Yuk! Interventi a cadenza casuale e necessaria numero 3 – Epica, etica e pathos

Etica. Un parolone. Però mi interessa perchè, parlando di musica, segna lo sfumato confine tra le proposte che valgono qualcosa e quello che no. In realtà non è che faccio astrusi o filosofici ragionamenti nel momento dell’ascolto, ma succede che in certi casi affiora un senso di fastidio che mi tira per la giacchetta e che mi fa sentire di essere preso per il culo. Una bella fetta di musicisti trattano gli ascoltatori come i politici fanno con i propri elettori e i programmatori televisivi con i telespettatori: come dei poveri coglioni a cui dare in pasto quello che ci si immagina sia nelle loro aspettative, anzi, meglio se un paio di gradini più sotto, tanto per non rischiare. Si potrebbe addirittura immaginare che esista una volontà di giocare al ribasso, allo scopo di spianare le capacità critiche e percettive del pubblico, facilitando così la vendita di prodotti di scarsa qualità, che richiedono investimenti finanziari e intellettuali molto ridotti.La minimizzazione del rischio.Rischiare, invece, in una società sana, è il passaggio obbligato per chi propone qualsiasi nuovo prodotto. E questo vale ancora di più nel campo dell’arte o dell’intrattenimento.Tutto questo preambolo perchè vorrei mettere a confronto due lavori che ad un primo ascolto possono risultare abbastanza vicini: Patience (After Sebald) di CaretakerMusic From The Impossible Salon di Idea Fire Company. Entrambi si basano su giri di pianoforte piuttosto lenti e ripetitivi in un’atmosfera vagamente pre-war. In che cosa si differenziano?

caretakerCaretaker, per la produzione di Patience, utilizza scampoli di Winterreise (1827) di Franz Schubert con cui compone la colonna sonora di un film dedicato allo scrittore tedesco W.G. Sebald. Ci troviamo al cospetto di brani composti da singoli ripetuti loops di pianoforte malinconico, che scorrono uguali identici dall’inizio alla fine di ogni traccia. Le note vengono immmerse in ambienti fruscianti che a volte ricordano cascate nel buio, a volte rumori di fondo avvolti nella nebbia, a volte lo scricchiolio di una puntina su un disco a 78 giri. Ne risulta un mix che genera un’atmosfera di rassegnazione, una specie di nostalgia della morte. Lo sforzo impiegato per creare questi bozzetti è veramente infimo, dopo dieci secondi di ogni brano sai già esattamente come sarà da lì alla fine. Ma la relativa semplicità di assemblamento di un album del genere potrebbe benissimo non essere un problema. Il punto è che traspare la volontà di rendere evocativo un sentimento depressivo e deprimente. Come se ci dicesse: “Arrendiamoci alla nostra fine, siamo già tutti cadaveri e non possiamo farci niente” e in più ce lo propone in maniera imbellettata e consolatoria. Un invito alla sottomissione nei confronti di un inesorabile destino. Proprio perfetto per questo momento storico. Un’operazione squallida, nei metodi e nello scopo. Funeral-chich.

ideafirecompanysalonIn Music From The Impossible Salon, le parti di pianoforte suonate da Karla Borecky giocano anch’esse sulla riperizione di brevi fraseggi. Giocare è la parola giusta. Le esitazioni e le piccolissime variazioni durante lo svolgimento sono lì a ricordarci della performance umana. Tutte le melodie tendono a far venire in mente qualcosa, una musichetta da intervallo o un commento sonoro da film muto, ma nello stesso tempo riescono ad essere qualcosa d’altro, qualcosa di non esattamente collocabile. Sullo stesso piano sonoro si pongono gli interventi di Scott Foust che lavora col synth, col trombone e altri ammenicoli, che non cerca mai una sinergia musicale col pianoforte, anzi sviluppa un lavoro di contrasto. Il bello è che svolge questa operazione senza cadere mai nello scontato o nel banale. Semplicemente trova una sua idea di disturbo e se la porta avanti, si potrebbe quasi dire che si fa gli affari suoi.  L’insieme che ne risulta è apparentemente elementare e tranquillo, ma estremamente intrigante. Un piccolo miracolo ottenuto accostando il basso e l’alto, il bello e il brutto. Questa giustapposizione crea un’interferenza che dà vita a qualcosa di sconosciuto e stimolante, che necessita solo un minimo di pazienza per essere apprezzato, ma che offre belle soddisfazioni. Una proposta di grandissima qualità. Un atto di fiducia nei confronti dell’uomo.

