Murmur Mori – Radici (Casetta, 2017)

Fiabe E Leggende, brano che apre il nuovo disco dei Murmur Mori, è uno strumentale e dura giusto il tempo di leggere le note di copertina, essenziali per introdurci all’ascolto di Radici. Questo lavoro conserva un legame col precedente O nella preferenza accordata ai suoni acustici (chitarra, flauto, fisarmonica, percussioni) e nello spirito che lo anima ma abbandona i tratti ritualistici e si concentra sulla narrazione di storie che sono spesso piccoli racconti morali che vanno a costituire un corpus unico e coerente. L’urgenza di preservare e trasmettere queste leggende, alcune note altre meno, che nascono dall’arco delle Alpi al Sud profondo, sembra essere lo stimolo che ha spinto Mirko Void e Kuro Silvia a lanciarsi in  un’operazione che idealmente si pone a metà strada tra l’Alan Lomax di Italian Treasury e l’Italo Calvino di Fiabe Italiane ma che deve forse ancora di più a Maria Savi Lopez e alle sue raccolte Leggende Delle Alpi e Nani e Folletti. Nella forma di una ballata folk lontana nel tempo e facendo proprio lo spirito che già animò i Pentangle e che dalle nostri parti può vantare padri nobili in Angelo Branduardi e negli Ataraxia,  rivivono uno strano essere dei boschi piemontesi (Götwiarghini), il mito meridionale di Colapesce (Le Tre Colonne Nel Mare), il racconto carducciano della sepoltura di Alarico (La Tomba Nel Busento) e quello lombardo di Giovanin Senza Paura (Senza Paura) così come la bellissima preghiera pagana di Radici, probabilmente il brano migliore della raccolta, impreziosito da una prova vocale di altissimo livello. Al netto di qualche didascalismo e semplificazione nelle note di copertina – dubito che Giosuè Carducci e prima di lui August von Platen, autore dell’originale tedesco, con La Tomba Nel Busento intendessero criticare l’attaccamento ai beni materiali – il disco ci parla benissimo attraverso le musiche e le due voci dei protagonisti, guidandoci all’incontro coi genius loci che abitano i luoghi delle leggende e alla riscoperta di una spiritualità immanente di questi tempi quanto mai preziosa.

Tagged under: , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Chinese Restaurant/Macho Corporation - Split (Spina Bifida/Fucking Clinica, 2010)

Mettiamo tutte le carte sul tavolo dicendo che Spina Bifida è la neonata etichetta dei due Iron Molar e in…

27 Jul 2010 Reviews

Read more

Deison & Mingle - Tiliaventum (Final Muzik/Loud!, 2017)

Se la memoria non mi inganna siamo alla quinta collaborazione tra Cristiano Deison e Mingle (Andrea Gastaldello), il duo fin…

06 Sep 2017 Reviews

Read more

Simon Balestrazzi – Annulled By Inertia (Diazepam, 2014)

È arduo seguire la copiosa discografia di Simon Balestrazzi che si divide fra diversi nomi (Kirlian Camera, TAC, Dream Weapon…

17 Feb 2015 Reviews

Read more

Ivan Iusco - Water (Minus Habens, 2012)

Il percorso creativo di Ivan Iusco, patron della Minus Habens da oltre venticinque anni, continua a stupirci. Se ci aveva…

31 Oct 2012 Reviews

Read more

Deison & Uggeri - In The Other House (Final Muzik/Old…

Cristiano Deison e Matteo Uggeri sono due musicisti che spesso collaborano con altri e questo a mia memoria è il…

03 Aug 2015 Reviews

Read more

Diane And The Shell – Barabolero (Doremillaro (sb)Recs, 2011)

Ultimamente fatico parecchio a scrivere recensioni, ma non segnalare questo Barabolero, seconda fatica dei catanesi Diane And The Shell sarebbe…

14 Sep 2011 Reviews

Read more

Urbanightmare - Nightride Of An Italian Saxophone Player (Revenge/Fonoarte, 2015)

Ennesimo progetto per il decano Bruno Romani (Detonazione, No Guru) sempre alle prese con il suo strumento principe (accompagnato qui…

23 Nov 2016 Reviews

Read more

Holy Palms – Jungle Judge (Arte Tetra, 2016)

Che Pavel Eremeev sia un matto tamarro o un geniale alchimista è difficile da stabilire e certo non basteranno le…

08 Feb 2017 Reviews

Read more

Massimo Volume o Massimo D'Alema?

Amico cittadino... amico bibbitaro... sai, pensavo che DJ Gruff ha indisputabilmente ragione nel dire che: "un sucker (sacher) resta sempre…

24 Jan 2011 Articles

Read more

WK569 – Omaggio A Marino Zuccheri (Boring Machines, 2017)

Tempo, spazio e suono devono essere ben stranamente allineati in quel della Val Camonica (Brescia). Mesi fa vi parlammo dell’ottimo…

31 Jan 2018 Reviews

Read more

Yuk! Interventi a cadenza casuale e necessaria numero 3 -…

Etica. Un parolone. Però mi interessa perchè, parlando di musica, segna lo sfumato confine tra le proposte che valgono qualcosa…

13 Oct 2012 Articles

Read more

Golem Mecanique - Nona, Decima et Morta (Ideologic Organ, 2020)

Golem Mecanique è il monicker della francese Karen Jebane che approda sulla Ideologic Organ della Editions Mego con il nuovo…

08 Apr 2020 Reviews

Read more

Small Thing - S/T (Flamingo, 2019)

"La cosetta" è un gagliardo punk stop and go di chiara matrice NOFX (nel senso buono) interpretato da un giovane…

08 Feb 2021 Reviews

Read more

Buckminster - Routes Of The Three (Asbestos Digit, 2019)

Buckminster, al secolo Fabrizio Baracco, contrabbassista e cospiratore di casa Asbestos, pubblica il suo primo lavoro solista, già anticipato nel…

12 May 2020 Reviews

Read more

Empire! Empire! (I Was A Lonely Estate) - You Will…

Che un disco di mero revival possa accendere l'interesse degli ascoltatori è una questione a lungo dibattuta. A maggior ragione…

11 Oct 2014 Reviews

Read more

gRAEFENBERg - Ishikozume (Autoprodotto, 2013)

Ritornano con un nuovo disco i gRAEFENBERg, sempre divisi tra Casale Monferrato e Roma e sempre dediti al rumore, decisamente…

17 Sep 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top