Satanismo Calibro 9 – 20/01/2017 Circolo Colony (Brescia)

È giusto precisare subito una cosa: la serata a cui ho assistito e che ha visto la partecipazione dei Satanismo Calibro 9 era ben più affollata, ma fra l’arrivo in leggero ritardo, un’inopportuna telefonata serale e la necessità di rincasare a orari decenti causa impegni lavorativi la mattina successiva, l’unica esibizione che ho potuto seguire per intero è stata proprio la loro. Poco male, erano per me la maggior attrattiva, ma per dovere di cronaca accennerò che in apertura si sono esibiti i locali Maze Of Sothoth, death metal tecnico ben congegnato a livello di scrittura e altrettanto ben suonato ma satanismo calibro 9 live BS 001che mi annoia dopo poco a causa dell’idiosincrasia nei confronti del genere e successivamente è toccato ai Fuoco Fatuo con alla loro insostenibile pesantezza e lentezza dell’essere che mi perdo quasi interamente a causa della suddetta telefonata. I Satanismo Calibro 9 dunque. Col loro arrivo tutto muta: il palco è spogliato da aste di microfoni e batteria e addobbato con strumenti meno convenzionali (almeno a queste latitudini), oggetti dei quali al momento è difficile indovinare l’uso, candele. I tre sono accovacciati su un’unica fila così come il pubblico, allineato lungo le transenne, pubblico tra l’altro nemmeno troppo esiguo, almeno in percentuale rispetto a una serata non affollatissima. Quello a cui assisteremo è un concerto dai toni quasi soffusi, cadenze lente, voci gravi e recitate, occasionali rumori che increspano la coltre di suono: si ricalcano le atmosfere del recente Kymah Rising. È dunque forse più corretto parlare di una celebrazione che Lorenzo Abattoir, al centro della scena, officia senza gesti evidenti ma catalizzando l’attenzione sulla sua figura, dando spesso le spalle al pubblico e spostandosi, coperto da un saio scuro, con movenze quasi ferine. Ai lati i compagni si concentrano sulla musica, Gnosis sulla sinistra austeramente concentrato sui macchinari, Pery sulla destra a dividersi fra strumenti, organi d’animali percossi (questo mi dicono dalla regia) e bacili infuocati. L’atmosfera è davvero maggiormente vicina a quella di un rituale che a un concerto post-industrial e il pubblico più prossimo e attento si viene a trovare in una situazione di tempo satanismo calibro 9 live BS 002sospeso, osservando in religioso (ops…) silenzio i gesti che si compiono sotto alle luci scarlatte del palco. Sembra impossibile che, data l’intensità del tutto, non si assista all’apparizione di qualche antica divinità anche se qualche effluvio di magia sessuale deve giungere se il curioso tipo concio come Pete Doherty alla mia destra – che finora si è limitato a qualche sparuta bestemmia e a lamentarsi delle troppe luci – prende di punto in bianco a limonare con la sua compagna e continua così fino alla fine del concerto, fine segnata dalla morte del microfono di Abbatoir che permette solo a chi è nelle vicinanze di udire le ultime formule della serata. Ci risintonizziamo col tempo presente ed è già l’ora di andare, senza troppi rimpianti da parte mia sentite le prime note dei Grave Miasma: la mia repulsione per il death metal colpisce ancora. Tuttavia, al di là di quelli che possono essere i miei gusti personali, la commistione fra certe frange del metal e il post-industrial, che auspicavo già in occasione dei report dal X Congresso post-Industriale, ha funzionato ed è certamente un esperimento da ripetere.

