Vanessa Van Basten – 29/04/10 Locanda di Campagna (Lonato – BS)

Ritornano a farsi vivi, nell'amata Locanda di Campagna, i Vanessa Van Basten, dopo un anno sabbatico speso a migliorare la resa live e a registrare il nuovo album: curiosità per il ritorno che si incrocia a quella di capire verso che lidi musicali il gruppo stia veleggiando. Ma non tutte le domande troveranno risposta. Sul fondo del porticato che funge da sala concerti il gruppo si presenta come quartetto in luogo del consueto power trio; in realtà il membro aggiunto, al sintetizzatore, presenzierà solo per il tempo pezzo iniziale, ambient scuro e granuloso, per poi defilarsi e ricomparire nel finale. Rimane quindi campo libero a basso, batteria e chitarra (sempre pochissima la voce), che si abbandonano ai consueti passaggi strumentali shoegaze alternati a stravolgimenti sludge, con un netto vanessa_van_basten_locanda_grandeprevalere dei primi. Bisogna dare atto ai tre del fatto che, dal punto di vista della resa live, la pausa sia stata produttiva: il suono è notevolmente migliorato, più coeso e potente, valorizzando al massimo le composizioni che già si erano ascoltate nei dischi. La Scatola, Dole, Psygnosis, ormai a tutti gli effetti dei classici della band, avvolgono e trasportano anche chi stasera non é qui per il concerto. In fin dei conti se non proprio "terapeutica di facile ascolto" è comunque musica che non pone particolari difficoltà all'ascoltatore distratto o non pratico del genere, fatte salve le poche ruvidità, retaggio dei trascorsi metallari e la lunghezza dei pezzi, che d'altra parte ben si prestano a far da colonna sonora a una serata da trascorrere davanti a un boccale di birra. I volumi, ecco, magari quelli non sono proprio da sottofondo, ma lo spazio è in parte aperto e mitiga l'effetto dei decibel. Quella che lascia dubbiosi, quanto meno perché di sicuro non ci viene detto nulla, è la direzione che il gruppo intraprenderà con l'uscita del disco su Robotic Empire, ammesso che di nuove coordinate si debba parlare. Da quello che si è capito stasera, non si cambierà troppo: ci sono le buone idee, non del tutto sviluppate, di Fuck The Best, Take The Rest, fra cadenze Ufomammut e chitarre noise anni '90,mentre il resto non si discosta dal suono melodico conosciuto, alla Jesu per intendersi, uno stilema che inizia a mostrare un po' la corda. Saranno comunque questioni che tratteremo per tempo, in sede di recensione. Di stasera resta un concerto trascinante come pochi da queste riescono a fare.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

?Alos - Matrice (Cheap Satanism, 2015)

Stefania Pedretti é l'unica figura femminile davvero interessante del panorama musicale indipendente nostrano. Su questo credo non ci siano dubbi.…

21 May 2015 Reviews

Read more

Simon Balestrazzi - Pest Exterminator (Ticonzero, 2011)

Come s'intitolava quel film con Mickey Rourke "L'anno del dragone" o qualcosa del genere? ...beh, se proprio dovessimo sfruttare il…

30 Sep 2011 Reviews

Read more

Philippe Lamy & MonoLogue - Blu Deux (Phinery, 2016)

Quello fra il veterano francese Philippe Lamy e l’italiana Marie Rose Sarri, in arte MonoLogue (ma anche Moon RA), è…

22 Feb 2017 Reviews

Read more

The Star Pillow - Symphony For Intergalactic Brotherhood (Boring Machines,…

Cosa si può ancora dire della musica di The Star Pillow? Col suo progetto Paolo Monti  esplora le possibilità espressive…

11 Aug 2018 Reviews

Read more

Convocation - Scars Across (Everlasting Spew, 2018)

Dalla perfida FInlandia i Convocation giungono fino a noi strisciando metaforicamente sui gomiti. Infatti l'incalzare dei finnici  è subdolo, mellifluo…

13 May 2018 Reviews

Read more

Crash Trio - Live At Crash (Setola Di Maiale, 2010)

Questo è un super trio amici miei, nel caso non conosceste gli altri due compagni di viaggio di Stefano Giust…

28 Jan 2011 Reviews

Read more

The Child Of A Creek – Find A Shelter Along…

Forse da qualche cima delle nostre montagne, si può scorgere la campagna inglese immerse nelle nebbie. È lì, fra Canerbury…

05 May 2010 Reviews

Read more

Camusi - S/T (Setola Di Maiale, 2007)

Credo che molti di voi conoscano Stefano Giust e Madame P e se così non fosse li inquadreremo dicendo che…

30 Sep 2007 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 16 (05/02/15)

Per la puntata numero sedici della terza stagione di The Sodapop Fizz Emiliano e Stefano ospitano in trasmissione Andrea Serrapiglio…

09 Feb 2015 Podcasts

Read more

Swims - Ep (Distile, 2007)

Altro ottimo esempio di come cambino i tempi e di come l’oceano sia sempre più piccolo, avvicinando i due continenti…

26 Mar 2007 Reviews

Read more

Lords - This Ain't A Hate Thing, It's A Love…

Bisogna essere piuttosto intelligenti per non capire le operazioni intellettuali. Il concetto stesso di liberatorio pare essere più legato al…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

Nole Plastique - Escaperhead (Nexsound, 2008)

Altra uscita per l'etichetta "pop" di Andrei Kiritchenko, la terza per essere precisi e la prima ad essere davvero interessante…

17 Jun 2008 Reviews

Read more

Kamikaze Queens - Automatic Life (Sounds Of Subterrania, 2011)

Quintetto berlinese di un certo spessore che ama modestamente auto-definirsi Berlin Punk Cabaret. Cortese sintesi per esprimere che contengono qualsiasi…

15 Feb 2012 Reviews

Read more

Matteo Uggeri: "music for those who want to live in…

Immagino che Hue (al secolo Matteo Uggeri) e gli Sparkle in Grey non risultino proprio una novità per molti nostri…

01 Mar 2007 Interviews

Read more

Francesco Serra – S/T (Fratto9 Under The Sky, 2017)

Suono, spazio e visione sembrano essere i tre vertici entro cui si muove il lavoro di Francesco Serra - cagliaritano…

15 Jan 2018 Reviews

Read more

Tristan da Cunha – Praia (DreaminGorilla, 2018)

Il duo Francesco Vara e Luca Scotti torna sul luogo del delitto a un anno dal disco d’esordio, riproponendo la…

14 Jul 2018 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top