Agatha – Getting Dressed For A Death Metal Party (Wallace/Smartz/Basura/Full Speed Ahead, 2007)

Il nome avrebbe potuto appartenere ad una formazione emo core di metà di anni Novanta, in "illo tempore" un gruppo melodico era già a metà dell'opera se si chiamava Julia, Leiah, Samuel o giù di lì. Ma nel 2007 le Agatha fanno tutto fuorchè emo core, anzi, trattasi di noise "bell'e buono" come già dicemmo per il disco d'esordio. Si tratta nuovamente di roba alla Amphetamine Reptile o Pcprecords, potremmo menzionare dai Love 666 ai Janitor Joe, dai Tar ai Guzzard e se solo foste vecchi a sufficienza, menzionerei i genovesissimi Noisext che su Pcp uscirono con un 7". In modo più generico si tratta sempre di noise con una fisionomia che ha "il punk prominente" e quindi per nulla blues marcio. Le Agatha continuano a pestare duro grazie a riff ben assestati e ritmica schiacciasassi, quindi anche i più dubbiosi in merito alla capacità dei gruppi femminili non credo avranno a che mettere becco sul fatto che le tre "pulzelle d'Orlean" del noise lombardo facciano il loro lavoro ben bene. Rispetto al disco d'esordio direi che le Agatha lavorino poco di più sulle singole parti del pezzo, ma bene o male direi che la sostanza rimane praticamente identica. Per l'ennesima volta mi ritrovo a dire che sono un buon gruppo e soprattutto un gruppo capace, alla facciazza della misoginia, ma proprio per questo, proprio perchè se si vuol giocare sugli stessi campi, allora valgono le stesse regole: credo che vada detto che l'unica pecca del gruppo stia nel fatto di perdersi un po' nel calderone di altri che come loro sono troppo immersi nei classici del filone. Le Agatha picchiano e sono brave ad imbastire dei pezzi che reggono dall'inizio alla fine, ma forse mancano ancora quel piccolo salto in avanti che aveva permesso ai One Dimensional Man di partorire un disco come You Kill Me, per nulla originale come mi suggerisce qualcuno in regia, ma con una personalità molto spiccata, manco fosse poco.

Tagged under: , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

VV.AA. - B6TCH6 (Solium/Light Item, 2020)

Ammetto che mi ha un po’ inquietato ricevere un’audiocassetta accompagnata solo da questo messaggio: This tape is NOT B6TCH6. B6TCH6 is digitally…

09 Sep 2020 Reviews

Read more

Gino Dal Soler – The Circle Is Unbroken (Tuttle, 2011)

Molti dei libri delle edizioni Tuttle prendono le mosse da articoli e rubriche di Blow Up e vengono integrati e…

07 Oct 2011 Reviews

Read more

Gli Imperdibili - Vado A Vivere Da Solo (Autoprodotto, 2014)

"Scusa Diego ma a volte mi interrogo sui tuoi gusti". Forse ha ragione Andrea: ascolto musica di merda. Non mi…

07 Jul 2014 Reviews

Read more

Marnero – Naufragio Universale (Donna Bavosa/Sangue Dischi/InLimine, 2010)

Ritroviamo con un LP di cui sono unici titolari i Marnero, che avevamo conosciuto nell'impari split coi Si Non Sedes…

03 Oct 2010 Reviews

Read more

Convocation - Scars Across (Everlasting Spew, 2018)

Dalla perfida FInlandia i Convocation giungono fino a noi strisciando metaforicamente sui gomiti. Infatti l'incalzare dei finnici  è subdolo, mellifluo…

13 May 2018 Reviews

Read more

Psychofagist - Il Secondo Tragico (Subordinate, 2009)

Se anche avessi avuto dei dubbi sulla statura di questo disco e ripeto "SE" li avessi avuti, il commento che…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Paolo Spaccamonti/Stefano Pilia – Frammenti​/​Stand Behind The Men Behind The…

Bella idea quella di far condividere un vinile a due delle figure di punta della chitarra solista italiana di ambito…

07 Aug 2013 Reviews

Read more

Andrea Tich - Una Cometa Di Sangue (Snowdonia, 2014)

In periodo sanremese casualmente ci capita tra le mani il lost album del veterano Andrea Tich che, nonostante sia pubblicato…

18 Feb 2015 Reviews

Read more

Lo Dev Alm - It Is Later Than You Think…

Era da un po' che non sentivo parlare di Pagliero e  poi in poco tempo mi capitato di vederlo impegnato…

26 Jun 2007 Reviews

Read more

7 Training Days – Wires (Autoprodotto, 2013)

Arrivano al secondo album i laziali 7 Training Days e parlare di maturità, quando già lo abbiamo fatto per la…

17 Mar 2014 Reviews

Read more

The Connie Capri Organ Chamber Orchestra - S/T (Wallace, 2008)

Che Mirco Spino nonostante un malcelato passato hardcore (e non per i film con Rocco e John Holmes) sia diventato…

07 May 2008 Reviews

Read more

Vuur - Vuurviolence (Shove, 2007)

Mi spiace che qualcuno conoscendomi possa pensare che io sia scarsamente obiettivo nel parlare di Shove per causa della conoscenza…

25 Jul 2007 Reviews

Read more

Sleepmakeswaves - ...And So We Destroyed Everything (Monotreme, 2013)

Questo è un album di debutto. Incredibile pensarlo tale, vista la maturità sonora che il quartetto di Sydney in questione…

09 Dec 2013 Reviews

Read more

Pulseprogramming - Charade Is Gold (Audraglint, 2011)

Ci eravamo lasciati otto anni fa con i Pulseprogramming: e chi si sarebbe immaginato fossero mai tornati. Sodapop nel suo…

29 Sep 2011 Reviews

Read more

Christopher Tignor - Core Memory Unwound (Western Vinyl, 2009)

Ribadisco che la Western Vinyl è una gran bella etichetta e dire che fa molta roba melodica, alcune cose addirittura…

06 Jun 2009 Reviews

Read more

Paolo Cantù: soltanto io, da solo.

Paolo Cantù si è fatto le ossa in seminali gruppi dell'industrial italiano all'inizio degli anni '80, ha suonato la chitarra…

17 Nov 2012 Interviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top