Foto di Claudio Frassine

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Amklon - Collision Of Absolutes (Boring Machines, 2016)

Sapere che nel progetto Amklon sono coinvolti Sergio Albano (Grizzly Imploded, Drowning In Wood, Monte Ossa) e il musicista elettronico…

12 Dec 2016 Reviews

Read more

Adamennon – MMXII (Autoprodotto, 2012)

C'erano ancora margini di sviluppo nel discorso musicale di Adamennon dopo l'album Nero, che pur avevamo identificato come punto di…

19 Dec 2012 Reviews

Read more

Ovo - Miasma (Artoffact, 2020)

Gli Ovo sono una delle realtà più seminali della scena europea degli ultimi vent’anni. Partiti da una visione punk sperimentale…

25 Mar 2020 Reviews

Read more

King Dude – Tonight’s Special Death (Avant!, 2011)

Ci arriva dal profondo nord-ovest degli Stati Uniti, passando per Bologna dove la Avant! gli ha ripubblicato in vinile (con…

06 Dec 2011 Reviews

Read more

Daughter – 10/07/13 Teatro Arena Conchiglia (Sestri Levante – GE)

Bella sorpresa il cartellone del Mojotic quest'estate, con una programmazione che punta a nomi di richiamo, come una cittadina turistica…

19 Jul 2013 Live

Read more

Abstracter - Wound Empire (Fragile Branch/Vendetta/7Degrees/Shove/Sentient Ruin/An Out/COF, 2015)

Gli italoamericani Abstracter sono di stanza ad Oakland ed arrivano dopo qualche anno a pubblicare il secondo disco: con i…

15 May 2015 Reviews

Read more

Koji Asano - Travel Coupons (Solstice, 2012)

Il compositore Koji Asano pubblica Travel Coupons, il suo primo disco dell'anno 2012, come sempre rigorosamente autoprodotto sulla sua etichetta…

28 Dec 2012 Reviews

Read more

La Morte – S/T (Corpoc/Anemic Dracula, 2012)

Dietro La Morte si celano Giovanni Succi dei Bachi Da Pietra (voce recitante) e Riccardo Gamondi degli Uochi Toki (elettronica…

05 Nov 2012 Reviews

Read more

Nero And The Doggs - Death Blues (Rocketman, 2013)

Probabilmente è vero che di musica non capisco un emerito cazzo. Ma allo stesso tempo credo che non serva un…

11 Dec 2013 Reviews

Read more

Adam McBride-Smith - Good And Gone (Autoprodotto, 2007)

La materia dell'Americana, più o meno rimaneggiato folk tradizionale degli States, mi ha sempre lasciato abbastanza interdetto. Mica ho mai…

07 Dec 2009 Reviews

Read more

Musica Da Cucina - S/T (CityLiving/Mondopop, 2007)

Musica Da Cucina è il progetto di Fabio Bonelli (Milaus), ideato in un appartamento dai soffitti alti e da un…

17 Jun 2007 Reviews

Read more

Holy Palms – Jungle Judge (Arte Tetra, 2016)

Che Pavel Eremeev sia un matto tamarro o un geniale alchimista è difficile da stabilire e certo non basteranno le…

08 Feb 2017 Reviews

Read more

Scott McCloud: dai Girls Against Boys ai Paramount Styles, alive…

Forse non è necessario fare introduzioni, ma visto che nel mondo che è venuto dopo l’esplosione della rete il tempo…

23 May 2011 Interviews

Read more

AA.VV. - Brucia Imperia Brucia (Good Vibes, 2007)

Certamente per una buona causa. Chi vive all'estrema periferia dell'impero, emblematicamente gli abitanti di Imperia, non vuole esser dimenticato…

15 Jun 2008 Reviews

Read more

Sparkle In Grey – Brahim Izdag (Old Bicycle/ Moving Records…

Con il ritardo che ultimamente mi contraddistingue, parlo umilmente dell'ultima fatica degli Sparkle In Grey. Un album che omaggia e…

07 Sep 2016 Reviews

Read more

Redwood Hill/Hexis – Split 7” (Shove/Enjoyment/Boue/Bookhouse e altre, 2013)

La nostrana Shove, in combutta con un manipolo di altre etichette dedite a suoni non proprio da educande, ci propone…

26 Mar 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top