Moe – Examination Of The Eye Of A Horse (Wallace/ConradSound, 2016)

Ricordo Henry Rollins sparare in un’intervista che l’influenza del punk su di lui fosse stata nulla rispetto a quella del jazz e dai Black Sabbath; i Moe potrebbero fare tranquillamente loro questa dichiarazione, a parte per il punk: qui c’è anche questo (ma anche nella carriera post Black Flag di mr. Garfield, l’uomo ovviamente lo sapeva benissimo). Il terzetto, che prende la ragione sociale dal cognome della bassista/cantante,  arriva dalla Norvegia, è al suo quinto album e per metterlo insieme – ci spiega il comunicato stampa – ha rivolto lo sguardo verso il Giappone, paese di grande ispirazione negli ultimi anni e che si infiltra nella persona di Pain Jerk in alcuni pezzi. Non trattandosi di black metal il dato geografico è inutile per definire l’ambito entro cui il gruppo si muove, ma i primi secondi di Realm Of Refuge, con quel bel basso ruvido e corposo e l’entrata battente delle percussioni ci dicono molto della cultura musicale che ha generato i Moe: questi tre si sono formati durante gli anni ’90 più rumorosi e ci investono con un noise animato da una tensione hardcore accentuata dalla lentezza sabbathiana, una formula magari non nuovissima ma nelle loro mani mortalmente efficace. Pochi gli elementi in gioco: una sezione ritmica che avanza come uno schiacciasassi – notevole il lavoro di Jørgen Træen, già Jaga Jazzist, alla consolle – una chitarra che accompagna diligente salvo prendersi qualche licenza per contorcersi, la voce di Moe sempre in bilico fra supplica e intimidazione; in aggiunta, in alcuni pezzi, il noise del già citato Pain Jerk, delle percussioni, una sega sonora. Examination Of The Eye Of A Horse è un album breve e compatto (sei pezzi in 34 minuti) dove non c’è niente da scartare. Ad eccezione della scheggia punk di Paris si viaggia sempre su andature lente e pesanti seguendo uno schema di forma canzone che strizza l’occhio alla forma aperta (una formula che potrebbe ricordare  The Ex e che immagino darà il massimo dal vivo) e dove la voce di Guro Skumsnes Moe getta benzina sul fuoco con sussurri che si caricano di tensione fino ad esplodere in finali convulsi. Nei brani più intensi – Realm Of Refugee disturbata dal noise analogico, Wild Horses che gronda rabbia, Doll’s Eyes, spigolosa e in bilico sul caos – si respira un senso di minaccia che si può solo paragonare a degli Oxbow meno noir o a una Rollins Band più punk, ma i Moe sono dotati di una propria e ben definita personalità, oltre che di una vitalità che ridà linfa a un genere che non credevo potesse ancora suscitare emozioni se non malinconicamente nostalgiche. A completare un quadro già molto riuscito è la bella grafica opera di Lasse Marhaug, che riecheggia un po’ alcune uscite degli Swans su Young God, e il digipack con libretto ciccione con acclusi testi e note. La Wallace (qui in combutta con la ConradSound degli stessi Moe) era un po’ che non la sentivamo: non poteva tornare in modo migliore.

Tagged under: , , , , , , , , , , , ,

3 Comments

    1. Emiliano Zanotti

      Decisamente uno dei dischi più belli che mi sia capitato di sentire ultimamente. Me li vedrei assai voletieri dal vivo, devono essere una bomba

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Guided By Voices - The Bears For Lunch (Fire, 2012)

Parlare del nuovo disco dei Guided By Voices vuole dire percorrere una strada insidiosa, infatti quando sto per scrivere da…

06 Feb 2013 Reviews

Read more

Pre - Epic Fits (Skin Graft, 2007)

Quello che mi chiedo ora è se ci sia una qualche connessione tra ritardo mentale, animali dall'espressione poco sveglia,…

29 Jan 2008 Reviews

Read more

Metafora 28 - Riflessioni Di Una Mente Distorta (Autoprodotto, 2007)

Ancora robusta musica contemporanea e grazie a Dio suonata come una volta. Connubio abbastanza felice tra NO-FX e chitarroni…

21 Jan 2008 Reviews

Read more

Kenta Kamiyama - Side Effects (Stochastic Resonance, 2018)

In genere non amo riportare stralci dei comunicati stampa, soprattutto quando pretendono di inquadrare, non di rado banalizzandolo, quanto ci…

04 May 2018 Reviews

Read more

Key-Lectric - Blanking Generator (Stuprobrucio, 2009)

Ho avuto l’occasione di sentire in concerto Key-Lectric durante una loro lontana trasferta eporediese e di quella sera mi era…

23 Apr 2009 Reviews

Read more

Damo Suzuki’s Network – 23/01/11 Vinile 45 (Brescia)

Torna a Brescia il vecchio kamikaze Damo Suzuki dopo l'estemporanea esibizione col duo locale dei Don Turbolento della scorsa primavera,…

23 Jan 2011 Live

Read more

Vonneumann – The Procrastination Loops (Ammiratore Omonimo, 2018)

I Vonneumann sono prossimi a festeggiare i vent’anni di attività e come antipasto dell’evento rendono disponibile sul loro bandcamp una…

11 Sep 2018 Reviews

Read more

A Flower Kollapsed - S/T (Shove/MacinaDischi, 2012)

Ero curiosissimo di ascoltare questo nuovo A Flower Kollapsed, essendo rimasto molto favorevolmente colpito dal materiale vecchio (in particolare da…

07 Jun 2012 Reviews

Read more

AA.VV. - Ten Years Of Secret Mixtapes Kept Under My…

Dieci anni di Under My Bed... a parte i ricordi e un po' di malinconia data dal passare degli anni,…

26 Mar 2012 Reviews

Read more

Konstrukt & Keiji Haino - A Philosophy Warping, Little By…

L’ensemble free-impro turco Konstrukt, dopo aver condiviso dischi e performance con artisti importanti della scena improv internazionale, invita a collaborare…

01 Sep 2018 Reviews

Read more

Es - Tutti Contro Tutti Portiere Volante (Fosbury, 2011)

Italico rock che tanto potrebbe esser caro agli amanti dei Numero 6 quanto dei Virginiana Miller. Evocativi fin dal titolo…

01 Mar 2012 Reviews

Read more

Silvia Tarozzi & Deborah Walker - Canti Di Guerra, Di…

Lo sfregamento degli archetti sulle corde a tratti ricorda un piccolo insetto, un tafano fastidioso che non riusciamo a levarci…

11 Jul 2022 Reviews

Read more

Joe Petrosino - Rockammorra (Essonamò Rec, 2009)

Se negli ultimi anni abbiamo un po' patito l'assenza di un nuovo rappresentante della musica partenopea più contaminata, credo…

17 Dec 2009 Reviews

Read more

Erigoamabile – S/T (Autoprodotto, 2010)

Direttamente dalla zona dei cinque laghi, l’eporediese Erigoamabile tira fuori dal cassetto una manciata di pezzi assemblati tra il 2006…

29 Jan 2011 Reviews

Read more

Lakes - Blood Of The Grove (Avant!, 2013)

Dietro la sigla Lakes si nasconde nell'oscurità goth Sean Bailey, australiano che ruota dalle parti di Melbourne. In Blood Of…

16 Sep 2013 Reviews

Read more

The Mall - Emergency At The Everyday (Secretariat, 2006)

E se un giorno i The Killers si stufassero dello scorrere quotidiano della loro vita da piccole star e decidessero…

21 Oct 2006 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top