Katharina Klement – Jalousie (Chmafu Nocords, 2012)

Katharina Klement è una compositrice austriaca che nella sua lunga e corposa carriera si è dedicata sia all’improvvisazione che alla scrittura, spaziando principalmente tra la musica contemporanea e l’elettronica; in questo Jalousie sono raccolti sei lavori composti tra il 2009 e il 2012, con piccoli ensemble o in solo: con le idee e i temi trattati qui, altri musicisti avrebbero portato avanti non un disco, ma una intera carriera. Ogni brano è suonato e registrato con un livello qualitativo eccelso e le composizioni vivono di vita propria senza che se ne conosca il procedimento o la natura che le ha generate, ma alla luce di quanto puntalmente scritto sul libretto tutto acquisisce una nuova luce e ammanta ulteriormente di fascino questo disco eccellente. I sessanta diversi suoni di piano mescolati tra di loro nell’immaginifico drone di Solo 2 sono un ottimo inizio, tra Thomas Koner e Ligeti; questo è l’unico pezzo solamente elettronico del disco che per il resto vive tutto della commistione tra il digitale e gli strumenti: piano (lo strumento di Katharina), clarinetti, violoncelli e sassofoni. Il tema del ritratto fa sì che in Portrait ogni strumento giochi ad interpretare l’altro in un rimando portentoso; il rumore come parte stessa del processo musicale durante la ritrasmissione del suono è il tema di Noise: S Onie, dove il violoncello descrive a meraviglia il concetto. La nicchia vuota presente in ogni tempio islamico ricorda la presenza del profeta: su questo vuoto che rammenta un pieno si basa Mihrab, con clarinetti ed elettroniche a descrivere attraverso la dualità monofonico/polifonico (richiamando così anche la dualità oriente/occidente) e questo ossimoro ha come risultato un brano molto “mistico”. HOPE è composto da frasi di piano replicate da due trasduttori che usano la cassa dello stesso strumento, in un gioco di echi affascinante. Registrare a diverse ore del giorno e della notte il suono della strada attraverso le persiane chiuse (Jalousie in austriaco, molto simile al genovese Giöxîa) e poi trasformarlo, anzi ricomporlo in una partitura per un quartetto di sassofoni ha del meraviglioso: il suono della pioggia e delle auto fatto musica è bellissimo.
Più descrivo più mi accorgo che Jalousie è più musica che parole, e quindi il consiglio vivissimo è quello di ascoltare questo disco, vedrete che non vi deluderà.


http://www.youtube.com/watch?v=bAjpsVQLQYk

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Hellcowboys - Mondo Bastardo (Hellbones, 2019)

Pesantissimo thrash'n'roll per questi cowboys dell'inferno che, rimandandoci ai mai dimenticarti Pantera, ci fanno assaporare un genere che con ogni…

27 Sep 2020 Reviews

Read more

MSMiroslaw – Libido (Trasponsonic, 2016)

Delicato ma penetrante, il lavoro di Mirko Santoru ritorna con il progetto MSMiroslaw che già avevamo apprezzato nel 2013 (Rebirth…

26 Sep 2016 Reviews

Read more

Vulturum - Vivi Di Luce Riflessa/Voraussage 12" (Sangue Dischi/Trips Und…

Il tempo vola e sono già passati due anni dall'apprezzato Vineta. Dopo una serie ben congegnata di concerti, tornano i…

06 Feb 2011 Reviews

Read more

Sincope records: mamma mia quanto rumore!

Nei primi due anni di vita Sincope ha prodotto un buon numero di uscite, dedicandosi in primis alla musica che…

12 May 2012 Articles

Read more

Johnson Righeira - Ex Punk, Ora Venduto (Astroman, 2006)

Sì, questa recensione avrebbe dovuto farla Giulio Olivieri, perlomeno come seguito al suo splendido articolo sugli oscuri ottanta, ma io…

27 Sep 2006 Reviews

Read more

Mope - S/T (Taxi Driver, 2014)

Morbidamente strumentale si presenta questa nuova uscita della genovese Taxi Driver che vanta all'interno tanto membri di Eremite quanto di…

17 Apr 2014 Reviews

Read more

The Wyns - A Place Like This (Autoprodotto, 2011)

Nota di colore che non c'entra nulla: credo che Luino, sul Lago Maggiore, il paese da dove provengono i giovani…

27 Jan 2012 Reviews

Read more

HYSM?Duo – All Impossible Worlds (Neon Paralleli, Wallace, HYSM?, Lemming…

Il duo Spataro/Fiore si rifà vivo con quello che è loro quarto album, certamente il loro più accessibile: dato un…

19 Feb 2015 Reviews

Read more

St.Ride - Primitivo (Niente, 2011)

Gli St.Ride sulla loro Niente records continuano a sfornare dischi e arrivano con Primitivo, che altro non è se non…

30 Nov 2011 Reviews

Read more

Taras Bul’ba – Amur (Wallace/Lizard, 2012)

Dopo la buona impressione che avevano fatto su queste pagine con Secrets Chimiques nel 2008, torna il trio milanese dei…

26 Nov 2012 Reviews

Read more

Sylvano Bussotti - Brutto, Ignudo (Amirani, 2011)

A forza di flirtare pesantemente con la musica contemporanea l'Amirani ci è caduta dentro, o forse ci era già caduta…

14 Dec 2011 Reviews

Read more

Davide Cedolin - Embracing the Unknown (Torto, Marsiglia 2021)

Un sonaglino, la chitarra che si fa sentire, limpida, agra…poi parte la voce di Davide Cedolin e 70 anni di…

08 Feb 2022 Reviews

Read more

Maria Jikuu + Go Tsushima + Ottaven – 19/09/10 Circolo…

Avevo appena iniziato a nutrire poco eleganti sentimenti d'invidia verso i genovesi e il loro Spazio Targa (che in questi…

23 Jul 2010 Live

Read more

Philippe Petit - Hitch-Hiking Thru Bronze Mirrors (The Extraordinary Tale…

Terzo e ultimo capitolo della saga della ragazza limone per Philippe Petit: le coordinate sonore su cui si muove questo…

17 Dec 2012 Reviews

Read more

Spam & Sound Ensemble – S/T(Retroazione/Tannen, 2013)

Ivan Antonio Rossi è fonico e produttore di comprovata esperienza, attivo coi nomi più disparati, dai Pooh agli Zen Circus,…

12 Apr 2013 Reviews

Read more

NOfest! 2012 - 22/06/12 Spazio 211 (Torino) Prima parte

Ci sembra inutile, nel presentare la quarta edizione del Nofest!, aprire la con la solita tirata sulla qualità della proposta…

02 Jul 2012 Live

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top