Ripples Recordings

So che myspace per molti di voi è out e che su facebook è più facile cercare donne e uomini, ma non avendo nulla da perdere (o da prendere), quelle rare volte che ci faccio un giro mi capita di fare alcune scoperte interessanti. E' stato in questo modo che avuto i primi contatti con la Ripples fino a farmi mandare i primi cd e quei piccoli assaggi che avevo avuto modo di rubare in rete si sono dimostrati preludi di bocconi molto gustosi. L'etichetta a quanto sento e vedo si muove in un contesto sperimentale/elettronico avanzato e pur dedicandosi ad edizioni fatte in pochissime quantità e stampando cdr parte a razzo con un profilo molto alto.
Infatti si tratta di dischi con packaging molto belli se non ultra professsionali ed anche la musica non è da meno visto che fra field-recordings ed elettronica sperimentale da giro Korm Plastic e Staalplaat si viaggia su standard che hanno tutto fuorchè del casereccio e per di più made in italy. Partiamo da Ennio Mazon che in In A Undertone At A Loose End sviluppa una serie di tracce elettroniche mediamente melodiche che fra skip, abbozzi di glitch, synth veri (o virtuali) droni eterei e field-recording che tagliano i campi di ascolto in un sali e scendi con il resto delle melodie regala venti minuti crudi (ma non grezzi) di micro tracce ben assortite. Diverso il discorso che si può fare per James Douglas e David Valez che in Sonoridades Industriales ricordano molto da vicino la commistione di field-recordings ed elettronica di giganti come Organum e come il mai troppo compianto John Watermann di Calcutta Gas Chamber. Atmosfere plumbee in cui di relax se ne trova ben poco, si tratta di un viaggio al cuore del suono oltre che di una vera e propria storia narrativa virtuale. Nelle due suite che vanno formare il corpo di questo lavoro i due utilizzano parcheggi sotterranei, impianti di areazione, centraline elettriche e altri suoni che presi dal contesto urbano. Il tutto viene mixato e fatto crescere in modo moto classico senza mai giocare troppo con la tensione ma lasciando sempre un alone livido che perdura per tutti i quaranta minuti scarsi del disco.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Midnight Faces - Fornication (Autoprodotto, 2013)

Dicono di loro di sentirsi come Tom Petty che incontra i Cure. Mi fanno sempre sorridere questi tipi di affermazioni:…

25 Oct 2013 Reviews

Read more

The Eagle Twin Ascend the Iceburn: intervista a Gentry Densley

Dopo aver ripercorso la carriera di Gentry Densley dagli esordi (Iceburn) ai nostri giorni (Ascend e Eagle Twin) nell'articolo monografico,…

07 Mar 2012 Interviews

Read more

Speedy Peones – Karel Thole (Shyrec, 2010)

Finalmente un dischetto estivo come si deve, di quelli capaci di ricordarti che, aldilà di afa e lavoro, ci sono…

17 Jun 2010 Reviews

Read more

7 Training Days – Finale/Forward EP (Autoprodotto, 2012)

Merita almeno una segnalazione questo breve EP dei frusinati 7 Training Days, di cui già avevamo avuto modo di parlare…

10 Dec 2012 Reviews

Read more

Tindersticks - Ypres (Lucky Dog/City Slang, 2014)

Non sorprende affatto vedere i Tindersticks, rinomata band inglese di "pop orchestrale da cameretta", alle prese con un lavoro musicale…

05 Dec 2014 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 25 (16/04/15)

Puntata numero venticinque della terza stagione di The Sodapop Fizz, questa volta l'ospite di Emiliano e Stefano è Gianluca Becuzzi che porta…

20 Apr 2015 Podcasts

Read more

16 Barre / Watch The Dog - Li Ho Visti…

Il problema principale di un certo di tipo di hip hop è la più completa e totale autoreferenzialità, benché…

11 Dec 2009 Reviews

Read more

Massimo De Mattia - Mikiri+3 (Setola Di Maiale, 2011)

Si tratta di un disco decisamente anomalo per il catalogo della Setola Di Maiale, non tanto per la grande fruibilità…

23 Sep 2011 Reviews

Read more

AA.VV. - Guitars, An Anthology Of Experimental Solo Guitar Music…

Qualcuno dei più attempati la fuori ricorda quella mitica compilation intitolata Guitarrorists? Beh... si trattava di un doppio lp e…

25 Jan 2011 Reviews

Read more

Punk 'n' Rai (prima parte)

Il punk? Musica paranoide e sgradevole. I punk? Una rimasticatura di James Dean e dei Teddy Boys. Così la Televisione…

21 Apr 2013 Articles

Read more

Giulio Aldinucci - Tarsia (Nomadic Kids Republic, 2012)

Il nuovo lavoro di Giulio Aldinucci esce per una etichetta giapponese e questo mi conferma l'idea che mi ero fatto…

13 Nov 2012 Reviews

Read more

Riul Doamnei - Apocryphal (Dead Sun, 2007)

Ci sono alcune caratteristiche nella musica di oggi assolutamente sorprendenti. Perché fino all’inizio degli anni novanta le band italiane di…

01 Jun 2007 Reviews

Read more

Makhno – Silo Thinking (Wallace/Neon Paralleli/Hysm?/Brigadisco, 2012)

Makhno (nome di un anarchico ucraino già usato per una collaborazione fra Nicola Guazzaloca e Francesco Guerri) è il moniker…

12 Oct 2012 Reviews

Read more

Kajsa Lindgren – WOMB (Hyperdelia, 2018)

Seconda uscita per l’etichetta berlinese Hyperdelia, WOMB, lavoro della sound artist Kajsa Lindgren, che partendo da una base di field…

01 Aug 2018 Reviews

Read more

Edible Woman - The Scum Album (Ame/Psychotica, 2007)

Come già detto per altri dischi anche per gli Edible Woman capacità degli strumentisti ed una buona produzione annullano completamente…

26 Apr 2007 Reviews

Read more

Drink To Me - Don’t Panic, Go Organic (Midfinger, 2008)

Esordio ufficiale per i canavesani Drink To Me, dopo una serie di cd-r per la personale etichetta Stuprobrucio. Meno naif…

27 Apr 2008 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top