Offlaga Disco Pax + Apash 2012 – 18/01/13 Circolone (Legnano – MI)

E quindi si inaugura l’anno nuovo con un live dal sapore un pò – almeno per me – antico. Offlaga Disco Pax, giusto quest’anno giunti al loro primo decennio di attività, è, principalmente, Max Collini che racconta le sue storie di emilianissima formazione tardo anni ’70. Un dejavu a cui si accorre con gioia ripetendo nella mente Robespierre (e la ‘meravigliosa toponomastica’). Nella scorsa primavera è uscito il terzo lavoro – Gioco Di Società – della compagine from Reggio with love la cui cover, ad opera di Enrico Fontanelli (un terzo della band) ha anche appena vinto il premio come Best Italian Art Vinyl 2012. E allora, in uno spazio non grande, ma gremito di gente, si parte con due vecchie tv ai lati del palco che rimandano righe colorate (come quando lo schermo si rompe e non c’è modo di vedere più un cavolo), campionamenti synthpop-new wave, drum machine, la voce e, soprattutto, per me veri protagonisti, lo sguardo di Max che si fa cattivo, penetrante, stupito, ironico accentuando i testi che interpreta mentre narra di eventi vicini e lontani, politica, calcio, società che cambiano o forse, almeno nei loro vizi, rimangono uguali a loro stesse. In apertura un gioiellino del varesotto: Apash 2012. Un passato da gruppo mediamente famoso ed apprezzato e un presente da One man band smilzo e minimal strimpellante una Stratocaster dal risultato quasi acustico e strappante cuori con un modo di cantare che colpisce dritto dove vuole arrivare. ‘Cantautorato triste’, lo definisce qualcuno che un pò lo conosce già, a me pare cantautorato ben fatto e basta. Non riesco a non linkare un pezzo che effettivamente ha tutto della ballata iperdeprimente, però è proprio bella e mi è rimasta in testa per giorni, tanto che ero quasi convinta che fosse una strabiliante cover. Invece no, quindi onore al suo creatore ed ecco qua.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

The Sword - Warp Riders (Kemado, 2010)

Il revival è una questione delicata e, molto spesso,spinosa da trattare. Da qualsiasi parte lo prendi o lo rigiri, prima…

21 Jul 2010 Reviews

Read more

La Teiera Di Russell - NMR (DreaminGorilla/Scatti Vorticosi/Vollmer/Tanto di Cappello,…

Un fitto tessuto di parole mutuate da situazioni non musicali, questo l'intro - e l'outro - di NMR, primo lavoro…

30 Dec 2015 Reviews

Read more

dQtç – Nullachtfünfzehn (Invaders, 2011)

Si definiscono un trio di improvvisazione noise ma Antoine Läng, voce ed elettronica, Vincent Membrez, synth, e Lionel Friedli, batteria,…

07 Dec 2011 Reviews

Read more

Andy Ortmann/Luca Sigurtà – Split (Tulip, 2011)

Esce sulla Tulip di Claudio Rocchetti questa cassetta split tra Andy Ortmann e Luca Sigurtà: l'americano è noto sotto vari…

16 Jan 2012 Reviews

Read more

Larsen Lombriki - Free From Deceit Or Cunnings (Snowdonia, 2005)

Vivere nelle grotte, negli anfratti del terreno, in buie spelonche dove anche il più esile dei suoni viene amplificato. Il…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

Sebastiano Carghini – Tpeso (Kohlhaas, 2017)

Ci informa il comunicato stampa che la ricerca di Sebastiano Carghini – musicista italiano di stanza in Olanda – è…

20 Dec 2017 Reviews

Read more

Barabba - Primo Tempo (Autoprodotto, 2022)

Notturno trip hop in italiano per alcuni dei volti più noti del panorama indie rock di casa nostra. Uno di…

05 Apr 2022 Reviews

Read more

M+A – Things.Yes (Monotreme, 2011)

Quando metto su questo esordio degli M+A non posso fare a meno di fermarmi dal fare quello che sto facendo…

18 Jan 2012 Reviews

Read more

Zu – Axion/Chthonian Remix 7” (Public Guilt, 2011)

È questa l'ultima uscita della formazione classica degli Zu con Jacopo Battaglia dietro le pelli, un 7" in edizione…

28 Feb 2011 Reviews

Read more

Sincabeza - Edit Sur Passage Avant Fin Ou Montée D'Instrument…

La Distile continua a rigurgitare rock e post-rock a profusione ed i "senza testa" non sgarrano dalla linea editoriale della…

09 Mar 2007 Reviews

Read more

Makhno/HaveyousaidMakhno - Digital 7” (Neon Paralleli/Brigadisco/HYSM?/Wallace, 2013)

L'alias di Paolo Cantù torna a farsi sentire con un 7" digitale, presentato con grafica e immagini del vinile come…

02 Jul 2013 Reviews

Read more

Patron And Patron - Gen (Nonine, 2008)

Iniziate a segnarvi il nome di Me Raabenstein perché ho il sospetto che "il ragazzo abbia il risultato nelle gambe",…

16 Sep 2008 Reviews

Read more

Pecksniff - The Book Of Stanley Creep (Black Candy, 2004)

Disclaimer: questa NON è la recensione del nuovo disco dei Pecksniff!! Là dove guizzano le trote immaginarie dei nostri sogni…

13 Sep 2006 Reviews

Read more

Erdem Helvacıoğlu, Şirin Pancaroğlu - Resonating Universes (Sargasso, 2011)

Nuovo capitolo per Erdem Helvacıoğlu, inarrestabile compositore turco che si muove fra musica colta e colonne sonore. Per chi di…

20 Jan 2012 Reviews

Read more

Abstracter - Wound Empire (Fragile Branch/Vendetta/7Degrees/Shove/Sentient Ruin/An Out/COF, 2015)

Gli italoamericani Abstracter sono di stanza ad Oakland ed arrivano dopo qualche anno a pubblicare il secondo disco: con i…

15 May 2015 Reviews

Read more

Girl Talk - Night Ripper (Illegal Art, 2006)

Quando ci sei dentro non puoi più scappare. A volte la musica è il nostro stupido e frenetico amore per…

02 Apr 2007 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top