Valina – A Tempo! A Tempo! (Trost, 2008)

Mi appoggerò nuovamente al mio tormentone preferito, il grande Pozzetto di Paolo Barca, Maestro Elementare Praticamente Nudista in cui il Nostro recita l'immortale: "…La minchia: chi è? Dove vive? Di cosa si nutre?" mentre la risposta la lasciamo a quelli fra di voi che si dedicano all'ornitologia, spostiamo la domanda sui Valina.
I Valina sono un trio chitarra, basso, batteria, vivono in Austria e si nutrono di post-rock, math-rock e punk, posso vantare di aver preso il loro primo disco in tempi immemori, in quei tempi il profeta narra che fosse frutto della collaborazione fra la Trost e l'allora misconosciuta Conspiracy, l'etichetta belga che oggi è anche la Hydrahead europea che fa sbrodolare voi neometaller con la frangetta (ma pure un po' me che di frangette ne ho solo più sotto le ascelle). Credo che ormai i connazionali di Der Blutharsh e di Kruder e Dorfmeister abbiano un loro seguito all'interno dello stivale, ma se vi fossero completamente sconosciuti è giusto dirvi che si difendono parecchio bene sia live che su disco. Registrati da Steve Albini all'Electrical Audio, hanno esattamente il suono che vi aspettate che abbiano: batteria esplosiva, bassone e chitarra più che mai punkettosa; anzi, forse è quella che nel corso delle uscite è andata ammorbidendosi maggiormente, ma non è l'unica variazione. I Valina si sono raddolciti sempre più, muovendosi verso la forma canzone e così a 'sto giro i pezzi sono quasi sempre cantati, la voce è molto più presente che in gruppi come gli Shellac ed è comunque uno dei piatti principali; in base a questa considerazione sembra buffo ma la timbrica del cantante chitarrista mi ricorda vagamente quella di Mike Doughty (beh, non così esageratamente figa) quindi il mix potrebbe essere math-rock punkegginte ma cantato alla Soul Caughing. I Valina ricordano molto alcuni gruppi minori (tali più per mancanza di fama che per scarse qualità) come quelli del giro della vecchia My Pal God, Ohio Gold e della Action Boy, quindi Dianogah, Hurl, Dis e così via, li ricordano in modo eccellente visto che il suono non ha nessun particolare caduta di stile e qualche bel pezzo c'è. Il loro miglior pregio è l'ascoltabilità, il fatto di fare quello che vogliono e di proporlo al meglio, per altro se avrete modo di vederli live vi renderete anche conto di quanto lo facciano rendere su ogni tipo di circuito; il loro peggior difetto invece è di essere un bel gruppetto che però dopo tre dischi inizia un po' ad avere il fiato corto (corto, non pesante, corto).

Tagged under: , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Owun - 2.5 (Atypeek Music/Reafførests, 2017)

Tornano gli Owun e continuano questa loro seconda vita iniziata qualche anno fa con il precedente Le Fantôme De Gustav,…

14 Feb 2018 Reviews

Read more

La Morte – S/T (Corpoc/Anemic Dracula, 2012)

Dietro La Morte si celano Giovanni Succi dei Bachi Da Pietra (voce recitante) e Riccardo Gamondi degli Uochi Toki (elettronica…

05 Nov 2012 Reviews

Read more

Black Rainbows - Holy Moon (Heavy Psych Sounds, 2013)

Ancora una volta musica circolare: tanti infiniti vortici che rimpiccioliscono progressivamente senza mai riuscire ad annullarsi. Con i Black Rainbows…

18 Jun 2014 Reviews

Read more

Hype Williams - Rainbow Edition (Big Dada, 2017)

Nonostante pare che Dean Blunt e Inga Copeland non siano più coinvolti in Hype Williams, mi giocherei qualcosa che lo…

11 Sep 2017 Reviews

Read more

Stefano Ferrian - Lophophora (deNOIZE, 2012)

Stefano Ferrian (conosciuto ai più come chitarrista degli Psychofagist) ritorna con il seguito di quel primo capitolo in solo che…

28 Mar 2012 Reviews

Read more

Father Murphy - 19/12/08 Morya (Cellatica - BS)

Mancando pochi giorni al Natale sta a Father Murphy fare gli auguri di buone feste al pubblico intervenuto al Morya…

29 Dec 2008 Live

Read more

Andrea Bolzoni / Luca Pissavini - Duna Lacera (Bunch, 2013)

Bunch records è l'etichetta che Luca Pissavini ha creato per pubblicare la sua musica e Duna Lacera è il disco…

23 Oct 2014 Reviews

Read more

Gil Hockman - Dolorous (Self Released, 2015)

A volte la semplicità paga, come nel caso di questo disco fatto di niente, nato quasi per caso attraverso un…

28 Oct 2015 Reviews

Read more

Wand. And Princess - Locust 9 (Sincope, 2012)

La coppia di ragazzi greci che incide a nome Wand. And Princess è in giro già da qualche tempo, sempre…

23 Jul 2012 Reviews

Read more

Lava Lava Love - A Bunch Of Love Songs And…

Beh. Ecco qui. Per la serie paghi due e prendi tre, da Verona arriva un quintetto di musicisti che, sotto…

01 Dec 2011 Reviews

Read more

M'Ors – Anima Nera (Alka, 2009)

Il destino sorriderà alla carriera di Marco Orsini, in arte M'Ors. Per come si pone, cito testualmente le parole della…

19 May 2010 Reviews

Read more

Sex On Toast + Pivixki - 13/10/10 The Toff In…

Il locale scelto per stasera è centralissimo e fa parte di un complesso molto particolare: un intero edificio di cinque…

08 Sep 2010 Live

Read more

Piotr Kurek - World Speaks (LP/CD Ediçoes CN, 2022)

La mia conoscenza di musica polacca si ferma a tre nomi. Rope, Lutto Lento e Piotr Kurek. Ammetto di aver…

07 Jun 2022 Reviews

Read more

FLTY BRGR GRL - Love You Forever (autoprodotto/Diger Distro, 2021)

Abbiamo una certa età, sappiamo riconoscere i sintomi di un’infatuazione, di un colpo di fulmine, di un innamoramento. Eccoci, in…

01 Feb 2022 Reviews

Read more

Torche + Pelican - 04/10/08 Latte Più (Brescia)

Sperimentiamo oggi un nuovo genere di recensione: la recensione-Memento (se avete visto il film, capirete). Trattando di uno di quei…

02 Oct 2008 Live

Read more

King Suffy Generator – 60 Minutes Circle (Escape From Today,…

Se l’ascolto delle prime battute di 60 Minutes Circle potrebbe frettolosamente far pensare ad un classico gruppo post rock (e…

09 May 2010 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top