Giardini Di Mirò – 24/10/09 Unwound Club (Padova)

In una fredda serata di fine ottobre capito all'Unwound, locale ricavato da un ex magazzino alla periferia nord di Padova, per assistere alla prima data del nuovo tour dei Giardini Di Mirò, in giro per promuovere l'ultimo (e bellissimo, secondo il parere di chi scrive) Il Fuoco. Dopo una serie di presentazioni (a partire dal Museo Nazionale del Cinema di Torino nel 2007) in giro per le sale cinematografiche di mezza Italia, la band emiliana si appresta dunque a portare nei club l'interessante esperimento: la sonorizzazione dell'omonimo film di Giovanni Pastrone (in seguito regista di Cabiria) datato 1915.
Non vi sono gruppi spalla, e la venue è piena. Uno scarno drum set, l'interscambio basso/clarinetto e violino/tromba, tastiere, synth: il palco è colmo di strumenti, mantre alle spalle del gruppo iniziano a sfilare le immagini della pellicola, divisa in tre movimenti, che narra dell'amore del povero e sconosciuto pittore Mario Alberti per una nobile (e sposata, ci mancherebbe) poetessa. La chitarra di Corrado Nuccini e le urla dissolte di Jukka Reverberi ci accompagnano in un viaggio attraverso la passione che nasce (La Favilla), tra chitarrismi post-rock e rarefazioni di scuola Constellation. Un crescendo emotivo e senza briglie, che sfocia nel vortice vero e proprio: La Vampa, esplosione krauta (non nel senso free-form, bensì in quello oniricamente schizofrenico di certi lavori dei tardi Settanta, con tanto di batteria motorik-cizzata) che coincide con la furia d'amore dei protagonisti. Ma La Vampa Dura Un Attimo, E Noi L'Abbiamo Vissuto. E allora ecco che tutto svanisce, sfuma, si sbriciola: cenere. La Cenere, come l'ultima, lunga disgressione che accompagna la pazzia di Alberti. Dissolvenza. Applausi a non finire.
La seconda parte del concerto è invece una breve panoramica del repertorio rodato della band, con le voci di Jukka e Corrado ad intrecciarsi sino all'ultima Let Life Saver. La serata è finita, ma una cosa è certa: questo Fuoco che sta girando l'Italia provoca soltanto ustioni di meraviglia.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Zu & Eugene S. Robinson - The Left Hand Path…

Questo malevolo patto non è fatto per creare simpatie o mettere di buon umore, ma piuttosto per immmergerci dentro un…

28 Nov 2014 Reviews

Read more

Giulio Aldinucci - Aer (Dronarium, 2014)

Con la cadenza di circa un disco solista all'anno Giulio Aldinucci continua il suo percorso musicale che lo sta portando…

20 Mar 2015 Reviews

Read more

Black Eagle Child - Poland (Sturmundrugs, 2010)

Nuove uscite per la Sturmundrugs il cui nome può essere chiaramente ridotto a Sud, lo sottolineo perché mostra la facciata…

24 Jun 2010 Reviews

Read more

La Furnasetta/Leather Parisi – Past Present Temple (Industrial Coast, 2019)

Era inevitabile che La Furnasetta e Leather Parisi, dopo essersi incrociati in diverse compilation, finissero per condividere insieme un tratto…

27 Mar 2020 Reviews

Read more

Squadra Omega – Altri Occhi Ci Guardano (MacinaDischi/Sound Of Cobra/Outside…

È stato un periodo assai prolifico quello appena trascorso per  la Squadra Omega, che ha portato all’uscita di ben tre…

16 Oct 2015 Reviews

Read more

VV. AA. - Éxotic Ésoterique Vol. 2…

Mi allineo totalmente ai Bloody Riot (e ai Colonna Infame Skinhead, Pinta Facile, Tear Me Down): odio i freakkettoni e…

26 Apr 2017 Reviews

Read more

Beachwood Sparks - The Tarnished Gold (SubPop, 2012)

Da quasi tre lustri in circolazione i Beachwood Sparks sono tra i migliori, ai nostri tempi, nel riproporre una…

12 Jul 2012 Reviews

Read more

Brain In Vain – Inner Crowd (Monster, 2010)

Ancora bella musica dalla Monster, ancora, da ex-Caboto, musica che trova il coraggio d’esser coraggiosa: la tentazione di copia-incollare qui…

02 Jan 2011 Reviews

Read more

Ubik - Circadian Rythms, Sleep Disorder (Farmacia901, 2012)

E' sorprendente che quando meno te lo aspetti esca sempre qualche disco capace di sorprenderti per gusto, qualità e fatto…

04 Oct 2012 Reviews

Read more

Hobocombo - Now That It’s The Opposite, It’s Twice Upon…

Hobocombo su disco, finalmente. Dopo averli apprezzati al No Fest di Torino la scorsa estate, per il gruppo di Andrea…

18 Feb 2011 Reviews

Read more

Belanov - Paragraph (Dying Giraffe, 2008)

Dopo essere recentemente passati per l'Italia in occasione di un minitour che ha toccato esclusivamente il nord della Lombardia (!)…

24 Oct 2008 Reviews

Read more

Johnny Mox - Lord Only Knows How Many Times I…

The other side of Johnny Mox è sorprendente solo per chi ha conosciuto il musicista di recente: gli altri ricorderanno,…

06 Dec 2012 Reviews

Read more

AA. VV. - Brigadisco 4 - Capropoli (Brigadisco, 2012)

Le compilation della Brigadisco si preoccupano, di anno in anno, di fornire una panoramica sui gruppi che transitano dalle parti…

13 Sep 2012 Reviews

Read more

Agatha – Goatness (Wallace/Basement City, 2011)

Evolutesi a power-duo dopo l'abbandono della chitarrista ormai a tempo pieno nei Verme, le Agatha si sono reinventate, allenandosi…

23 Feb 2011 Reviews

Read more

The Star Pillow Meet Bruno Romani – Via Del Chiasso…

Chissà se siano i musicisti, influenzati dall’aria di casa Setola Di Maiale, a produrre musica così fresca e intrigante o…

26 Jun 2014 Reviews

Read more

Vanishing Life - People Running (Collect, 2014)

Una manciata di minuti, tante riverenze per il passato e altrettante speranze per il futuro. Lo sono i Vanishing Life,…

29 Oct 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top