oct 2019 Reviews

Read more

Jenny Wilson - Love And Youth (Rabid, 2005)

Vestito color carta da parati sbiadito, scialle della nonna, voce splendidamente stridula e due occhi dolcissimi che ti fulminano.…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

Hexen & Wailing Of The Winds - S/T (Diazepam, 2014)

Dopo l'esordio in cassetta sulla sua Diazepam e il CD su Paradigms, Wailing Of The Winds arriva alla terza uscita…

16 Dec 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top