Ooopopoiooo – 18/05/2014 Teatro Santissima Trinità (Verona)

Cambio di location per le serate dell’associazione Morse, un nomadismo utile a farci conoscere nuovi spazi e realtà: questa è la volta del teatro Santissima Trinità, situato accanto alla splendida chiesa romanica da cui prende il nome. Di scena stasera Ooopopoiooo, duo composto da Vincenzo Vasi, thereminista del terribile Vinicio Capossela (ma in realtà con un curriculum ben più ricco e invitante) e dalla polistrumentista Valeria Sturba, anche lei, nonostante la giovane età, con alle spalle collaborazioni di tutto rispetto.
Il pur piccolo teatro conta stasera diversi posti vuoti; è tendenza consolidata, fra il pubblico presunto “alternativo”, l’andarsi a vedere un gruppo per la centesima volta, piuttosto che rischiare con qualcosa di diverso. Non è storia di oggi ed è quindi inutile dilungarsi, ma è un peccato, perché la serata riserverà delle belle sorprese. In partenza si annunciava uno spettacolo che avrebbe mischiato musica classica e contemporanea; a confondere le tracce c’erano le voci di un soundcheck piuttosto pop e l’istrionismo di Vasi, anche visivamente un improbabile incrocio fra Xabier Iriondo e Patrizio Roversi. La parola alla musica, dunque. Sul palco troviamo due theremin sono in primo piano e nel ooopopoio_2mezzo, a dividere i due musicisti, un lungo tavolo ingombro di strumenti che dal basso non è facile distinguere, ma che scopriremo strada facendo. La partenza è delle meno convenzionali, un medley dove Philip Glass va a braccetto con Aphex Twin, dove La voce mutevole del theremin, ora simile a un coro lirico, ora al violino di Frau Blucher, fa da padrone, ma lascia spazio agli interventi di violino (vero), synth, chaos pad e drum machine. La techno e il minimalismo si incontra sul terreno neutro dello stile Ooopopoiooo , fino a sfociare nel caos completo: il risultato è davvero ottimo, oltre a rappresentare un buon viatico per il prosieguo del concerto. È subito un’altra cover, stavolta di Count Basie, una Lil Darling per spazzole, theremin e altre diavolerie, dove il jazz viene trasfigurato e poi si parte con una trilogia di brani originali, uno in particolare caratterizzato da vocalizzi molto free fra Demetrio Stratos e il cabaret. In realtà, sia che il duo interpreti brani altrui, sia che si dedichi ai propri, rimane questa una musica mutevole e difficilmente etichettabile, della quale non solo è difficile trovare paragoni ma neppure un genere di riferimento, se non collocandola entro un vaghissimo triangolo di musica contemporanea, jazz di confine ed ooopopoio_3improvvisazione. Sono comunque sempre brani mediamente lunghi e compositi, che alternano momenti di stati ad altri di tensione e dove i due musicisti saltano di genere in genere e di strumento in strumento all’insegna di un eclettismo che non scade mai nella follia gratuita. In fin dei conti l’atteso theremin è sì molto presente, ma ha, per così dire, solo la maggioranza relativa, dovendo concedere spazio anche a chitarra, campanelli e ad altri strumenti già citati. In quasi un’ora e mezza di esibizione trovano spazio, intervallati dalla voce un po’ da orco di Vasi, una rivisitazione di Crystal Ling degli Ella Guru, in cui ha militato insieme a Giorgio Casadei, un altro brano caratterizzato da vocalizzi sovrapposti e sovreccitati, un sorprendente pezzo di pop ricercato alla maniera di Battiato, Mandòrle, e un bis con un nuovo medley, che combina, con alterne fortune, Stabat Mater e il Bolero di Ravel. È un concerto senza baricentro, fascinoso e un po’ dispersivo, dove i vari stili a volte vanno a braccetto ed altre a cozzare, ma dove il gioco, in fin dei conti, vale ampiamente la candela. I presenti, credo, non saranno rimasti delusi.

