Tatum Rush – Estate, elegante umidità

Prendete un parte di Tom Jones, una di R Kelly, una di Pino d’Angio, una di Chilly Gonzales, shakerate. Aggiungete acqua di lago, San Diego, Ceri, il Brasile ed una musa di nome Nancy.

Voilà…Tatum Rush da anni sta portando avanti una sua personale via al pop, nel senso più noblie del termine. Quello sudato, da ballare con i capelli impomatati, cercando il collo del partner più prossimo. Dopo l’esordio Guru Child nel 2015 con Drink Alchemici nel 2020 recupera il cantato in italiano mettendo avanti più di un piede, in una scarpetta che sembra essere di cristallo. Qualche collaborazioni, con femminee cantanti (Laila al Habash e Nancy Deleuze finora) a dimostrare che gli incroci vocali più lascivi sono quelli super classici. L’immaginario è decadente ed antico ma sfido un giovane d’oggi a non cadere nelle trappole al miele del nostro. Nessuno credo sappia quanti anni abbia Tatum ma di sicuro pezzo dopo pezzo si sta costruendo un vestito per ogni occasione e per ogni generazione. Undamento è la saga (Frah Quintale con Bassi Maestro, 64 Bars you know), ma il suo torbido passato ci parla di un personaggio che può cavalcare diverse situazioni alla grandissima. Dopo aver assistito a qualche suo live show posso confermare di come la temperatura sia altissima, sempre e comunque, nei brani che rilascia nell’etere. Barbarella recupera stilemi tra il fantascientifico ed il soft porno, Spettri è seduzione in your face, Chimera la vita da studente, zaino Invicta, bottiglie di Lillet ed ormoni in buzza.

Omega, con Nancy riesce nel rendere ebbre le spire alchemiche del deserto, facendo all’amore sui sedili di una jeep.

4 pezzi, un EP per chiarire che nel ring più glamour del pop Tatum c’è per rimanere. Poi, con calma, un pezzo dopo l’atro costruisce quanto servirà ad un lavoro più lungo. Rosé, con la già citata Laila Al Habash, ospita una chitarrina da domenica mattina, e gli intrecci delle due voce sono panna sopra le fragole, glicemia che non possiamo negarci.

Ed è il 2021, Luna Nera entra sincopata in pelle nera e Too Late si limita ad aggiornare gli stereotipi più funzionali (sapore di sale / quello rosa di Himalaya), che tanto basta.

Cosa aspettarci da un 2022 per il quale il nostro sta preparando il suo secondo album? Ancora non abbiamo notizie a riguardo, ma ascoltando i singoli che dovranno precederlo, siamo certi di poter seguire un percorso già ben delineato, libero ed aperto come un volo a braccia spalancate ma lo sguardo fisso sull’obbiettivo. Potremmo quindi trovarci sotto il Pao de Azucar alla ricerca di Valentina, musa (o musica) sfuggente e calda, oppure in un party decadente a fare di uno Sparring Partner della sua baby.

Quel che sembra fradicia cultura pop è in realtà un gioco di specchi il cui Tatum si sottrae a facili entusiasmi, spingendoci a scavare per trovarne il succo. A differenza di molta della recente produzione pop qui il personaggio è perfettamente in equilibrio tra l’essere credibile e l’appigliarsi fra riferimenti trasversali che però rimangono sullo sfondo, trasfigurate da un movimento, un accento, una melodia che non torna ma che è perfettamente a fuoco per quel che deve essere, la versione di Tatum della storia del pop. Consideriamo poi la casa che ospita il percorso di Tatum, quell’Undamento che, con Coez, Dutch Nazari, Ceri, Layla Al Habash e Frah Quintale ha caratterizzato molto di quel mondo a cavallo fra il pop più radiofonico e l’Hip-Hop più commestibile, con un mettere in mostra i propri sentimenti senza remore, causando repulsione od amore nel pubblico e nella stampa. Dai nomi citati però Tatum differisce, avendo costruito un’immagine che va oltre, in una grandeur che è possibile sostenere solo spingendo a fondo sull’accelleratore. Ci appare chiaro è come tutto questo sia un gioco: colorato, lucido, confuso, tronco. Quasi un gangsta della felicità che ci lascia sgomenti, fino al momento in cui decidiamo di abbassare barriere e pudori, semplicemente godendone a fondo. Sono brani, che ci capitano nella testa senza una funzione ne una selezione precisa, ma che ci spingono verso il delinearsi di un disegno più grande. Forse il passo più difficile, il saper arrivare ad un lavoro lungo “adulto” ed aperto nel rapportarsi fra le diverse generazioni di fruitori. Sappiamo per certo che le capacità ci sono, le ottiche sono quelle più ampie possibile e prospettano una possibilità di irresistibile inclusione.

