since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Tag Archives: alan lomax

Yonatan Gat – Universalists (Glitterbeat/Tak:Til, 2018)

Al suo secondo disco solista Yonatan Gat si distanzia sempre più dal garage rock che lo ha fatto conoscere con i Monotonix: se già dall’esordio Director aveva ibridato il suono da Jimi Hendrix del surf con musiche da tutto il mondo e approcci più “avanguardisti”, con Universalists il discorso si spinge ancora avanti. Tanto per…

Read more

Murmur Mori – Radici (Casetta, 2017)

Fiabe E Leggende, brano che apre il nuovo disco dei Murmur Mori, è uno strumentale e dura giusto il tempo di leggere le note di copertina, essenziali per introdurci all’ascolto di Radici. Questo lavoro conserva un legame col precedente O nella preferenza accordata ai suoni acustici (chitarra, flauto, fisarmonica, percussioni) e nello spirito che lo…

Read more

Mattia Coletti – Moon (Wallace/Bloody Sound Fucktory, 2014)

Con Moon Mattia Coletti torna a uno stile vicino a quello delle origini, dopo che gli sviluppi tentati successivamente a Zeno non avevano mai raggiunto una forma pienamente compiuta. Lo fa con intelligenza, senza ripetere pedissequamente quella formula, ma aggiornandone il suono, poco o punto elettrificato, alla luce delle esperienze vissute nel frattempo. …

Read more

Gianluca Becuzzi/Fabio Orsi – Dust Tears And Clouds (Silentes, 2013)

Dopo anni di silenzio torna una delle collaborazioni più azzeccate della scena elettronica ambient italiana: Silentes pubblica un disco doppio di materiale registrato nel 2007 da Gianluca Becuzzi e Fabio Orsi. Il primo dei due CD contiene brani strumentali con campioni di voci dagli archivi di Alan Lomax (come in Muddy Speaking Ghosts Through My Machines del 2006) mentre il secondo disco è la ristampa del triplo mini-CDr in 50 copie Please Don’t Count The Clouds del 2007 con l’aggiunta di un inedito. …

Read more
Back to top