Sigillum S + Hate & Merda + P.U.M.A – 16/04/2016 Lo-Fi (Milano)

In un periodo assai scarso di serate mondane è logico che il muoversi avvenga per eventi significativi. E a cosa si addice questo aggettivo se non al concerto del trentennale dei Sigillum S al Lo-Fi di Milano? Da buon provinciale arrivo che il locale è ancora semivuoto, gli indigeni sono ancora tutti a casa, ma ho così il tempo per ambientarmi, bere qualcosa e man mano che il posto si riempie, far due parole con gente che non vedevo da tempo, segno che l’evento è giustamente sentito.
In realtà le parole si dilungano e mi fanno perdere i due act d’apertura. Delle ambientazioni claustrofobiche di P.U.M.A. sento giusto l’inizio, di Hate & Merda, affiancati in qualche pezzo da Matteo Bennici, posso solo parlar bene per sentito dire, specie riguardo alle parti più serrate. Sono le prime note di Sigillum S ad azzerare le chiacchere e a stipare la sala al punto che fatico a guadagnare una posizione da dove godere lo spettacolo: Eraldo Bernocchi e Paolo Bandera si piazzano dietro a un tavolo intasato di macchinari e strumenti che da sotto il palco possiamo solo immaginare, più avanzato sulla sinistra è l’ospite Bruno Dorella (Ovo, Bachi Da Pietra) con un set di percussioni e drum machine. Si comincia. Cosa aspettarsi dal concerto del trentennale – se la hate and merda liveriproposizione di cose passate o qualcosa di nuovo – è quesito ozioso, spazzato via dall’attitudine “qui e ora” che fin da subito segna la serata. Le prime sensazioni sono puramente fisiche, con le frequenze bassissime che mi investono sollecitando più il tatto dell’udito: il suono mi penetra nelle narici, fa tremare le gambe, attorciglia lo stomaco; il prosieguo sarà, in puro stile Sigillum S, un flusso sonoro controllatissimo eppure trascinante che, il giorno dopo, ritroverò nei solchi della monumentale triologia Non Serviam; dal vivo però, inutile dirlo, è tutt’altra cosa. Nella prima parte veniamo esposti a un dub plumbeo e lentissimo che trascina giù, assecondando le immagini (a cura di Petulia Mattioli) che scorrono sullo sfondo, una sequenza di strutture che collassano sovrastate dalle sagome nere dei musicisti. Emerge il lato più tellurico del suono dei Sigillum S, come se la sala del Lo-Fi, già di per sé un po’ claustrofobica, fosse un ascensore che scende verso le viscere della terra: se uscendo a questo punto mi ritrovassi in uno scenario da Viaggio Al Centro Della Terra non mi stupirei Più di tanto. Ma nella natura di un suono così denso e magmatico è anche il sigillum s liveraccogliere nel flusso suoni di natura diversa per ricondurli verso la superficie. Così, nella seconda metà, le atmosfere sono leggermente meno cupe e a tratti quasi spaziali: compaiono strumenti a fiato etnici, rasoiate di suoni sintetici, ritmi che oserei dire danzabili sottolineati dalle movenze di Bernocchi (Bandera, disciplinatissimo, passerà tutto il tempo curvo sulle macchine), addirittura la voce (sovr-)umana – ora melodica, ora belluina – portata in dote da Lorenzo Esposito Fornasari che compare verso la fine, collocandosi sul lato destro del palco. Quella che nell’arco di un’ora i Sigillum S di fanno vivere è un’esperienza di rara intensità alla quale si assiste come ipnotizzati, tanto che non colgo – almeno dalla mia posizione piuttosto avanzata – nessuno spostamento di pubblico: chi c’è ci rimane fino alla fine. Quando tutto termina, dopo un breve bis, il silenzio segna un brusco ritorno alla realtà, la sala si svuota rapidamente, ma le espressioni che si leggono sui volti riversatisi all’esterno testimoniano che lo spettacolo a cui si è assistito ha avuto poco di ordinario: una festa di compleanno che ci ha portati ben più in là rispetto ai trent’anni celebrati, per proiettarci poi infinitametne avanti.

