Dead Elephant – 06/06/08 Arci Kroen (Villafranca – VR)

C'era solo un gruppo dei tanti presenti al MiAmi quest'anno che mi sarei visto volentieri, ma varie e noiose faccende mi trattenevano in queste lande e della cosa mi ero fatto una ragione. Quando mi è stato annunciato che i Dead Elephant avrebbero suonato al vicino arci Kroen il venerdì precedente alla data milanese, mi sono messo un minimo in pari col periodaccio che attraverso. Beh, in pari…Diciamo che ho accorciato le distanze.

Non c'è il pubblico delle grandi occasioni, tenuto lontano forse dalla pioggia, più probabilmente dalla fama del gruppo, certo non buono per tutte le orecchie; tuttavia gli intervenuti rappresentano uno zoccolo duro che si è fatto diversi chilometri per essere qui stasera: io, coi miei scarsi 40, faccio la figura del pivello.
Nella sala concerti i tre musicisti che ci appaiono sotto le luci rossastre del palco sono quanto di più normale, a livello estetico, si possa immaginare: non lasciano certo intuire essere i manovratori dello schiacciasassi che fra poco ci martorierà i timpani.
Tuttavia, l'inizio non è dei più coinvolgenti. Violentissimo, con l'amplificazione sfruttata al massimo, ma abbastanza scontato nella proposta musicale: alternanza di parti lentissime e improvvise ma un po' prevedibili sfuriate hardcore. Per i primi minuti, la cosa che più attira la mia attenzione sono le espressioni da teatro kabuki del batterista.
de3Poi la macchina comincia a girare a pieno regime: la batteria stradinamica, il basso che detta le linee melodiche in luogo di una chitarra che sporca il tutto con stile tipicamente "albiniano" (fa fede la Travis Bean maneggiata dal chitarrista), la voce che è un urlo straziato. A livello stilistico i tre non propongono nulla di innovativo; più che figliocci dei tanto (troppo) citati Neurosis, paiono i loro fratelli minori abbeveratisi alla stessa fonte, quella dell'hardcore che, verso la metà degli anni '80, scoprì i Black Sabbath e si accorse che non c'era bisogno di andare sempre a mille all’ora per scatenare l'inferno (vogliamo citare gli Amebix? Ma sì dai…).
Paradossalmente a rendere attuale la proposta musicale dei tre è invece l'approccio in qualche modo primitivo, selvaggio, primordiale: attuale, perché senza tempo. Le canzoni, a volte lunghe, altre sorprendentemente brevi, si succedono intramezzate e concatenate da cupi passaggi ambient, calma apparente prima della tempesta; solo il "click" del pedale del distorsore, annuncia con sicurezza la fine di un pezzo e qualche attimo di pace per le nostre orecchie stigmatizzate. Il suono è più scarno rispetto a gruppi che a volte sono loro associati, senza che, tuttavia, venga meno la violenza, anche se di metal, in fin dei conti, ce n'è poco, salvo non lo si voglia identificare col suono pesante e il volume che i tre riversano sul pubblico. Qualcuno in effetti cede, sopraffatto dalla potenza del gruppo, altri, io fra loro, cavalcano l'onda d’urto e pur con le orecchie sanguinanti, arrivano alla fine. Ne vorremmo ancora, in realtà, ma la sforzo fisico necessario a produrre una tale frastuono è notevole, i tre sono stremati: per stasera può bastare così. Domani i Dead Elephant saranno a spettinare frangette al MiAmi.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Parallel 41 - Parallel 41/Faraway Close (Baskaru, 2012)

Parallel 41 sono Julia Kent (violoncello) e Barbara De Dominicis (voce ed effetti). New York e Napoli. Due città così…

07 Feb 2012 Reviews

Read more

Above the Tree - Minimal Love (Boring Machines e altre,…

Iniziato un paio di anni fa, il progetto di Matteo Bernacchia alias Above The Tree, intimo fin dal primo ascolto…

06 Oct 2010 Reviews

Read more

Vittorio Cane - ST (Innabilis, 2006)

Bugo vive. E buon per lui. Il fatto è che una domanda sorge spontanea: avevamo bisogno di un Vittorio Cane…

18 Aug 2006 Reviews

Read more

2000 - 2010: non è successo niente?

Ultimamente imperversa l'irritante campagna mediatica che accompagna l'uscita dell'ultimo libercolo del signor Simon Reynolds. Un critico, che nella musica di…

08 Oct 2011 Articles

Read more

Paolo Spaccamonti -Volume Quattro (Escape From Today, 2019)

Ormai le suite di Paolo sono classic rock nel senso più alto del termine: Spaccamonti è uguale solo a sé…

21 Jan 2020 Reviews

Read more

Giovanni Dal Monte – Visible Music For Unheard Visions…

Non so se avete ascoltato la puntata di Sodapop Fizz che aveva per ospite Alberto Boccardi (se ve la siete…

04 Aug 2015 Reviews

Read more

Don Turbolento - Spend The Night On The Floor (Autoprodotto,…

Ricordo di aver visto dal vivo i Don Turbolento una sera d'inverno in una taverna-scantinato. All'interno c'era una festa di…

24 Aug 2007 Reviews

Read more

Scout Niblett - 20/11/10 Interzona (Verona)

Ammetto di essermi mosso, questa sera, dietro pressione di vari amici che avevano tessuto le lodi di Scout Niblett e…

18 Oct 2010 Live

Read more

Lydia Lunch’s Big Sexy Noise – 18/12/10 Latteria Artigianale Molloy…

Mi ero messo nell'ordine di idee di sottopormi a una lunga fila a cinque gradi sotto zero per assistere al…

04 Jan 2011 Live

Read more

Ronin + De Curtis – 04/02/12 Interzona (Verona)

Non vale il gelo e una spruzzata di neve a tenere lontani gli afecionados da una delle prime serata live…

17 Feb 2012 Live

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 30 (21/05/15)

Puntata numero trenta della terza stagione di The Sodapop Fizz, ospite di Emiliano Giulio Aldinucci con le ultime novità sulla musica…

25 May 2015 Podcasts

Read more

Es - Tutti Contro Tutti Portiere Volante (Fosbury, 2011)

Italico rock che tanto potrebbe esser caro agli amanti dei Numero 6 quanto dei Virginiana Miller. Evocativi fin dal titolo…

01 Mar 2012 Reviews

Read more

Plunkett - 14 Days (Autoprodotto, 2006)

Lascia perdere le tue “10 ragazze per me”. Piuttosto, 14 giorni ti posson bastare? Ne mancano proprio 14 alla fine…

16 Dec 2006 Reviews

Read more

Nils Rostad – Ujamat/Harmony Hammond (Solar Ipse, 2013)

Più che una ristampa quella che ci propone la Solar Ipse è l’edizione CD dei due più recenti album di…

28 Feb 2014 Reviews

Read more

Mombu - Niger (Subsound, 2013)

Sempre a metà strada tra il divertissement e il "safari senza fucile", proseguono le sperimentazioni etno (?) industriali del duo…

17 Dec 2013 Reviews

Read more

Adriano Orrù/Paulo Chagas/Silvia Corda/Mauro Sambo – Palimpsest (Pan Y Rosas,…

Un significato poco conosciuto della parola “palinsesto” (il Palimpsest del titolo) è quello di pagina manoscritta dalla quale  il testo…

10 Feb 2015 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top