Sinistri/Ovo – Phonometak Series #3 (Phonometak/Wallace, 2007)

Nuovo capitolo Phonometak e nuova accopiata di nomi conosciuti e, per questa volta, duo tutto tricolore. Partono gli Ovo, ormai sempre più calati nella loro dimensione “freak fracassona”, tanto da partire subito con un pezzo quasi industrial, molto vicino a quello del loro split con Inferno e Psychofagist, poi si va di un pezzo dement-surf come l’avrebbe suonato Ikue Mori ai bei tempi, pur non andando di cattiveria come nella prima traccia, il “diabolico coupè” in quelle successive rimane sempre animoso e molto ritmico. L’unica grossa variazione direi che sta nell’atmosferica e disturbata traccia finale a cui darei la palma di pezzo migliore. La produzione, pur non essendo quella di Miastenia, rende il gruppo al meglio tanto da riprodurne la dimensione live (che per quel che mi riguarda rimane sempre quella più congeniale a Dorella/Pedretti). I “Sinistri sono gli Starfuckers con il wah wah” diceva un tizio e un po’ il tale “c’avea ragion”, infatti se nei Sinistri si riconoscono le idee e le deformità degli autori di infrantumi, direi anche che c’è una vena quasi funk… ovviamente: “funk a modo loro!”. Suonano ancora a singhiozzo, tanto da sembrare un discorso a cui siano state sottratte le vocali, ma il grosso cambiamento sta nel fatto che questa volta la chitarra oltre a legare il tutto fino a dargli quella che può quasi sembrare una forma, gli dona persino un abbozzo di melodia. Il fantasma del funk come lo vedeva Miles Davis (Live Evil) ricompare sfocato ed in acido. Altra grossa differenza a livello produttivo direi che sta nella scelta di una serie di riverberi dub, soprattutto nella seconda traccia e se lì per lì sembrano poca cosa, in realtà fanno riflettere sul fatto che questa volta le tracce siano sufficientemente dilatate da permettere che si usino dei delay senza che finiscano per risultare fuori luogo. Non saprei dire se si possa parlare di modifiche così decisive, visto che comunque Sinistri erano e rimangono di nome e di fatto, direi semmai che questi “tusci” si abbandonino maggiormente alla loro vena anni ’70 e senza il timore di dover procedere neccessariamente a singhiozzo.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Dead Boomers – Family Money (Sabbatical, 2010)

Ultimo disco della partita australiana in mio possesso, quello dei Dead Boomers era fra i più attesi dopo aver letto…

28 Jan 2011 Reviews

Read more

Obsil - Vicino (Psychonavigation, 2011)

Esce per l'etichetta inglese Psychonavigation questo Vicino di Giulio Aldinucci, in arte Obsil, il terzo disco dopo un paio usciti…

09 Dec 2011 Reviews

Read more

Vs. Rome - The End Is Important In All Things…

Chissà che età hanno i Vs. Rome...farà ridere, ma è la prima cosa che mi sono chiesta mentre ascoltavo il…

05 May 2011 Reviews

Read more

Irata – S/T (Silber, 2010)

I comunicati stampa talvolta sono davvero fuorvianti; questo, che parlava di una commistione di drone, postrock e metal, mi aveva…

27 Jun 2010 Reviews

Read more

Deison - Quiet Rooms (Aagoo, 2012)

A questo giro ritorna Cristiano Deison, che vanta una carriera solista di tutto rispetto divisa fra dischi in proprio e…

27 Nov 2012 Reviews

Read more

Nostalgie Éternelle - Notre Début (Final Muzik, 2011)

Ammetto di non amare molto le ristampe: il più delle volte, almeno nel caso di gruppi poco noti, si spacciano…

31 Jan 2012 Reviews

Read more

The Death Of Anna Karina - Lacrima/Pantera (Unhip, 2011)

Ricordo che quando mi dissero che The Death Of Anna Karina avevano svoltato in favore del cantato in italiano, subito…

20 Feb 2011 Reviews

Read more

Porta d'Oro - Libero Pensatore (Sentiero Futuro, 2021)

Ho la certezza di conoscere solo in minima parte l’opera di questo autore. Ho però la sensazione che questo non mi…

30 Jan 2022 Reviews

Read more

The Ladybug Transistor - Can't Wait One Minute More (Mondo…

Se solo fossi un giornalista (cosa che per fortuna non sono) alzerei il culo per andare a vedere se si…

17 Dec 2007 Reviews

Read more

Cris X: l'eminenza grigia dei Lendormin prende il largo in…

Neanche troppi anni fa c'erano i Lendormin: a me era capitato di incontrarli nella serie P.O. Box della Wallace con…

24 Nov 2012 Interviews

Read more

Volcano! - Beautiful Seizure (Leaf / Wide, 2006)

 Giuro che non riesco ancora a capire come possano piacermi così tanto i Volcano! trio proveniente da Chicago (Aaron Smith…

03 Aug 2006 Reviews

Read more

Barnacles - The Evening News (Arell, 2017)

Esordio sulla breve distanza per la nuova creatura di Matteo Uggeri, che come Barnacles pubblica su Arell (nel bel formato…

03 May 2017 Reviews

Read more

Connect_icut - Small Town By The Sea (Aagoo, 2014)

Torna su Aagoo con un altro disco Connect_icut, dopo l'interessante Crows & Kittywakes & Come Again dell'anno scorso: e non…

23 May 2014 Reviews

Read more

Davide Cedolin - chiacchiere e fili d'erba

SODAPOP: Ciao Davide, Grazie mille per aver accettato di scambiare qualche chiacchiera con me! Innanzitutto devo ammettere di conoscerti appena musicalmente, sono…

09 May 2022 Interviews

Read more

Weltraum – Sy (Toxo, 2009)

A volte basta che uno recensisca due dischi o che suoni che dopo un viaggio ti ritrovi pieno di materiale…

29 Nov 2009 Reviews

Read more

Keiki - Popcorn From The Grave (Cheap Satanism, 2012)

Sedicente duo satanico con sede a Bruxelles, formato da un mezzo italiano alla chitarra e una mezza inglese alla voce.…

28 Nov 2012 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top