Foto di Niccolò Lucchi

Tagged under: , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Mattin – Songbook #7 (Munster, 2018)

Arriva all’episodio numero sette la serie dei Songbook di Mattin con un disco pienamente punk nel senso concettuale del termine,…

09 Apr 2019 Reviews

Read more

AA.VV. - Clouds From The Earth (neuroprison.blogspot.com, 2009)

Promossa da dal forum italiano dei Neurosis, Clouds From The Earth è un esaustivo documento sullo stato dell'arte della scena…

09 Sep 2009 Reviews

Read more

At The Gates - At War With Reality (Century Media,…

Non faccia storcere il naso il ritorno degli svedesi At The Gates, perché trai solchi del nuovissimo At War With…

19 Nov 2014 Reviews

Read more

Paolo L. Bandera - Registrazioni Di Campi Tellurici E…

Ritorna il decano se non addirittura lo storico ed ideologo per antonomasia dell'area grigia italiana, con un proprio prodotto programmmatico…

13 Nov 2020 Reviews

Read more

Hermetic Brotherhood Of Lux-Or - Sex And Dead Cities (Boring…

In questi ultimi anni nessuno ha saputo raccontare la Sardegna, il suo spirito, la sua storia e il suo presente,…

27 Dec 2019 Reviews

Read more

Tying Tiffany – Peoples Temple (Trisol, 2010)

Se esistono l'heavy metal e l'hard rock, perché non possono esserci anche l'heavy o l'hard plastic? Ecco, hard plastic mi…

15 May 2010 Reviews

Read more

Maninkari - Le Diable Avec Ses Chevaux (Conspiracy, 2008)

Nella mia personale campagna per la promozione degli sfigati (…sarà che m’identifico, che vuoi farci) questa recensione riveste un interesse…

10 Feb 2009 Reviews

Read more

Jung Deejay – Java Script (Arte Tetra, 2020)

Lo strano giro del mondo (ma sarebbe forse più corretto parlare di “giro di uno strano mondo”) che sempre ci…

20 Nov 2020 Reviews

Read more

The Caretaker – Patience (After Sebald) (History Always Favours…

Album ambizioso a nome The Caretaker, ovvero Leyland James Kirby. In un attimo Patience ti conduce ti trasporta in…

27 Aug 2012 Reviews

Read more

Jesse Krakow - World Without Nachos (Eh?, 2008)

Non so se vi ricordate della Eh?, ad ogni modo si tratta di una costola di quella che un volta…

10 Sep 2009 Reviews

Read more

Orla Wren - Soil Steps (Oak, 2014)

Orla Wren è il progetto dello scozzese Tui, che per lunghi periodi vive in un furgone andando in giro per…

12 Jun 2014 Reviews

Read more

Nole Plastique - Escaperhead (Nexsound, 2008)

Altra uscita per l'etichetta "pop" di Andrei Kiritchenko, la terza per essere precisi e la prima ad essere davvero interessante…

17 Jun 2008 Reviews

Read more

Hheva/Shiver - Troubled Sleep (Diazepam, 2012)

Cassetta split tra il combo maltese Hheva e Shiver aka Mauro Sciaccaluga, che lascia il lato A agli ospiti facendo…

30 May 2013 Reviews

Read more

Lucertulas + Kelvin + Putiferio | Robot Macina Fest -…

Partiamo dalla fine: come concludere meglio una serata di musica se non beccando Max Pezzali all'autogrill, per di più accompagnato…

08 May 2011 Live

Read more

Wolf Eyes + Ghédalia Tazartès/Nico Vascellari – 23/05/12 Triennale (Milano)

Per la serata dedicata all'etichetta VON all'interno della rassegna Open, questa sera alla triennale ci sono i Wolf Eyes, reduci…

15 Jun 2012 Live

Read more

Ubik - Circadian Rythms, Sleep Disorder (Farmacia901, 2012)

E' sorprendente che quando meno te lo aspetti esca sempre qualche disco capace di sorprenderti per gusto, qualità e fatto…

04 Oct 2012 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top