Ho iniziato a pensare a questo articolo qualche mese fa, per poter dare un piccolo ritratto fuori dal tempo del nostro ma poi…che dire? Arriva l’estate, è arrivata la nottata più calda di sempre in Svizzera, si suda soltanto pensando di muovere un dito e quindi il convogliare in maniera più elegante i rigagnoli di sudore sembrava essere l’azione in souplesse, è il tempo di Tatum.

Ne conosciamo le capacità, il fascino, lo stile, il sapersi contornare senza paura di spettacolari ballerini. Non vorremmo nemmeno saperne troppo, solo attendere a braccia aperte quanto arriverà, bicchiere in mano e glutei guizzanti pronti a scattare.

Lasciate scendere le vergogne, cercatelo ovunque, cantatelo e ballatelo, ringrazierete poi…

Tagged under: , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Ocean - Pantheon Of The Lesser (Important, 2008)

Secondo album sull'eclettica etichetta Important per i doomster di Portland (da non confondere con gli Ocean tedeschi) e sempre meno…

15 Dec 2009 Reviews

Read more

Grey History - All Dead Stars (Radical Matters, 2010)

E' ritornato Gianluca Becuzzi e si vede, infatti nel giro di poco tempo il toscano si è sparato uno split…

15 Feb 2011 Reviews

Read more

Carlo Garof – Wheel (Setola Di Maiale, 2020)

Carlo Garof, percussionista e batterista, ha costruito la sua visione attraverso un metodo multidisciplinare che comprende un intenso approfondimento di…

06 Mar 2020 Reviews

Read more

Vanishing Life - People Running (Collect, 2014)

Una manciata di minuti, tante riverenze per il passato e altrettante speranze per il futuro. Lo sono i Vanishing Life,…

29 Oct 2014 Reviews

Read more

Anthony Cedric Vuagniaux - Le Clan Des Guimauves (Plombage/Suisa, 2014)

Il compositore svizzero Anthony Cedric Vuagniaux arriva alla terza uscita sulla lunga distanza, sempre restando nel genere della colonna sonora,…

31 Mar 2015 Reviews

Read more

Mondongo - Transparent Skin (Megaplomb, 2011)

Degna accoppiata di Megaplomb che assieme al ritorno dei Calomito fa uscire questi Mondongo, un gruppo nuovo solo nel nome…

25 Jul 2011 Reviews

Read more

Enomisossab - O (CD EdisonBox, 2022)

Ascoltando una voce slegata dal corpo l’immaginazione vola. Spesso si tende a pensare chi sperimenta vocalmente come un gigioneggiatore, dati…

19 May 2022 Reviews

Read more

Two Dead Bodies - Reflect (Afe/Bar La Muerte, 2006)

I due cadaveri nelle sacche nere sono quelli di Luca e Andrea al secolo chitarra e voce degli I/O e…

11 Sep 2006 Reviews

Read more

Marvin – Hangover The Top (Africantape, 2010)

Continua da parte dell'Africantape l'esplorazione del suono post in tutte le sue sfaccettature. Quello che propongono i Marvin, terzetto francese…

01 May 2010 Reviews

Read more

AA.VV. - Pera Ascognüda (Tera Salvaria, 2013)

Non è inutile parlare di un'opera già esaurita in fase di prenotazione (solo 53 gli esemplari prodotti) quando si sta…

25 Sep 2013 Reviews

Read more

Daimon – S/T (Metzger Therapie, 2016)

Daimon è il nome che prende l’incontro fra la chitarra elettrica di Paolo Monti (The Star Pillow), le macchine elettroniche…

13 Feb 2017 Reviews

Read more

Paolo Angeli – Sale Quanto Basta (ReR/Off Set/Arti Malandrine, 2013)

Anche se dal giorno dell'uscita è passato qualche tempo non è troppo tardi per parlare del nuovo lavoro di Paolo…

24 Jun 2013 Reviews

Read more

Laghima (Gian Luigi Diana, Frederika Krier) – S/T (Setola Di…

Laghima, in antico sanscrito, significa "levitazione", il diventare più leggeri di una piuma, andare oltre il proprio corpo. A tale…

12 Dec 2012 Reviews

Read more

Newtone 2060 - Shot (Fratto9 Under The Sky, 2011)

Sono innamorato di questo disco fin dalla prima traccia che avevo ascoltato in rete: non sapevo neppure di chi si…

16 Aug 2011 Reviews

Read more

Cobson - Like A Bike Without Brakes EP (Autoprodotto, 2007)

Gradevole e vezzoso rockettino profumatamente distorto per questo giovane trio di Montpellier. Una voce femminile inserita in un sound…

25 Jan 2008 Reviews

Read more

Hobocombo – 25/02/11 Il Dito e la Luna (Coccaglio -…

Il vento che scende dalla Valcamonica taglia la faccia stasera a due passi dal monastero di Rovato, ma a fine…

21 Feb 2011 Live

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top