Pontiak + Hell Demonio – 08/08/09 Malafly (Verona)

Per l'estate l'arci Kroen si trasferisce armi e bagagli alla periferia di Verona dove, in combutta con altre associazioni della zona, continua a deliziarci con proposte musicali di alto livello (olte che con ottime cene). Stasera, ospiti del palco del Malafly (questo il nome del festival) sono i Pontiak, terzetto virginiano che incide per la storica Thrill Jockey.

Preceduti dalla trascurabile versione acustica degli Hell Demonio, noiosi strumentali coi soliti giri postrock che girano, al solito, a vuoto, gli americani sono l'ennesima ma sempre benvenuta conferma di come il seme dei Black Sabbath sappia attecchire  nei terreni rurali. Vediamo cosa sarà fra trenta anni dei semi dei Radiohead
In realtà, da un veloce ascolto pre-concerto (sì, dal solito, infido Myspace) trapelava una certa, inquietante "hippietudine", che mi faceva avvicinare al palco con sospetto e la mano alla fondina, ma bastavano poche note per fugare ogni dubbio: i Pontiak sono in realtà una macchina ammazza-hippie, che li attira con l'illusione della psichedelia e lipontiakhelldemoniolive schiaccia sotto tonnellate di decibel. Perché sì, nella musica di questi tre contadinotti, tutti con barbe incolte, cappellini da baseball e jeans consunti d'ordinanza, s'intravede un che di freak, ma ampiamente bilanciato da un ruvido spirito sudista (sarà forse per questo che il negretto al mio fianco si defila dopo poche canzoni). I Pontiak, sul palco, sembrano la versione giovanile di zio Jesse moltiplicata per tre: stesso look, stessa aria bonariamente burbera; partono con un pezzo dal sapore indie-pastorale, ma ben presto il suono si dilata, disfacendo la forma canzone in un mare di wah-wah. Il basso, pesante e preciso, in genere traccia il solco che chitarra e batteria si guardano bene dal difendere, preferendo svisare negli ampi spazi che la scrittura del gruppo prevede; lunghe strade in mezzo a campi di grano, ecco l'immagine che evocano. La voce compare solo nei rari momenti in cui la musica si incarna in canzoni propriamente dette, tra l'altro orecchiabili e a loro modo, pop: sanno essere leggeri anche nella pesantezza della proposta musicale. Sarà anche per questo che il tempo pare volare e una volta terminato il set, il pubblico ricaccia i nostri, a forza, sul palco per i bis. Un paio di canzoni e poi è davvero finita. Mi piace pensare che i tre, a questo punto, risalgano sulle loro motozappe e proseguano il tour, seguendo il percorso degli astri.
Ma perché i contadini di qui ascoltano, al massimo, Ligabue?

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Luca Sciarratta + Tiziano Milani - Spatial Impulse Response Rendering…

Gran bella collaborazione questa in cui sono coinvolti il boss della rudimentale con Milani, di cui abbiamo recensito l’ultimo lavoro…

26 Mar 2009 Reviews

Read more

Orchestra Esteh – Abacinabradhydrakonirvm, Rebirth Of A Dead Volcano (L'Arca…

Inquieta un po’ ascoltare questa musica, con questo sottotitolo (col chilometrico titolo nemmeno mi cimento), dopo aver letto solo qualche…

13 Jan 2017 Reviews

Read more

Magliocchi/Angeloni/Castanon/Lenoci - The Spell And The City (Setola Di Maiale,…

Credo che si tratti del più ostico dei tre cd che ho ascoltato e che coinvolgevano alle percussioni Marcello Magliocchi,…

07 Nov 2010 Reviews

Read more

Ovo – Abisso (Supernatural Cat, 2013)

Nonostante le numeroso uscite discografiche, anche su etichette di nome come Load e l'attuale Supernatural Cat e i palchi calcati…

28 Oct 2013 Reviews

Read more

Murcof & Philippe Petit - First Chapter (Aagoo/Rev Laboratories, 2013)

Un disco dal titolo First Chapter non può essere che l'inizio di un qualcosa e questa collaborazione tra Murcof e…

18 Nov 2013 Reviews

Read more

Maurizio Bianchi/Cria Cuervos - Azazel (Silentes, 2009)

Dopo la notizia dell'abbandono definitivo di Maurizio Bianchi alla "musica" (si fa per dire) in occasione del trentennale dai suoi…

23 Dec 2009 Reviews

Read more

AA.VV. – The Show Must Go Home, Season 2 (GRCC/Ozky/Spettro/Gatto…

Arriva anche quest'anno la compilation rappresentativa della rassegna di concerti gastro-musicali organizzati in quel di Roma da D.B.P.I.T. e Xeena.…

18 Jul 2012 Reviews

Read more

Chinese Restaurant/Macho Corporation - Split (Spina Bifida/Fucking Clinica, 2010)

Mettiamo tutte le carte sul tavolo dicendo che Spina Bifida è la neonata etichetta dei due Iron Molar e in…

27 Jul 2010 Reviews

Read more

Mabinuori Kayode Idowu - Fela Kuti. Lotta Continua! (Stampa Alternativa/Nuovi…

Come spesso accade in Italia, ci piace alterare i titoli originali dei film come quelli dei libri con nuovi significati…

31 Oct 2007 Articles

Read more

Daniele Santagiuliana – Doppelganger (Looney-Tick, 2015)

Sono diverse le cose che Daniele Santagiuliana produce sotto mentite spoglie e tutte meritevoli: The Anguish, Anatomy (con Cristiano Deison),…

31 Dec 2015 Reviews

Read more

Father Murphy + Lady Vallens – 25/01/2014 Arci Zerbini (Parma)

Il lungo tour che porterà i Father Murphy in giro per l’Italia e l’Europa a presentare il recente Pain Is…

31 Jan 2014 Live

Read more

Pulseprogramming - Charade Is Gold (Audraglint, 2011)

Ci eravamo lasciati otto anni fa con i Pulseprogramming: e chi si sarebbe immaginato fossero mai tornati. Sodapop nel suo…

29 Sep 2011 Reviews

Read more

Uochi Toki - Libro Audio (La Tempesta, 2009)

Dopo una serie di lavori su Burp Publications e Wallace Records, Libro Audio, quinto disco di Uochi Toki, inaugura la…

28 Jan 2009 Reviews

Read more

Roberto Fega – Daily Visions (Creative Sources, 2012)

Ottimo manipolatore di suoni, Roberto Fega intaglia il suono con sapienza artigianale attingendo dalle fonti più disparate, da una parte…

05 Mar 2013 Reviews

Read more

Mr. Milk – S/T (Casa Molloy, 2011)

Se qualcuno come me anni fa si era ritrovato il cuore stracciato dall'album di quello svedese di Josè Gonzales (come…

13 Mar 2011 Reviews

Read more

Tongs - Jazz With The Megaphone? (Long Song, 2009)

Disco che suona parecchio intrigante alle mie orecchie questo Jazz With The Megaphone?, frutto della collaborazione tra Luca Serrapiglio, Antonio…

02 Feb 2010 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top