Squadra Omega – 06/05/10 Locanda di Campagna (Lonato – BS)

In quella che voleva essere una stagione riassuntiva con il meglio delle precedenti puntate, gli Squadra Omega (gente di Mojomatics, Be Invisible Now! ed "ex membri di…" vari ed eventuali)  esordienti totali, rappresentano sicuramente il miglior gruppo visto sul lastricato (non potendo parlare di palco…) della Locanda. Formazione a doppio terzetto, con sax e batteria speculari e il sintetizzatore che basso a bilanciarsi reciprocamente, un po' King Crimson di Thrak, un po' Prime Time colemaniani. Ma alla fine, assolutamente Squadra Omega. Prima di iniziare è doveroso spendere due parole sul particolare look dei nostri: face panting in stile aborigeno (o Guerrieri Della Notte?), tuniche nere bordate oro e in un caso (il sassofonista di sinistra, l'altro è sobriamente scalzo e rasato a mo' di bonzo) agghiacciante mocassino scamosciato su cui non mi dilungherò al fine di non offendere il valido musicista, che pare andare assai orgoglioso di tali calzature. Ma bandiamo queste facezie: quando i sei iniziano a suonare si è subito in balia di un'onda che fluirà ininterrotta per i successivi 45 minuti, con qualche stacco ma senza vere e proprie interruzioni; non ci sarà verso di uscirne. Un esercizio d'ipnotismo a base di poliritmi squadra_omega_locanda_grandee melodie circolari, basso carrarmato e synth striscianti, psichedelia che opportunamente concede poco e nulla al frichettonismo, trasmettendo anzi un senso di disciplina rituale; e vedendo i sei tunicati davanti a noi, non è poi un'idea così peregrina. Doveva essere simile l'atmosfera in certi raduni kraut, o quella che si respirava durante le jam fra Ornette Coleman e i Master Musician Of Jajouka, ma al giorno d'oggi è raro sperimentare un simile trasporto. Gli unici momenti di ritorno in sé sono quelli di stasi fra un blocco e l'altro, a volte enfatizzati da un cambio di strumenti come quando i due frontman posano i sax per imbracciare la chitarra (Mocassino) e imboccare una pipa (Bonzo). Questo è forse l'unico momento di distrazione di tutto il concerto; non per il fatto in sé, ma perché l'odore dolciastro del tabacco ammorba subito l'aria (e fortuna che si è praticamente all'aperto), riconducendoci per un attimo in questa dimensione. Alla fine sono quattro i momenti che conto e mi pare di riconoscere alcune sequenze di Tenebroso, fra jazz notturne e quadrature noise che esaltano il lavoro di basso, per chiudere con dei sax singhiozzanti, che si interrompono e ripartono per poi tacere definitivamente: e ci ritroviamo nel portico del locale. Miglior gruppo visto durante la stagione, dicevo all'inizio, ma senza dubbio in gara per l'assoluto.

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Alberto Boccardi – Fingers (Important/Cat|Sun, 2015)

Alberto Boccardi si dà al rock? A chi ricorda le sue prime esibizioni, dove armeggiava con le macchine imbracciando l’inseparabile…

10 Sep 2015 Reviews

Read more

Bad Pritt – EP1 (Shyrec/Ricco, 2021)

Ascoltare ad alto volume. Per quanto possa sembrare strano riferito ad un EP che ha nel piano lo strumento principale…

29 Dec 2021 Reviews

Read more

Cortez - Phoebus (Get a Life, 2013)

Una cascata lavica di feedback dalla pacifica svizzera. Pubblicano questo Phoebus, secondo disco sulla lunga distanza gli elvetici Cortez, già…

28 Mar 2013 Reviews

Read more

Lady Vallens – Noon EP (Second Family, 2010)

Il boss dell'etichetta più il chitarrista degli ottimi Bonora e un tot di macchinari, questo l'organico dei Lady Vallens, che…

30 Aug 2010 Reviews

Read more

Catherine Graindorge ft. Iggy Pop - The Dictator EP (Glittebeat,…

Iggy Pop si sta sempre più svelando come Dj capace e curioso (recente il suo passaggio degli Skiantos nella sua…

20 Sep 2022 Reviews

Read more

Fabrizio Ottaviucci - Ragapiano (Odd Times, 2009)

Da pseudo-relativista (che grazie a Dio non sono) e da seguace della ricostruzione storica individuale, o forse solo da "rosicone"…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi/Fabio Orsi - Dust Tears And Clouds (Silentes, 2013)

Dopo anni di silenzio torna una delle collaborazioni più azzeccate della scena elettronica ambient italiana: Silentes pubblica un disco doppio…

03 Mar 2014 Reviews

Read more

Crevecoeur - #1 (Drella, 2007)

Mi piace pensare che i francesi siano tutti degli stereotipati figli di Jacques Tati, prima ancora che nostri compagni europei.…

01 Apr 2007 Reviews

Read more

Trio Banana - Arthur Dent EP (Bubca, 2013)

La prima volta in cui mi sono imbattuto nel Trio Banana è stato poco più di un anno fa. Erano…

22 Apr 2013 Reviews

Read more

Hector's Pets - Pet-O-Feelia (Oops Baby, 2014)

Prendete cinque individui a metà strada tra il geek, l'hipster e il punk-rocker, radici a Austin e ora una "carriera"…

13 Nov 2014 Reviews

Read more

Gabriel Sternberg - Endless Night (Canebagnato, 2007)

La Canebagnato è una piccola etichetta milanese, che vuole rimanere tale e che, a detta sua, pubblica album per folk…

11 Apr 2008 Reviews

Read more

@c – Re: Barsento (Galaverna, 2014)

Galaverna è un progetto di radicalismo gentile. Label digitale devota all’arte del field recordings, lega pratica ed estetica in maniera…

31 Jul 2014 Reviews

Read more

Andrea Bolzoni / Luca Pissavini - Duna Lacera (Bunch, 2013)

Bunch records è l'etichetta che Luca Pissavini ha creato per pubblicare la sua musica e Duna Lacera è il disco…

23 Oct 2014 Reviews

Read more

Talibam!/Jealousy Party - Phonometak Series #5 (Phonometak/Wallace, 2008)

Continua inesorabile la serie di vinili marcati Soundmetak/Wallace; la collana solitamente mette insieme nomi conosciuti esteri e nostrani, vecchie glorie…

18 Nov 2008 Reviews

Read more

Equus - Eutheria (Get A Life, 2008)

Entusiasmante debutto per l'elvetico terzetto che, believe it or not, raggiunge a pieno titolo la palma di band Cinematica…

30 Apr 2008 Reviews

Read more

Ludmilla Spleen - Gennariello (Artista Anch'Io/Villa Inferno/Neon Paralleli, 2020)

Mi rendo conto siamo ad inizio anno e di cose ne potremo  ascoltare molte, ma ad oggi, senza indugio alcuno…

18 Feb 2020 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top