Dino Betti Van Der Noot – God Save The Earth (Sam Production, 2009)

Nel caso di God Save The Earth ci troviamo di fronte ad un disco che bene o male bazzica l'ambito jazz, quanto meno a giudicare dai nomi dei molti musicisti coinvolti, nonché per una parte della sua estetica fino ad arrivare alle stesse note di copertina, redatte da uno dei nomi storici del giornalismo jazz italiano come Fayenz… senza dimenticare che Betti nel 1987 ha vinto il premio Arrigo Polillo. Fatta questa premessa, se si fa esclusione dell'accento della maggioranza dei musicisti, il jazz in realtà è giusto uno dei colori della tavolozza di Dino Betti e non ci vuol molto a capirlo, bastano alcune tracce.
Una piccola orchestra che si muove su linee melodiche e molto anni '70, un po' per come sono assemblati gli strumenti e un po' per il fatto di lavorare su di un canovaccio sospeso fra la jazz-fusion di ampio respiro e dei solismi molto imbrigliati alla melodia di base, ma anche per come vanno sviluppandosi le strutture dei diversi brani. Nonostante ciò ci sono parecchi echi di musica classica contemporanea (quanto meno di quella più soft) e di composizioni al limite con le colonne sonore, basti pensare che alcune armonizzazioni iniziali di In The Beginning Was Beauty ricordano persino il Vangelis della colonna sonora di Blade Runner. Batterie che quand'anche free rimangono sempre sommesse ed immerse nei tappeti melodici, fiati che quando non lavorano in solo spesso fanno da coro jazzy come si usava fare in molti splendidi lavori della Cinecittà dei bei tempi e persino richiami (volontari o no) ad arie morriconiane. Ora, purtroppo questo parallelo con le colonne sonore può risultare un po' fuorviante, quindi ribadirei che il disco non si muove solo su quel filone, anzi si tratta giusto di una sfumatura del lavoro corale di questa piccola orchestra. La produzione molto pulita e con le batterie acustiche tenute dietro la maggioranza delle linee melodiche è comunque indicativa dell'idea che sottrae i pezzi, infatti mi pare evidente che Dino Betti voglia far passare in primo piano le linee melodiche ed il fatto che si tratti di un lavoro corale che, nonostante qualche libera uscita, si muove su dei paletti che lo stesso ha posizionato a dovere per dare forma alle canzoni. Un lavoro a suo modo molto classico, con un buon suono, molto ispirato, composto e diretto in modo molto asciutto e che proprio per questo suo "vecchio" lussuoso cappotto finisce per essere molto elegante, si veda su tutto City Mornings, dove la voce di Ginger Brew si muove su una malinconicissima jazz ballad dal cuore di bue.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Affranti/Sumo - Split (Smartz/Dizlexiqa/Klas/Sincope/Sonatine/Sonic Reducer/Minoranza/Renato, 2011)

Hardcore di quello buono. Tutto italiano nelle intenzioni, nelle emozioni fortissime e nella fratellanza. Le coordinate di riferimento sono…

02 Dec 2011 Reviews

Read more

Passe Montage - Oh My Satan (African Tape/Ruminance, 2009)

African Tape + Ruminance = math, post, free-rock? Ma certo che sì, la soluzione più semplice a volte è la…

15 Apr 2009 Reviews

Read more

Smart Cops - Per Proteggere E Servire (La Tempesta, 2011)

Inizia, continua e finisce tiratissimo Per Proteggere E Servire degli Smart Cops. Il quartetto, che nonostante i pochi anni di…

12 Feb 2011 Reviews

Read more

The Great Saunites – Nero (HYSM?/Neon Paralleli/Il Verso Del Cinghiale/Hypershape,…

L’opera al nero di The Great Saunites è un disco in tre atti che prosegue la cavalcata del duo lodigiano…

29 Aug 2016 Reviews

Read more

Fine Before You Came + Vulturum – 25/09/09 Arci Kroen…

Lontani nello stile musicale ma vicini nello spirito, essendo nati, in tempi diversi, dal substrato della scena punk hardcore degli…

13 Oct 2009 Live

Read more

Bobby Soul E Les Gastones - 28/06/09 (Nervi - GE)

Non sarebbe nostra intenzione dare spazio ai deliri del bieco Radu Kakarath: i suoi folli progetti, chi ci segue…

07 Sep 2009 Live

Read more

Maso Nero - News From Home (Taxi Driver, 2021)

Le persone per bene chiamano, al limite scrivono. Maso Nero non è una persona per bene. Per darci qualche nuova da casa…

05 Dec 2021 Reviews

Read more

Cannibal Movie – Avorio (Sound Of Cobra, 2011)

Continua a far proseliti, dalle nostre parti, un certo suono psichedelico e dilatato e forse mai come in…

20 Sep 2011 Reviews

Read more

JesterN/Paolo Pascolo - H Bar (Dobialabel, 2012)

Il fisico Alberto Novello (JesterN) concepisce questo disco dal titolo pari alla costante di Planck: il tema del paradosso è…

02 May 2013 Reviews

Read more

Resurrecturis - Non Voglio Morire (Copro, 2009)

Speriamo che dopo una ventennale gavetta, con questo elegante digipack i Resurrecturis riescano ad rendersi visibili ai livelli che…

11 Mar 2010 Reviews

Read more

Vincenzo Vasi - Braccio Elettrico (Tremolo A, 2010)

Che dire di Vincenzo Vasi? Che basta guardare le foto con cui si presenta per capire che si tratta di…

16 Mar 2011 Reviews

Read more

Papiro – Rise (Solar Ipse, 2019)

Marco Papiro lo ricordo bene alla chitarra degli svizzeri Mir, autori di uno splendido album omonimo - uscito per Wallace…

13 Mar 2020 Reviews

Read more

Vs. Antelope – S/T (Arctic Rodeo, 2011)

Escono per la tedesca Artic Rodeo (recorz) i VSA, così come al gruppo piace chiamarsi. La label di Amburgo…

25 Jul 2011 Reviews

Read more

Dust Dive - Claws Of Light (Own, 2007)

"Everyday is an indie day" dove era Reagan per Biafra o Sid Migx, ad ogni modo quella è la materia…

13 Dec 2007 Reviews

Read more

Experimental Dental School / Eniac - Split CD (The Company…

Personalmente parlando, separando qualsivoglia più o meno lontano interesse nel propinare gli Experimental Dental School come grande imprescindibile band al…

16 Aug 2006 Reviews

Read more

Plakkaggio - Ziggurath (Hellnation, 2015)

Dalla provincia dell'impero ritorna il terribile trio sempre carico di nostalgico NWOBHM in chiave romper stomper. Ma, ricapitoliamo il percorso…

07 Oct 2015 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top