Yonatan Gat – Universalists (Glitterbeat/Tak:Til, 2018)

Al suo secondo disco solista Yonatan Gat si distanzia sempre più dal garage rock che lo ha fatto conoscere con i Monotonix: se già dall’esordio Director aveva ibridato il suono da Jimi Hendrix del surf con musiche da tutto il mondo e approcci più “avanguardisti”, con Universalists il discorso si spinge ancora avanti. Tanto per essere chiari, la verve sonora non viene mai meno e questo si coglie già dall’attacco del disco nella esemplare Cue The Machines: dopo avere ascoltato un sample dei trallallero genovesi (registrati a suo tempo da Alan Lomax) messi in loop in modo molto arguto, gli si affianca il chitarrismo sempre molto personale di Gat, accompagnato da basso (Sergio Sayeg) e batteria (Gal Lazer) fulminanti. Il pezzo iniziale è indicativo del disco, tra elementi raccolti da musiche popolari in giro per il mondo, il suono molto tipico e caratterizzante del musicista e invenzioni sonore che amalgamano il tutto armonicamente senza sconfinare nel terribile effetto “real world” che aborro oppure arrivare a fare “il terzomondista moderno” e risultare stucchevole dopo pochissimo: mantenere il proprio stile e ibridare senza stravolgere o rovinare la fonte orginale è un gioco da maestro che riesce in tutto il disco. Universalists è un susseguirsi di spunti presi dal gamelan, piuttosto che da canzoni tradizionali spagnole, canti degli indiani d’America, ragazze italiane che cantano in un ampli per basso, musica brasiliana, un goccio di Dvořák e chissà cos’altro: c’è pure un bran registrato da Calvin Johnson al Dub Narcotic Studio prima della sua chiusura. Mi ero avvicinato a questo disco con molti pregiudizi ma erano infondati: intelligente, divertente e mai prevedibile, Universalists trova il modo di essere “globale” e non scontato attraverso le uniche armi vincenti possibili in situazioni così al limite, ovvero l’unione di gusto, fantasia e classe.

Tagged under: , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Music For Eleven Instruments - At The Moonshine Park With…

Leggiadro indie-pop orchestrale di chiaro respiro europeo, molto gradevole ed accattivante come la maggior parte delle produzioni siciliane indipendenti e…

14 Dec 2016 Reviews

Read more

The Unit Ama - s/t (Gringo, 2006)

Partire da una base molto semplice. Lavorarci sopra. Ricamare. E poi strappare tutti i fili inutili, tutti gli ornamenti e…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

Simm - Too Late To Dream (Ohm Resistance, 2021)

Il bello arriva quando si perdono le speranze, rilasciando i propri gesti più intimi e personali senza più remore. Terza…

23 Nov 2021 Reviews

Read more

Melampus - Hexagon Garden (Riff/Sangue Disken/Old Bicycle, 2015)

Il terzo disco dei Melampus pecca nell'artwork: pulito, essenziale, ben fatto, chiaro. Tutto perfettamente in regola, se non fosse che…

30 Apr 2015 Reviews

Read more

Shoplifting - Ep (Kill Rock Stars, 2004)

Secondo quanto ho imparato dai film, il comunismo, in America, è perseguito per legge. Ai socialisti fanno bere l'olio di…

06 Jan 2007 Reviews

Read more

Kitchen Door - Sodapop Edition n.7

Apriamo l'anno con un rapido sguardo a quello appena trascorso: un pugno di canzoni che ci sono sembrate significative…

09 Jan 2011 Podcasts

Read more

Agatha - Getting Dressed For A Death Metal Party (Wallace/Smartz/Basura/Full…

Il nome avrebbe potuto appartenere ad una formazione emo core di metà di anni Novanta, in "illo tempore" un gruppo…

26 Dec 2007 Reviews

Read more

VØID – S/T (Weirdo/Hanged Man/Moshpit Culture, 2010)

Faceva notare il buon (?) Giorcelli, in una recensione di qualche settimana fa, come, sotto il cielo della musica estrema,…

14 Jan 2010 Reviews

Read more

Deison & Mingle – Low Blood Pressure, Final Muzik CD…

Di tutte le annunciate uscite del Singles Club della Final Muzik, questo Low Blood Pressure è l’unica a non essere…

06 May 2014 Reviews

Read more

Franklin Delano - Come Home (Ghost, 2006)

Non c'è bisogno di presentazioni, in campo di cantautorato indie rock le quotazioni dei Franklin Delano, già altissime, si riconfermano…

03 Apr 2007 Reviews

Read more

Pussy Gillette -s/t (Autoprodotto, 2021)

Austin, Texas. Brent Prager, Masani Negloria, Nathan Calhoun. Lercio rock'n'roll, grasso e con una voce, quella femminile di Masani che non ti…

05 Jan 2022 Reviews

Read more

Sonny and The Sunsets - Longtime Companion (Polyvinyl, 2012)

Il suo tramonto Sonny Smith lo racconta, ma senza mai svelarci troppo sulla separazione dalla fidanzata. Lontano da fenomeni…

17 Jul 2012 Reviews

Read more

Maisie - Maledette Rockstar (Snowdonia/La Zona, 2018)

Tornano i Maisie per un'altro viaggio nel loro mondo, questa volta a base di pop Zappaiolo: i due sono accompagnati…

08 Jan 2018 Reviews

Read more

Andrew Quitter - Forgotten Farms (Diazepam, 2012)

Andrew Quitter pubblica un cassetta C30 per la Diazepam di Mauro Sciaccaluga (Ur, Shiver, Wailing Of The Winds) dal sapore…

11 Apr 2013 Reviews

Read more

That Fucking Tank + G.I. Joe 10/04/09 Arci Kroen (Villafranca…

Va in scena al Kroen la notte dei dui (si può dire "dui"? Vabbè, licenza poetica). I veneti G.I.…

21 Apr 2009 Live

Read more

Jung Deejay – Java Script (Arte Tetra, 2020)

Lo strano giro del mondo (ma sarebbe forse più corretto parlare di “giro di uno strano mondo”) che sempre ci…

20 Nov 2020 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top