The Connie Capri Organ Chamber Orchestra – S/T (Wallace, 2008)

Che Mirco Spino nonostante un malcelato passato hardcore (e non per i film con Rocco e John Holmes) sia diventato filo-freak e della peggior specie, mi sembra palesato da più segnali e questo disco è qui per dimostrarlo. Connie Capri Organ Chamber Orchestra viene messo in parallelo al buon Eric Dolphy con cui penso abbia da spartire meno che gli Skrewdriver con l’African National Congress guidato da Afrika Bambaataa che fa l’MC per Mandela… per altro in “nomen omen” o meglio il nome la dice tutta sul suono e un po’ suggerisce anche il taglio di questo vinile.
Organ Orchestra un po’ per lo strumento, un po’ per l’andamento di organo più batteria ossessiva e ripetitiva, annaspa nel kraut fino al collo, anzi direi che più kraut di così si muore. Nonostante ciò un appiglio con la modernità c’è, quanto meno per il suono, quindi facciamo un po’ di nomi visto che mi ha ricordato un po’ alcune cose dei Salaryman, gli I Am Spoonbender senza passato punk e depurati di devianze rock, i Trans Am delle tracce più filo-crucche e meno “post-rock here we go!” e chiaramente richiami assortiti a Faust, Can periodo Future Days e persino Krafwerk. Uno dei punti a favore di questo Connie Capri è che nella semplicità del disco le tracce si ascoltano davvero bene e quando li metto in parallelo con i Salaryman lo faccio con le migliori intenzioni visto che le melodie sono sempre a tinte acido/psichedeliche, ma mai depresse e per di più la batteria o una linea ritmica sono sempre presenti. Otto tracce per trentanove minuti, senza nessuno scivolone e giocando sulle ripetizioni di una formazione ridottissima non è un’impresa da poco o sbaglio? A ciò aggiungete che sul secondo lato del vinile la sterzata di umore è netta e quindi via di organo in dissonanza che gli anni ’70 chi se li scorda più. Ribadisco che nonostante la virata, l’andatura di Connie Capri rimane costante e a parte la variazione che ad ascoltarla Manzarek ci si sarebbe fatto le pippe, il piatto portante resta lo stesso, quindi un bel pollice alzato per Connie.

Tagged under: , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

AA. VV. - Italian Resonances -Dronegazers? (Oak, 2014)

Fare il punto sulla stato dell’elettronica italiana maggiormente orientata alla ricerca non è facile, soprattutto per via delle molte uscite…

09 Jul 2014 Reviews

Read more

Gazebo Penguins - Legna (To Lose La Track, 2011)

Due anni fa al Tago Mago Fest ho avuto la fortuna di imbattermi in un live di un power trio…

21 May 2011 Reviews

Read more

Claudio Rocchetti/The Haunting Green – Final Muzik CD-Singles Club 05…

Laddove anche gli Psychic TV fallirono -pubblicare un disco al mese per un periodo prolungato- la Final Muzik persevera con…

06 Oct 2014 Reviews

Read more

Artifact Shore - Fun Is Near (Interference Shift, 2007)

In questo mini cd della durata di venti minuti circa, gli Artifact Shore dimostrano che alla facciazza di quelli che…

04 Apr 2008 Reviews

Read more

Antea - Trepverter (Taxi Driver Records, 2014)

Malinconico e ondulato il groove dei genovesi Antea ricorda sì i più ispirati Tool, ma al contempo, con l'incalzare degli…

01 Oct 2014 Reviews

Read more

Bobby Soul - Draghi Rossi & Buchi Neri (Autoprodotto, 2007)

Strana compilation questa, nel senso che di solito i remix seguono gli album veri e propri, ma raramente, come in…

21 Feb 2008 Reviews

Read more

Nicolas J. Roncea - Eight (Part One), (Autoprodotto, 2014)

Abbiamo già avuto modo di conoscere ed apprezzare Nicolas J. Roncea in quanto membro degli eccellenti Io Monade Stanca e…

29 Jul 2014 Reviews

Read more

Dmonstrations - Night Trrors. Shock! (GSL, 2006)

Eccoci di nuovo a trattare l'ennesima, entusiasmante, filiazione del sound degli Arab On Radar, e della Skin Graft tutta, con…

06 Dec 2006 Reviews

Read more

Sylvano Bussotti - Brutto, Ignudo (Amirani, 2011)

A forza di flirtare pesantemente con la musica contemporanea l'Amirani ci è caduta dentro, o forse ci era già caduta…

14 Dec 2011 Reviews

Read more

Zeno Gabaglio/Andrea Manzoni - Gadamer (Altrisuoni/Radiosvizzera, 2008)

Per fortuna invecchiando oltre a rincoglionirmi sono diventato due righe (non tanto, ma giusto due righe) meno affrettato, quel tanto…

26 Jan 2009 Reviews

Read more

Nembrot/Andrea "Ics" Ferraris - Il Suono Dell'Olifante (Zero Sonico/HYSM?, 2011)

La recensione del disco a otto mani tra il trio partenopeo dei Nembrot e il nostro Andrea Ferraris tratta di…

22 Nov 2011 Reviews

Read more

Blood Axis + Rosa Rubea + Roma Amor – 23/06/2013…

Era evento assai atteso la calata degli americani Blood Axis, illustri portabandiera del folk pagano e capitanati da quel Michael…

12 Jul 2013 Live

Read more

Blistrap - Remotion (Setola Di Maiale, 2009)

Nuove uscite su Setola Di Maiale ed alcune vedono coinvolto il patron stesso dell’etichetta che come immagino sappiate è il…

20 Sep 2009 Reviews

Read more

Doppler - Songs To Defy (SK, 2008)

Fa piacere notare che sotto il profilo musicale Lione non si sia mai addormentata. Se negli anni novanta ne…

21 Nov 2008 Reviews

Read more

Far - At Night We Live (Arctic Rodeo, 2010)

Ritornano i Far, per qualcuno degli illustri conosciuti ma resta che si tratta di un gruppo con parecchi dischi all'attivo…

23 Jun 2010 Reviews

Read more

Alcalde De La Noche - Fantasía Ibiza (Marsiglia, 2020)

La musica truzza ha un nuovo re, anzi un nuovo sindaco: Alcalde De La Noche, il progetto italo disco dei…

11 Aug 2020 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top