Airportman & Tommaso Cerasuolo – 23/04/10 Tipo 00 (Brescia)

Una tribute band, seppur sui generis, questo è quel che è il progetto messo insieme dai cuneesi Airportman con Tommaso Cerasuolo dei Perturbazione alla voce. Sui generis perché non onora un gruppo in particolare ma un'intera epoca; lo fa senza ricalcare pedissequamente le canzoni originali ma riarrangiandole e armonizzadole in un pop-rock raffinato a base di chitarre acustiche, fisarmoniche, glockenspiel, hammond e banjo che corrono di mano in mano fra gli intercambiabili musicisti (dubito che qualcuno abbia suonato per due brani a fila lo stesso strumento). Tributo a un'epoca che si interseca indissolubilmente con l'esperienza personale dei musicisti e di qualcuno del pubblico, quella dei primi ascolti e delle prime scoperte in ambito musicale, dal calare degli anni '70 a metà degli '80, con qualche fugace puntata più un qua. Inevitabilmente è un concerto che divide in due la platea: chi ha vissuto il periodo e conosce le canzoni godrà di un piacevole amarcord a metà fra nostalgia e scoperta grazie al trattamento subito dai pezzi, rivisti con un piglio che uniforma salutarmente folk (il Nick Drake di Black Dog), pop da discoteca (i Fiction Factory di Heaven) e rock d'autore (i The The di This Is The Day), airportmancerasuolo_livegettandovi uno sguardo affettuoso e divertito. Costoro sono i più fortunati e manifestano più volte la loro approvazione. Chi come me a quei tempi ascoltava ad andar bene i dischi dei genitori e riconosce solo i brani di maggior successo (una Tainted Love piuttosto energica) o i più recenti, ha la netta sensazione di perdersi qualcosa, nonostante l'impegno di Cerasuolo nel contestualizzare ogni pezzo, raccontando cos'ha rappresentato per lui e per quelli come lui. Per noi resterà un concerto piacevole, caratterizzato da canzoni per forza di cose belle e orecchiabili, magari un po' uniformi nel loro vestito elegante, ma con punte notevoli, come una Speeding Motorcycle in perfetto equilibrio fra la stortezza dell'originale di Daniel Johnston e la versione più rock degli Yo La Tengo o una bella Pets dei Porno For Pyros, cantata all'unisono col pubblico debitamente addestrato. Un'oretta di passeggiata piacevole attraverso un passato recente. Per qualcun altro, molto di più.

Tagged under: , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Gopota – Human Demo Version (Silent Method, 2017)

Preso singolarmente Human Demo Version è un disco death-industrial adatto a fanatici freak noise o a neofiti che vogliano affrontare…

17 Jan 2018 Reviews

Read more

Plunkett - 14 Days (Autoprodotto, 2006)

Lascia perdere le tue “10 ragazze per me”. Piuttosto, 14 giorni ti posson bastare? Ne mancano proprio 14 alla fine…

16 Dec 2006 Reviews

Read more

Zu – Axion/Chthonian Remix 7” (Public Guilt, 2011)

È questa l'ultima uscita della formazione classica degli Zu con Jacopo Battaglia dietro le pelli, un 7" in edizione…

28 Feb 2011 Reviews

Read more

Oscenità Sulla Luna – 21/07/12 Spazio 4 (Piacenza)

Incubo di una notte di mezza estate. L'ultima cosa che ci saremmo aspettati di vedere e sentire è una carrellata…

27 Jul 2012 Live

Read more

Eagle Twin/Pombagira - Split LP (Mordgrimm, 2010)

Pubblicato in occasione del tour che ha visto i due gruppi attraversare l'Europa, toccando anche l'Italia (se ve la siete…

30 Oct 2010 Reviews

Read more

Blue Deers – A Little Low Dry Garet (Trazeroeuno/Cuckold, 2009)

Galeotta fu Praga, dove due componenti degli industrial-doomer Cervix concepirono l'idea che sta alla base dei Blue Deers; dal Golem della…

26 Nov 2009 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 24 (09/04/15)

Puntata numero ventiquattro della terza stagione di The Sodapop Fizz: ospite Luca Sigurtà con due pezzi dal nuovo disco in uscita su…

13 Apr 2015 Podcasts

Read more

Sigillum S - Emptiness Spheres (Luce Sia, 2020)

Rarefatto e speziato ritorno per i tecnopadri dell'area grigia. Power trio a tutti gli effetti quello che incarna le nuove…

02 Feb 2021 Reviews

Read more

Deison - Magnetic Debris vol.1 & 2 (Dissipatio, 2022)

Il passato che ritorno non è, in genere, una buona cosa: fantasmi, storie che credevamo dimenticate o, quando va bene,…

24 Mar 2022 Reviews

Read more

Mulo Muto & Black/Lava – Worlds Corroding Under Xenomorphs’ Ejaculations…

Dal confine italo-svizzero - ideale punto d’incontro fra le due entità che collaborano in questo progetto – allo spazio profondo…

31 Mar 2022 Reviews

Read more

Yeti Lane - The Echo Show (Clapping Music, 2012)

Secondo giro di boa per il duo parigino che torna con quello che viene definito il loro capolavoro. Tra atmosfere…

30 May 2012 Reviews

Read more

Maximum Awesome - S/T (Sabbatical, 2007)

Ho dato un’ascoltata veloce alla maggior parte dei lavori di quest’etichetta e bene o male, oltre che un’estetica base nel…

08 Mar 2009 Reviews

Read more

Dyskinesia - L'Ultimo Giorno (Centre Of Warm/Frohike/Creative Fields, 2008)

In tutta onestà sulle prime avevo un po' snobbato i Dyskinesia, credendo si trattasse del solito combo hardcore che si…

19 Jun 2010 Reviews

Read more

Map 71 - Void Axis (Fourth Dimension Records/Foolproof Projects, 2018)

Lisa Jayne (parole e voce), scrittrice e performer attiva nella scena out e fetish di Essex, e Andy Pyne…

18 Sep 2018 Reviews

Read more

Obelyskkh - White Lightnin' (Exile on Mainstream, 2012)

Super crautissimo doom tossico e polveroso direttamente dalla Germania per questi figli bastardi di Dave Wyndorf e di tutta la…

17 Dec 2012 Reviews

Read more

The Books – 30/04/11 Interzona (Verona)

Non sono mai stato un grande fan dei The Books: sulla carta quello che fanno è interessante, ma su disco…

21 Apr 2011 Live

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top