(foto in homepage di Stefano Oflorenz)

Tagged under: , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Get Help - The End Of The New Country (Midriff,…

Esiste un abbattimento intelligente. Di fronte al futuro e alle possibilità che ci si aprono davanti agli occhi, mentre i…

28 Dec 2008 Reviews

Read more

Pale Sister – Embeddead (Sincope, 2014)

L’oscuro progetto Pale Sister ritorna a far sentire la propria lancinante voce su Sincope, sempre disponibile a fare da cassa…

17 Dec 2014 Reviews

Read more

Hunting The Beast – When Night Falls… (Hellbones, 2019)

Non cambierà la storia della musica questo When Night Falls…, nemmeno limitatamente al genere a cui appartiene. Non lascerà neppure…

08 Jul 2020 Reviews

Read more

Pepper And Bones - _one (Nonine, 2009)

Per la serie meglio tardi che mai, eccomi qui a recensire altro materiale su Nonine e non posso che suggerirvi…

02 Oct 2009 Reviews

Read more

Pink Mountaintops – 19/09/2104 Interzona (Verona)

Dopo una prima metà dell’anno in sordina, senza nomi di grande richiamo, l’Interzona riapre la stagione con piglio affatto diverso.…

24 Sep 2014 Live

Read more

Lady Vallens – Phemur (Second Family, 2012)

Tornano i Lady Vallens, stavolta con un disco intero, dopo l'EP che recensimmo un paio di anni orsono. Se là…

25 Jan 2013 Reviews

Read more

Rock And The City - Sex, Drugs & (Fake) Rock…

Perché Chris Robinson è di nuovo single? Che c'entra col punk di New York? Che ruolo ha mai Kate Moss…

02 Sep 2006 Articles

Read more

Le-Li - My Life On A Pear Tree (Unhip/Garrincha, 2010)

Parlavamo tempo fa di pop pandistelle, ed eccolo qua il regalo perfetto per Emiliano Zanotti, il debutto di Le-Li: qui…

24 Mar 2010 Reviews

Read more

Psycho-Path - The Ass-Soul Of Psycho-Path (Moonlee, 2008)

Con una copertina del genere ti esponi talmente che, o sei un genio alla Miles Davis, o fai parte…

09 Apr 2008 Reviews

Read more

Dalton: malinconia, disincanto e voglia di rivincita

Quattro chiacchiere al bar (immaginario ovviamente) con Fabio Leggieri, chitarrista dei Dalton: la band capitolina al traguardo del terzo album…

25 May 2020 Interviews

Read more

Fabio Orsi - Endless Autumn (Backwards, 2013)

Così come la prima uscita in vinile di Backwards era di Fabio Orsi (il bel Von Zeit Zu Zeit), anche…

06 Dec 2013 Reviews

Read more

Di Domenico/Henriksen/Yamamoto - Clinamen (Off/Rat, 2011)

Ecco un gran bel disco alla faccia del jazz che non si muove, di quello che resta statico e legato…

08 Jun 2011 Reviews

Read more

Vanessa Van Basten - Ruins: Sketches And Demos (Solar Ipse,…

Superbo atto che chiude una fase per una delle più importanti e sottovalutate band indipendenti del panorama italiano. Il CD,…

03 Apr 2015 Reviews

Read more

Red Worms' Farm + Squadra Omega + A Flower Kollapsed…

Fra i tanti festival che si propongono di riempire le lunghe e caldi notte estive nella Pianura, quello di Curtarolo,…

29 Jul 2011 Live

Read more

Midas Fall - Fluorescent Lights (Monotreme, 2013)

Sono solo in tre i Midas Fall, alt-post-progressive band inglese, ma rendono come un'orchestra in questo breve ep che precede…

10 Apr 2014 Reviews

Read more

Alcalde De La Noche - Fantasía Ibiza (Marsiglia, 2020)

La musica truzza ha un nuovo re, anzi un nuovo sindaco: Alcalde De La Noche, il progetto italo disco dei…

11 Aug 2020 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top