Satanismo Calibro 9 – 20/01/2017 Circolo Colony (Brescia)

È giusto precisare subito una cosa: la serata a cui ho assistito e che ha visto la partecipazione dei Satanismo Calibro 9 era ben più affollata, ma fra l’arrivo in leggero ritardo, un’inopportuna telefonata serale e la necessità di rincasare a orari decenti causa impegni lavorativi la mattina successiva, l’unica esibizione che ho potuto seguire per intero è stata proprio la loro. Poco male, erano per me la maggior attrattiva, ma per dovere di cronaca accennerò che in apertura si sono esibiti i locali Maze Of Sothoth, death metal tecnico ben congegnato a livello di scrittura e altrettanto ben suonato ma satanismo calibro 9 live BS 001che mi annoia dopo poco a causa dell’idiosincrasia nei confronti del genere e successivamente è toccato ai Fuoco Fatuo con alla loro insostenibile pesantezza e lentezza dell’essere che mi perdo quasi interamente a causa della suddetta telefonata. I Satanismo Calibro 9 dunque. Col loro arrivo tutto muta: il palco è spogliato da aste di microfoni e batteria e addobbato con strumenti meno convenzionali (almeno a queste latitudini), oggetti dei quali al momento è difficile indovinare l’uso, candele. I tre sono accovacciati su un’unica fila così come il pubblico, allineato lungo le transenne, pubblico tra l’altro nemmeno troppo esiguo, almeno in percentuale rispetto a una serata non affollatissima. Quello a cui assisteremo è un concerto dai toni quasi soffusi, cadenze lente, voci gravi e recitate, occasionali rumori che increspano la coltre di suono: si ricalcano le atmosfere del recente Kymah Rising. È dunque forse più corretto parlare di una celebrazione che Lorenzo Abattoir, al centro della scena, officia senza gesti evidenti ma catalizzando l’attenzione sulla sua figura, dando spesso le spalle al pubblico e spostandosi, coperto da un saio scuro, con movenze quasi ferine. Ai lati i compagni si concentrano sulla musica, Gnosis sulla sinistra austeramente concentrato sui macchinari, Pery sulla destra a dividersi fra strumenti, organi d’animali percossi (questo mi dicono dalla regia) e bacili infuocati. L’atmosfera è davvero maggiormente vicina a quella di un rituale che a un concerto post-industrial e il pubblico più prossimo e attento si viene a trovare in una situazione di tempo satanismo calibro 9 live BS 002sospeso, osservando in religioso (ops…) silenzio i gesti che si compiono sotto alle luci scarlatte del palco. Sembra impossibile che, data l’intensità del tutto, non si assista all’apparizione di qualche antica divinità anche se qualche effluvio di magia sessuale deve giungere se il curioso tipo concio come Pete Doherty alla mia destra – che finora si è limitato a qualche sparuta bestemmia e a lamentarsi delle troppe luci – prende di punto in bianco a limonare con la sua compagna e continua così fino alla fine del concerto, fine segnata dalla morte del microfono di Abbatoir che permette solo a chi è nelle vicinanze di udire le ultime formule della serata. Ci risintonizziamo col tempo presente ed è già l’ora di andare, senza troppi rimpianti da parte mia sentite le prime note dei Grave Miasma: la mia repulsione per il death metal colpisce ancora. Tuttavia, al di là di quelli che possono essere i miei gusti personali, la commistione fra certe frange del metal e il post-industrial, che auspicavo già in occasione dei report dal X Congresso post-Industriale, ha funzionato ed è certamente un esperimento da ripetere.

Foto di Claudio Frassine

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Caligula031/Le Cose Bianche – Final Muzik CD-Singles Club 06 (Final…

Mancava ancora, al novero dei generi presi in esame dal single club della Final Muzik, la virulenza del power electronics;…

13 Oct 2014 Reviews

Read more

Luca Majer - Matita Emostatica (Volo Libero edizioni)

Questo libro più CD edito da Volo Libero e mandatomi dallo stesso Majer, non raccoglie solo alcune memorie dell'autore relative…

16 Nov 2011 Reviews

Read more

De Curtis – Baciami Alfredo (Tannen, 2010)

Uno dei rari casi in cui la stupida frase di Frank Zappa "parlare di musica è come ballare di architettura"…

25 Jul 2010 Reviews

Read more

Owun - 2.5 (Atypeek Music/Reafførests, 2017)

Tornano gli Owun e continuano questa loro seconda vita iniziata qualche anno fa con il precedente Le Fantôme De Gustav,…

14 Feb 2018 Reviews

Read more

Tomografia Assiale Computerizzata - Senza Titolo (Sometimes, 2011)

Più conosciuti come T.A.C., i Tomografia Assiale Computerizzata rientrano a pieno titolo nei gruppi leggendari dell'ondata sperimentale della musica italiana.…

05 Oct 2011 Reviews

Read more

Artifact Shore - S/T (Interferenceshift, 2007)

Con questo fanno tre dischi che recensisco degli Artifact Shore, gruppo che qui non è molto conosciuto e che forse…

06 May 2008 Reviews

Read more

Gretel E Hansel - Follow The Porcupine (Madcap, 2008)

Niente strega cattiva, niente casetta di marzapane, niente di tutto ciò: l'unica favola che troviamo nell'album di Gretel E Hansel…

06 Jun 2008 Reviews

Read more

Parlor Walls - EXO (Northern Spy, 2018)

Con Opposite i Parlor Walls ci avevano raccontato di una band con qualcosa da dire all’interno di un contesto che…

12 Jul 2018 Reviews

Read more

Giorgio Ricci - Insanity (Laverna, 2012)

Giorgio Ricci, per chi di voi non lo sapesse, è un ex Templebeat, gruppo in forza alla Submission e che…

17 May 2012 Reviews

Read more

K-Branding - Alliance (Humpty Dumpty, 2011)

Giovani promesse crescono e vengono mantenute, proprio come nel caso di questi ragazzi belgi: ricordo di aver recensito il loro…

15 Apr 2011 Reviews

Read more

Tiziano Milani, Luca Rota - The City Of Simulation (Setola…

Un progetto molto interessante quello che mi trovo fra le mani, infatti a dispetto delle molte baggianate che cercano di…

30 Apr 2010 Reviews

Read more

Keiki - Popcorn From The Grave (Cheap Satanism, 2012)

Sedicente duo satanico con sede a Bruxelles, formato da un mezzo italiano alla chitarra e una mezza inglese alla voce.…

28 Nov 2012 Reviews

Read more

Sodapop Fizz – Anno 3 Puntata 10 (11/12/14)

Decima puntata della terza stagione di The Sodapop Fizz: Emiliano e Stefano approfittano del penultimo appuntamento dell'anno per proporre tre…

15 Dec 2014 Podcasts

Read more

Red Sector A – Transients (Silentes, 2014)

La metà dei ’90 passati a riempire le piste da ballo alternative di mezza Europa, nascosto sotto vari pseudonimi, poi…

17 Jun 2014 Reviews

Read more

Sodapop Fizz – Anno 3 Puntata 9 (04/12/14)

Nona puntata della terza stagione di The Sodapop Fizz: Emiliano e Stefano in diretta con Jukka Reverberi (Giardini Di Mirò…

09 Dec 2014 Podcasts

Read more

René Basca And The Biscuits - Definizione Di EP (Bordugo…

E bravi René Basca And The Biscuits. Questo, purtroppo breve, EP è davvero una bella sorpresa. Immaginate uno strano ibrido…

03 Feb 2012 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top