Ranter’s Groove – Musica Per Camaleonti (Kaczynski, 2018)

Nel recensire la compilation-manifesto della Kaczynski Records avevamo segnalato Ranter’s Groove come l’episodio migliore della raccolta, è quindi un piacere ritrovarli come prima uscita sulla lunga distanza dell’etichetta. Al tempo parlammo genericamente di post-rock, ma ora è il momento di approfondire: non siamo ovviamente nei territori densi e dilatati di Mogwai e affini, piuttosto sui confini dove la forma rock si decompone alla ricerca di nuove soluzioni espressive.  Ranter’s Groove traccia il suo percorso con pochissimi elementi: la chitarra di Giuseppe Fantini, qualche effetto, l’elettronica di Niet F-n, strumenti ospiti in alcune tracce; non ci sono ritmi e non se ne sente la mancanza, mentre la voce è confinata a un paio di episodi ricchi di patos. Se a un primo superficiale ascolto le composizioni possono sembrano frammentarie, un’attenzione maggiore evidenzia come, in Musica Per Camaleonti, quelle che sono le classiche strutture rock subiscano un processo d’astrazione che le rende diafane, impalpabili, eppure perfettamente leggibili nella loro nuova forma, quella di un modernissimo folk. L’avanzare lento, evidente sin dall’iniziale I Bastardi grazie anche al violoncello di Macarena Montesinos, crea una dimensione particolare che invita all’abbandono nonostante, a uno sguardo più distaccato, le atmosfere siano tutt’altro che rilassanti; ma siamo in un territorio liminale, fra il sonno e la veglia, che altera la coscienza e limita le possibilità di scelta. Ci risvegliano per un attimo  le dure parole recitate di Ade, che riecheggiano gli Starfuckers di Infrantumi, ma i silenzi interpuntati dal piano preparato di Francesco Mariano in Technological Slavery ci riportano allo stato iniziale. Tocca poi alla tromba di Paolo Bedini (Bobby Beausoleil And The Lucifer’s Rising e Your Sleep/My Wild Side, titolo quanto mai significativo) e alla chitarra di Pablo Orza nell’anomalo blues B-ray Vibes, associarsi agli strumenti già presenti e ai field recordings per completare un lavoro che capace di creare un inedito spazio di pensiero non razionale, dove il sogno e l’intuizione assumono valore assoluto. Dopo il primo assaggio da Ranter’s Groove si attendevano conferme: con Musica Per Camaleonti si va decisamente oltre.

Tagged under: , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

3eem – Third Segment (Chew-Z, 2009)

I 3eem...fanno tre. Ad oltre due anni da Matilda tornano con un album che apre scenari inediti e quanto mai…

22 Feb 2010 Reviews

Read more

Colony Open Air Day 2 - Pala Brescia 22-23/07/2017 (Brescia)

Ci vuole un po’ di tempo per recuperare le energie in vista di un secondo giorno che si preannuncia impegnativo…

31 Aug 2017 Live

Read more

Quantum Hierarchy - Neutron Breed (Everlasting Spew, 2018)

Continuando sull filone death metal senza compromessi e di vecchia scuola ecco i Quantum Hierachy, (nome difficile da ricordare in…

16 Jun 2018 Reviews

Read more

Coconuts - S/T (No Quarter, 2010)

Alla terza nota di questo disco mi sono sorpreso a dire: "ma questi sono australiani!" ed in effetti ci ho…

02 May 2010 Reviews

Read more

Body Bag Redemption – The Exclusive Fun Of Fishing In…

Cosa si potrà dire di un EP di circa 9 minuti? Nulla, se non che è il seguito di altre…

17 Oct 2021 Reviews

Read more

Gioventù Bruciata - S/T (Brigadisco, 2014)

I Gioventù Bruciata di Formia sono un calcio in culo ("col fischio o senza?") che torna a percuoterci le nostre…

02 Jul 2014 Reviews

Read more

Lonius - S/T (Setola Di Maiale, 2008)

Un sax tratteggia una melodia jazz, note si rincorrono, si perdono, si ritrovano, sembrano abbozzare una melodia. Sotto, in un…

30 Sep 2008 Reviews

Read more

Airchamber 3 - Crumble (Amirani, 2008)

L’approccio non è dei più semplici, i rumorismi e le frequenze gelide e austere di In A Foreign Land, il…

05 Jun 2009 Reviews

Read more

Body Bag Redemption/Anti-Bodies - Split (O'style, 2011)

Ritorna il malefico reverendo Andrea Valentini, vecchia conoscenza di noi sodapoppari come di chiunque si fregi di conoscere i…

17 Nov 2011 Reviews

Read more

Andrew Quitter/Nick Hoffman - Nu Grotesque (Diazepam, 2013)

Collaborazione tra Andrew Quitter e Nick Hoffman sulla nostrana Diazepam di Mauro Sciaccaluga. Quitter aveva già inciso una bella cassetta…

10 Mar 2014 Reviews

Read more

AA.VV. - 8 Heretical Views / Two Views (Aagoo, 2013)

Addirittura due uscite di remix per Anyway Your Children Will Deny It dei Father Murphy: un 12" con il disco…

21 Feb 2013 Reviews

Read more

Geometrie Variabili – The Breath (La Bél, 2013)

Ci sono musiche che hanno fama di essere difficili e cervellotiche, di richiedere all’ascoltatore preparazione e cultura e per questo…

15 Jan 2014 Reviews

Read more

Perpetual Bridge - Upon The Deep (Autoprodotto, 2021)

Un ponte perpetuo. Lo visualizzo. Ho vissuto vicino ai posti di Nadia Peter e lo vedo proprio ancora prima di…

09 May 2021 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi - Eternally Now (Lisca, 2011)

Esce su Lisca questo nuovo episodio della discografia di Gianluca Becuzzi, davvero molto prolifico di questi tempi: Eternally Now fa…

24 Jan 2012 Reviews

Read more

Colleen Green - Sock It To Me (Hardly Art, 2013)

In heavy rotation in macchina da settimane, il disco di Colleen Green verrà testè premiato con una recensione incensante. Drum…

18 Sep 2013 Reviews

Read more

John Tilbury / Keith Rowe / Kjell Bjørgeengen - Sissel…

Sissel è il resoconto di un concerto tenutosi nel 2016 al Moving Sound di Stavanger in Norvegia, un ex supermarket…

02 Jun 2018 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top