Anne-James Chaton + Andy Moor – Heretics: Tout Ce Que Je Sais (Unsounds, 2018)

Di Andy Moor, storico chitarrista degli Ex, mi è sempre piaciuto il suo saper essere tremendamente efficace nelle collaborazioni, la sua capacità di costruire giri centrati e giusti, riuscendo a dare ogni volta un contributo di pregevole sostanza, come si può ben ascoltare nel lavoro assieme a John Butcher, e ancora di più in quelli con il sodale Yannis Kyriakides, sound artist di indiscussa bravura e innovazione, con il quale, oltre a progetti musicali, condivide e gestisce l’etichetta Unsound, per cui esce Tout Ce Que Je Sais.
Questo secondo capitolo del progetto Heretics, dopo un ottimo primo inciso in trio con Thurston Moore, propone la registrazione live di un happening al Carreau du Temple di Parigi durante la manifestazione Périphérie du 35e Marché de la Poésie del 2017, e vede il duo formato da Moor e Anne-James Chaton a lavorare ottimamente sulla connessione tra poesia e musica. Ispirato alle grandi personalità “eretiche” della storia, come Caravaggio, il Marchese de Sade e William Burroughs tra gli altri, il lavoro esprime determinazione punk e una visione antagonista ancora intatta, ben incarnate dai nostri e intelligentemente calibrate nella perfetta combinazione creativa di suoni e parole. Chaton e il suo declamare che trova la sua cifra in un voluto distacco espressivo, ma con un timbro che mantiene intatta la visceralità delle parole, e Moor che riesce di volta in volta a mettere in campo una visione chitarristica azzeccata che va oltre il semplice accompagnamento; il tutto sporcato da frammenti di elettronica spuria a completare i dettagli delle strutture. Ne viene fuori una profonda connessione tra le due componenti, un interplay affascinante tra due veri e propri “strumenti”. Sia che si basi su incalzanti incroci ritmici o su innesti di paesaggi rumoristi, su armonizzazioni melodiche o su concretismi rarefatti, il gioco funziona sempre e comunque per tutte le sei tracce del disco, che scorre in modo naturale sviluppando concetti minimali di sovrapposizioni discorsiva. Un approccio che mantiene l’ascolto costantemente avvincente grazie alla varietà e all’efficacia delle soluzioni che vengono intelligentemente escogitate per ogni singola traccia. Ancora un bel centro.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Chevreuil - Fils Unique 7" (Collectif Effervescence, 2007)

Math rock strumentale, un duo chitarra e batteria, per di più registrato al solito in modo impeccabile in presa diretta…

23 Jan 2007 Reviews

Read more

Sylvano Bussotti - Brutto, Ignudo (Amirani, 2011)

A forza di flirtare pesantemente con la musica contemporanea l'Amirani ci è caduta dentro, o forse ci era già caduta…

14 Dec 2011 Reviews

Read more

Eagle Twin/Pombagira - Split LP (Mordgrimm, 2010)

Pubblicato in occasione del tour che ha visto i due gruppi attraversare l'Europa, toccando anche l'Italia (se ve la siete…

30 Oct 2010 Reviews

Read more

Fight Club – Feedback (Sidi/Tornado Ride/Fucking Clinica/Tropo, 2010)

Infrangiamo la prima regola e parliamo del Fight Club: un terzetto bergamasco dedito a un hardcore sparato senza "se" e…

10 May 2010 Reviews

Read more

Minnie's - Il Pane E Le Rose (No Reason/Antstreet, 2006)

Un altro ritardo cronico nelle recensioni? Sì e no stavolta: è da parecchio che aspetto il nuovo disco dei Minnie's…

11 Nov 2007 Reviews

Read more

Black Bananas + Vin Blanc/White Wine – 15/11/2014 Interzona (Verona)

In una sera dove, un po’ il maltempo, un po’ i tanti appuntamenti programmati in città (oh, i Subsonica al…

21 Nov 2014 Live

Read more

Rocky Votolato - Makers (Barsuk, 2005)

Ecco una gatta da pelare. Rocky Votolato (myspace qui) - da Seattle - si può inquadrare in quella folta schiera…

18 Jul 2006 Reviews

Read more

Lunar Dump - Lipo (XO La Factory/Soviet, 2021)

Duo veronese dinamico e sognante che, come tutti i fratelli di sangue (al secolo Paolo e Zeno Camponogara) che suonano…

18 Jan 2022 Reviews

Read more

Olivier Brisson - Horizon Capiton (Nashazphone, 2018)

Olivier Brisson si definisce "musicista occasionale e manipolatore di percussioni e vari strumenti": Horizon Capiton è il suo primo disco,…

19 Feb 2018 Reviews

Read more

Messa In Piaga - S/T (Autoprodotto, 2013)

Ennesima sbrodolatura scatologica per Hugo Bandannas ed Alessandro Scotti arrivati qui finalmente dopo mille sforzi ai minimi storici. Del…

14 Jan 2014 Reviews

Read more

Default Jamerson - Stable Government And Adequate Sanitation (Sabbatical, 2008)

Sabbatical è una etichetta di musica sperimentale portata avanti da Leith, Mark, autore di quasi tutte le grafiche e Marcus,…

07 Nov 2009 Reviews

Read more

Rock And The City - Pop Goes The world

Come sta il Pop oggi: comatoso o vivo e vegeto? Proviamo a cercare di capire che accade, ponendo più domande che…

22 Jul 2006 Articles

Read more

Replace The Battery - Daily Birthday (In The Bottle, 2010)

Non male, l’esordio di questo quintetto padovano che risponde al nome di Repalce the Battery. Però. Citano Explosion In The…

26 Jan 2011 Reviews

Read more

Micecars - I'm The Creature (Homesleep, 2006)

Gli elogi si sprecano per questa band romana, asso nella manica per Homesleep. Ne parlano un po' tutti, anche la…

06 Apr 2007 Reviews

Read more

Il Teatro Degli Orrori – A Sangue Freddo (La Tempesta,…

Oggi nessun gruppo italiano esterno al giro mainstream e dal suono così duro possiede la visibilità che può vantare il…

24 Nov 2009 Reviews

Read more

Dunaewsky 69 - Xquisite.Xcerpt. (Kvitnu, 2007)

Che la nuova scena elettronica Ukraina e Russa stia sfoderando un buona serie di musicisti con i controcazzi non è…

29 Aug 2007 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top