Vanessa Van Basten – 29/04/10 Locanda di Campagna (Lonato – BS)

Ritornano a farsi vivi, nell'amata Locanda di Campagna, i Vanessa Van Basten, dopo un anno sabbatico speso a migliorare la resa live e a registrare il nuovo album: curiosità per il ritorno che si incrocia a quella di capire verso che lidi musicali il gruppo stia veleggiando. Ma non tutte le domande troveranno risposta. Sul fondo del porticato che funge da sala concerti il gruppo si presenta come quartetto in luogo del consueto power trio; in realtà il membro aggiunto, al sintetizzatore, presenzierà solo per il tempo pezzo iniziale, ambient scuro e granuloso, per poi defilarsi e ricomparire nel finale. Rimane quindi campo libero a basso, batteria e chitarra (sempre pochissima la voce), che si abbandonano ai consueti passaggi strumentali shoegaze alternati a stravolgimenti sludge, con un netto vanessa_van_basten_locanda_grandeprevalere dei primi. Bisogna dare atto ai tre del fatto che, dal punto di vista della resa live, la pausa sia stata produttiva: il suono è notevolmente migliorato, più coeso e potente, valorizzando al massimo le composizioni che già si erano ascoltate nei dischi. La Scatola, Dole, Psygnosis, ormai a tutti gli effetti dei classici della band, avvolgono e trasportano anche chi stasera non é qui per il concerto. In fin dei conti se non proprio "terapeutica di facile ascolto" è comunque musica che non pone particolari difficoltà all'ascoltatore distratto o non pratico del genere, fatte salve le poche ruvidità, retaggio dei trascorsi metallari e la lunghezza dei pezzi, che d'altra parte ben si prestano a far da colonna sonora a una serata da trascorrere davanti a un boccale di birra. I volumi, ecco, magari quelli non sono proprio da sottofondo, ma lo spazio è in parte aperto e mitiga l'effetto dei decibel. Quella che lascia dubbiosi, quanto meno perché di sicuro non ci viene detto nulla, è la direzione che il gruppo intraprenderà con l'uscita del disco su Robotic Empire, ammesso che di nuove coordinate si debba parlare. Da quello che si è capito stasera, non si cambierà troppo: ci sono le buone idee, non del tutto sviluppate, di Fuck The Best, Take The Rest, fra cadenze Ufomammut e chitarre noise anni '90,mentre il resto non si discosta dal suono melodico conosciuto, alla Jesu per intendersi, uno stilema che inizia a mostrare un po' la corda. Saranno comunque questioni che tratteremo per tempo, in sede di recensione. Di stasera resta un concerto trascinante come pochi da queste riescono a fare.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

De Curtis + Mic Bombatomica – 09/04/11 Interzona (Verona)

Serata di gala all'Interzona per la presentazione del disco di Mic Bombatomica, idolo locale che accoglie nella sua band alcuni…

06 Apr 2011 Live

Read more

Adam Wolf - Songs I/II (Autoprodotto, 2018)

Adam Wolf ha due band di musica energica e chitarrosa (Wolfhand e Sleeping In), non particolarmente originali: le foto dei…

01 Mar 2018 Reviews

Read more

Satori Junk - S/T (Taxi Driver, 2015)

Stavo leggendo poc'anzi su una webzine concorrente (ebbene si, lo faccio) un'aspra critica al cantato definito "cantilenante" dei Satori Junk.…

09 Apr 2015 Reviews

Read more

Hot Gossip + There Will Be Blood - 27/10/12 Twiggy…

Ricominciano per me i sabati sera live al Twiggy, musica indie nel senso letterale del termine nel club di culto…

16 Nov 2012 Live

Read more

Mattin – Songbook #7 (Munster, 2018)

Arriva all’episodio numero sette la serie dei Songbook di Mattin con un disco pienamente punk nel senso concettuale del termine,…

09 Apr 2019 Reviews

Read more

Senyawa – Alkisah (Artetetra/Communion, 2021)

Per celebrale l'inizio del secondo decennio di attività, il duo indonesiano dei Senyawa dà vita a un progetto ambizioso appaltando,…

19 Mar 2021 Reviews

Read more

Dave Boutette - The Piccolo Heart (Embassy Hotel, 2008)

Cosa sia l'onestà, a cosa serva, a chi giovi potrebbe essere una di quelle domande da un milione di dollari.…

13 Sep 2008 Reviews

Read more

Arbdesastr - S/T (Autoprodotto, 2006)

Dopo un sacco di ascolti mordi e fuggi su Myspace ecco un promo autoprodotto degno di menzione: Arbedesastr è un…

13 Dec 2006 Reviews

Read more

Barr - Summary (5 Rue Christine, 2007)

Batteria, e solo ogni tanto il basso e la tastiera accompagnano Brendan Fowler nel suo parlare da solo: Barr infatti…

29 Jan 2007 Reviews

Read more

Candy - Good To Feel (Triple B, 2018)

Abrasivo, veloce e soffocante come un ferita da taglio cauterizzata, in tutta fretta, con della benzina. Non sorprende che i…

09 Nov 2018 Reviews

Read more

Tapso II - S/T (Tapso, 2009)

Clamoroso al Cibali: anche la scena indipendente italiana si fonda su hype e mode che poco hanno a…

21 May 2009 Reviews

Read more

Giovanni Dal Monte - Reforming The Substance (SonicaBotanica, 2016)

È un progetto ambizioso questo di Giovanni Dal Monte, non lontano da quello messo in piedi da Okapi con Musica…

01 Feb 2017 Reviews

Read more

AA.VV. - Bonus Tracks (Mondadori, 2007)

E che cosa c'è da dire? In realtà poco, dato che questa è un'operazione puzzolente tipo quelle delle riviste che…

10 Jun 2007 Reviews

Read more

Affranti/Sumo - Split (Smartz/Dizlexiqa/Klas/Sincope/Sonatine/Sonic Reducer/Minoranza/Renato, 2011)

Hardcore di quello buono. Tutto italiano nelle intenzioni, nelle emozioni fortissime e nella fratellanza. Le coordinate di riferimento sono…

02 Dec 2011 Reviews

Read more

Musica Per Bambini - Dio Contro Il Diavolo (Trovarobato, 2008)

Benchè con clamoroso ritardo, finalmente mi accingo a recensire quello che, ancora ad oggi, resta l'ultima fatica del piacentino…

26 Jul 2010 Reviews

Read more

Lucifer Big Band – Atto II (Bloody Sound Fucktory/HYSM?/Neon Paralleli/Lemming,…

Perseverare è diabolico, recita il proverbio. Così, coerentemente, Angelo Bignamini (batterista di The Great Saunites) torna con la sua luciferina…

08 Apr 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top