http://www.youtube.com/watch?v=Ow3Vs_gvewY

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Sun Kil Moon - Benjii (Caldo Verde, 2014)

Un capolavoro intenso e profondo, e c'è dentro tutta una vita. Basterebbe questa semplice frase per dare lustro al ritorno,…

22 Apr 2014 Reviews

Read more

Micah Gaugh Trio - The Blue Fairy Mermaid Princess (Africantape,…

 Jazz, free, songwriting... non vi basta? Bello, bello, bello. Potrei chiudere qui e dirvi di andare a recuperare questo disco,…

05 Apr 2013 Reviews

Read more

Club Voltaire - The Escape Theory (LaFleur, 2014)

Cinque anni fa quattro comaschi hanno fatto incontrare la loro passione per il sound della Swinging London e l'indie pop…

05 May 2014 Reviews

Read more

Andrea Neumann / Mads Emil Nielsen - Refound (Arbitrary, 2018)

Collaborazione nata dal 2014 quella tra Andrea Neumman (inside piano ed elettronica) e Mads Emil Nielsen (elettronica), compositori che hanno…

05 Oct 2018 Reviews

Read more

Daughter – 10/07/13 Teatro Arena Conchiglia (Sestri Levante – GE)

Bella sorpresa il cartellone del Mojotic quest'estate, con una programmazione che punta a nomi di richiamo, come una cittadina turistica…

19 Jul 2013 Live

Read more

New Jooklo Age – 16/11/10 Circolo Creassant (Brescia)

È ancora il Creassant, nel mortorio omologato della tanto a sproposito decantata scena bresciana, a offrirci una serata di musica…

07 Oct 2010 Live

Read more

Die! Die! Die! - Form (Golden Antenna, 2011)

Con un nome che lascia pochi spazi alle interpretazioni e che ha fattto venire il sangue alla testa all'amico Emiliano…

30 May 2011 Reviews

Read more

KK Null – Cryptozoon Stereo Condensed Mix (Aagoo, 2014)

Il prolifico samurai KK Null, già con gli Zeni Geva ma ultimamente sempre più frequentemente in solitaria, ha trovato nell’Aagoo…

12 Oct 2015 Reviews

Read more

Diego Curcio - Rumore Di Carta (Red@zione, 2007)

Credo sia la prima volta che mi balena in mente di recensire un libro. Non è, invece, la prima…

31 Dec 2007 Reviews

Read more

Dispositivoperilanciobliquodiunasferetta – Rembrandt Era Eccezionale (UHR/Lemming/Respira, 2009)

Dobbiamo prendere atto che oramai i giovani musicisti crescono a pane e Battles come una volta si cresceva con i…

04 Nov 2009 Reviews

Read more

Billy Torello – Il Passato Ha Gli Zoccoli (Fumaio/Il Verso…

Avevo considerato Ultime Notizie Dalla Tartaruga, il precedente lavoro di Billy Torello (al secolo Angelo Bignamini di The Great Saunites…

20 Mar 2014 Reviews

Read more

Father Murphy – 13/04/12 Agorà Del Polaresco (Bergamo)

Se avete letto la recensione del nuovo album dei Father Murphy, potrete capire che l'occasione di vederli dal vivo a…

27 Apr 2012 Live

Read more

Devasquartet/Arrington De Dionyso & Mr. Mutak's Group - Tape Crash…

Cassetta particolare e dai suoni letteralmente rutilanti e sgangherati questa Tape Crash No.3 per la Old Bicycle di Vasco Viviani:…

02 Jan 2013 Reviews

Read more

Fungi From Yuggoth/Liturgia Maleficarum – Split tape (Diazepam, 2015)

Talvolta le conferme sono inutili, nondimeno averle fa piacere: è questo il caso, per quanto parlare di piacere potrebbe sembrare…

28 Dec 2015 Reviews

Read more

Ur - Triadic Memories (Afe, 2005)

Edizione limitatissima per questo nuovo progetto di Federico Esposito (già Den LXV e Heartside) che, come suo costume, ancora una…

28 Sep 2006 Reviews

Read more

Twelve Thousand Days – Insect Silence (Final Muzik, 2018)

Dei Twelve Thousand Days, Martyn Bates (Eyeless In Gaza) e Alan Trench (fondatore della World Serpent e attivo come Orchis…

08 Sep 2018 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top