Three Second Kiss – Long Distance (Africantape, 2008)

Formazione nuova, vita nuova, ma pur sempre vecchi Three Second Kiss, sia nel bene che nel male. Il gruppo non credo abbia bisogno di presentazioni ma se proprio servisse: partirei col dire che insieme agli Uzeda sono stati la punta dell'iceberg della stagione d'oro del post/math-rock italiano e per quel che mi riguarda c'è stato un tempo in cui se la sono giocata alla pari con parecchi americani famosi…anzi quello a dire il vero lo fanno ancora egregiamente, anche se con qualche riserva.
Il tempo passa e le cose cambiano, così succede che una volta a Springfield fossero i coniugi Tilotta a "rockeggiare" ed invece ora tocca a loro figlio dietro alle pelli della batteria, me lo ricordavo acerbo nei non troppo convincenti Theremin ed invece si è trasformato in uno splendido pestone mancino (se ben ricordo). L'etichetta è al suo esordio, ma solo per modo di dire visto che si tratta di una joint venture di 5 Roses e della francese Sickroom, mentre per confermare la tradizione dietro al banco di regia c'è nuovamente Steve Albini. Squadra che vince non si cambia e così i T. S. K. riprendono il discorso da dove l'avevano interrotto, se proprio avete necessità di valutazioni, direi che questo disco sia molto meglio di Music out of music ma dietro Everyday everyman. Un problema di qualità? Assolutamente no, anzi il livello è alto come sempre basta, sentire il duo di Dead horse swimming e deviationism, spazza via praticamente il novanta per cento dei gruppi math/post-rock che ho sentito negli ultimi anni ed arriva a livelli di eccellenza mostruosi. Il fatto è che passa il tempo e i Three Second Kiss forse rimangono un po' incollati a se stessi, cosa non da poco visto che già avere una personalità ha del miracoloso, forse il problema è solo mio che da un gruppo del genere mi aspetto sempre qualcosa in più. Tanto per chiarire ogni dubbio posso tranquillamente affermare che questi siano stati uno dei migliori gruppi che abbia mai visto la luce in Italia e non solo, proprio per questo le mie aspettative sono sempre molto alte. Immagino che qualcuno si ponga il problema se si tratti solo del fatto che "finita la moda del post rock e del math quello che lo ricordi o lo riproponga sia poco trendy", non penso che sia questo il punto, credo che la cosa geniale dei gruppi post-Hoover sia stata quella di cambiare sempre un po' il target, da Regulator Watt ad Abilene, stesso dicasi dei June of 44 per cui Four great points rimarrà un capolavoro, ma di cui Anahata, che sembra quasi un disco fusion evoluto, non è da meno oltre che essere il passo successivo, rimanendo attinenti al discorso, gli stessi Zu a loro modo sono uno dei prodotti più illuminati e più in evoluzione del math-rock di quegli anni (anche se in questo caso l'etichetta sta un po' stretta). Ma se i Three Second Kiss hanno una loro identità perché allora metterli in parallelo con Hoover e June of 44? E perché no invece? Anzi voglio concludere dicendo di più, che al di là delle discussioni su anacronia sì, no, forse…se l'ultimo Shellac avesse avuto la metà dell'adrenalina di questo disco sarei riuscito ad ascoltarlo più delle due volte che mi sono dovuto imporre avendolo ricevuto in regalo. Detto ciò: Albini santo subito e "god save Three Second Kiss!".

Tagged under: , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Hoch/Tief - S/T (Arctic Rodeo, 2011)

E' da vent'anni ormai che la band di Stoccarda calca il palco dell'indie rock: non è stata una proprio una…

22 Aug 2011 Reviews

Read more

Get The People - S/T (Ruminance, 2006)

C’è gente che vive un drammi indicibili quando in fase post-adolescenziale vede crollare miserabilmente il proprio eroe e purtroppo è…

26 Feb 2007 Reviews

Read more

The Great Saunites – Brown (Neon Paralleli/Hypershape e altre, 2018)

The Great Saunites chiude la trilogia dei colori aggiungendo al nero e al verde il marrone e l’effetto è assolutamente…

26 Apr 2018 Reviews

Read more

Tatsuya Nakatani & Shane Parish - Interactivity (Cuneiform, 2020)

Secondo disco collaborativo tra il percussionista avant Tatsuya Nakatani e il chitarrista Shane Parish degli Ahleuchatistas. Un lavoro che si…

27 May 2020 Reviews

Read more

Bachi Da Pietra – Necroide (La Tempesta/Wallace/Tannen, 2015)

Per il sesto album i Bachi Da Pietra abbandonano i giochi di parole numerici - che da Tarlo Terzo ci…

28 Sep 2015 Reviews

Read more

The Orange Man Theory - Satan Told Me I’m Right…

Trovo estremamente irritante che su Metal Archives (la Treccani metal on line) non ci sia traccia della band capitolina…

24 Jun 2010 Reviews

Read more

Rosolina Mar/Trumans Water - Split (Robotradio, 2007)

La Robotradio grazie ad un parto gemellare, oltre a Lucertolas, regala un nuovo capitolo della sua personale serie che unisce…

19 Dec 2007 Reviews

Read more

Pussy - Pussy Plays (Akarma, 2004)

Era il lontano 1969. Praticamente io stavo per nascere o – almeno – essere concepito. E usciva questo disco, che…

22 Jul 2006 Reviews

Read more

Altieri/Balestrazzi/Becuzzi – In Memoriam Of J.G. Ballard (Old Europa Cafè,…

Altieri, Balestrazzi e Becuzzi tributano il maestro della letteratura inglese a tre anni dalla scomparsa e lo fanno tornando sul…

03 Dec 2012 Reviews

Read more

Body/Head + Jooklo Duo – 20/10/12 Interzona (Verona)

Archiviata (almeno credo...) l'avventura dei Sonic Youth, Kim Gordon riprende a frequentare i palchi in compagnia di Bill Nace e…

07 Nov 2012 Live

Read more

The Tall Ships – On Tariffs And Discovery (Minority, 2011)

That's only post-rock, but I like it. Ecco cosa ho pensato qualche minuto dopo aver iniziato ad ascoltare On Tariffs…

04 Apr 2011 Reviews

Read more

Sunn o))) + The Secret - 01/10/11 Fillmore (Cortemaggiore –…

Stephen O'Malley, a parere di chi scrive, è sempre stato più un ottimo manager che non un musicista: capace di…

21 Oct 2011 Live

Read more

The Swans + Xiu Xiu – 23/03/13 Interzona (Verona)

E venne il giorno, anzi, la notte degli Swans, inevitabilmente fredda e piovosa nonostante la primavera già ufficialmente iniziata da…

29 Mar 2013 Live

Read more

Lule Kaine - Radiations From Futurist Furniture (Chew-Z, 2008)

Ricordavo di aver già sentito qualcosa di questi Lule Kaine anche se non ricordo esattamente cosa e dove, ma questo…

03 Apr 2008 Reviews

Read more

Mike Cooper - Tropical Gothic (Discrepant, 2018)

Nomen omen, titolo che rispecchia a pieno le intenzioni di Mike Cooper nella stesura di Tropical Gothic. Un lavoro che…

16 Oct 2018 Reviews

Read more

Les Man Avec Les Lunettes - Qui Cherche Trouve (MyHoney,…

Dopo Lumière Electrique, Fabio Benni sfoga tutta la sua passione per l'indie pop (dall'epoca C86 fino alle nuove scoperte scandinave,…

26 Sep 2006 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top