Lorenzo Senni + Von Tesla – 12/01/2014 Chiesa Di Santa Maria In Chiavica (Verona)

Esordisce questa sera l’associazione veronese Morse, recentemente costituitasi e che si dedicherà, come appare evidente dal programma finora annunciato, alle musiche meno convenzionali , suoni che poco concedono ai gusti della maggioranza del pubblico trovando, forse anche per questo, poco spazio, non solo nella città scaligera. Maestri di cerimonia sono Lorenzo Senni, boss della Presto!? Records e con l’ultimo album licenziato dalla prestigiosa Edition Mego e Von Tesla, fresco d’esordio su Boring Machines dopo aver messo in pausa il precedente alias Be Invisible Now!: si annuncia una serata di elettronica totalmente laptop free.
A rivelare lo stile con cui la neonata associazione intende portare avanti le proprie iniziative è la scelta della location, su cui è indispensabile spendere alcune parole. Santa Maria In Chiavica è una graziosa chiesa del XV secolo perfettamente inserita nel tessuto urbano del centro storico di Verona:senni_von_tesla__morse varcato il portale sobrio, a due passi dalle arche scaligere, ci appare un piccolo gioiello di architettura rinascimentale a tre navate, con volta a botte e affreschi a temi geometrici e floreali restaurati di recente e dotato di un’acustica più che buona. Restituire a luoghi simili una funzione, renderli visitabili, animarli nel contrasto fra antico e contemporaneo è già di per sé cosa meritoria e una possibilità troppo poco sfruttata nel nostro paese, senza trascurare il fatto che assistere a uno spettacolo in un luogo ricco di storia e di cultura, pensato con una funzione differente ma comunque orientata all’ascolto, ben dispone verso lo stesso. Il sovralzo su cui è posto l’altare fa da palco naturale, mentre nella navata sono sistemate le sedie, un centinaio, su cui prende posto un pubblico vario e attento, evidentemente qui per la musica. Con non più di una decina di minuti di ritardo sull’orario annunciato  parte Von Tesla, nascosto dietro ai santa-mari-achiavica-tesla-sennimacchinari analogici e immerso in una luce blu che dissimula una clamorosa camicia stile Seattle ‘91. In linea con quanto sentito sul recente Raised From Clear Acid propone un set molto vario, che procede a ritmo lento fra cupezze ambientali e ritmiche quasi dub, alternando sfondi melodici e crescendo rumoristi e tagliando il tutto con suoni lancinanti che potrebbero ricordare l’audio chirurgia di del duo Brasini/Maggiore, guarda caso anche quello uscito per Boring Machines. Mezz’ora di ascolto non pacificato ma assai piacevole per gli amanti di queste sonorità. C’è un quarto d’ora di pausa fra la prima e la seconda esibizione, il tempo per una boccata d’aria, una sigaretta o per gustare un bicchiere di vino ed è il momento di Lorenzo Senni. Il suo approccio è ancora più radicale di quello di Von Tesla: musica sospesa fra techno astratta e IDM, suonata live con perizia davvero notevole. Nelle partiture intricatissime sembra di ascoltare echi di una formazione classica, ma rivista attraverso i modi e gli schemi di un’elettronica analogica che trasfigura tutto, come nel primo brano, un’ipotesi di techno cameristica perfettamente riuscita. Poi si procede fra melodie arpeggiate, sequenze di suono Lorenzo_Senni__morsereiterate e beat sintetici mai troppo chiassosi, che disegnano una specie di dance music bloccata, impossibile da ballare, nonostante le mosse del musicista, posseduto dalla sua stessa musica, sembrino suggerire il contrario. Per chi non è troppo avvezzo al genere (mi conto anch’io) la parte centrale dell’esibizione è piuttosto impegnativa, tanto che qualcuno si alza per prendersi una pausa, ma si è ampiamente ripagati da una chiusura in crescendo, con una melodia non scontata eppure accattivante che riempie l’ambiente e sembra risuonare ancora a lungo dopo la fine del concerto. Un gran finale che suggella una serata davvero riuscita, all’insegna della; che sia di buon auspicio per i prossimi appuntamenti: l’enfant prodige Furtherset, l’affermato  Theo Teardo e il fantomatico  Mai Mai Mai.

Foto: Collettivo C<

Tagged under: , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Petrolio - Di Cosa Si Nasce (Taxi Driver/Brigante/Dio Drone e…

Enfatico industrial primi anni novanta per la creatura di Enrico Cerrato (Infection Code) che rispolvera per l'appunto un genere a…

15 May 2017 Reviews

Read more

Acid Mothers Temple & Melting Paraiso UFO - Interstellar Guru…

Ma quant’è bello essere hippie? Insomma uno può prendere una di queste belle patatone anti-anoressiche in pieno stile Settanta, metterla…

15 Apr 2009 Reviews

Read more

Mingle – Static (Kvitnu, 2015)

Viaggia solo stavolta Andrea Gastaldello, in arte Mingle, dopo le ottime uscite in compagnia di Andrea Faccioli e Deison (ben…

09 Oct 2015 Reviews

Read more

Encode – Core (Ghost, 2011)

Incollati a piedi saldi negli anni '90 ma con voglia di rimettersi in pista, dopo un esordio  di ben 8…

20 Apr 2011 Reviews

Read more

Il Conte è tornato, intervista a Varg Vikernes

Ebbene sì, lui. Il vostro incubo peggiore, il Freddy Krueger dei microsolchi, Varg Vikernes, il celeberrimo one-man-band di Burzum è…

04 Mar 2011 Interviews

Read more

Lucas Abela: venti anni di talento e fantasia al servizio…

Lucas Abela, noto soprattutto con il suo pseudonimo di Justice Yeldham, ha appena celebrato il ventennale della sua attività; è…

30 Nov 2013 Interviews

Read more

Irata – S/T (Silber, 2010)

I comunicati stampa talvolta sono davvero fuorvianti; questo, che parlava di una commistione di drone, postrock e metal, mi aveva…

27 Jun 2010 Reviews

Read more

St.Ride – Deutschland Femdom (Solar Ipse, 2016)

Il corpus immenso della discografia degli St.Ride (tredici album, se non ho contato male), coi suoi continui mutamenti stilistici ed…

21 Sep 2016 Reviews

Read more

MojaSfera - Equilibrio Infranto (Autoprodotto, 2008)

A volte è davvero difficile. L'incomprensione, la poca disposizione all'analisi e spesso una buona dose di convinzioni dure a morire.…

17 Nov 2008 Reviews

Read more

Disco Doom – Trux Reverb (Defer/Static Cult, 2011)

Gli svizzeri Disco Doom li ricordavo di spalla ai Built To Spill nella loro data veronese del 2008: indie rock…

01 Apr 2011 Reviews

Read more

Low + Pikelet + Ponzu Island - 21/10/10 The Forum…

L'ultima delle tre serate che dedichiamo al Melbourne festival è quella dei Low ed è per me quella con le…

16 Sep 2010 Live

Read more

Daniele Santagiuliana – Jeremiad (Looney-Tick, 2014)

Da queste parti Daniele Santagiuliana l’abbiamo ascoltato per la prima volta sui dischi del duo Deison & Mingle: esoterico in…

22 Jul 2014 Reviews

Read more

Andrea Tich - Una Cometa Di Sangue (Snowdonia, 2014)

In periodo sanremese casualmente ci capita tra le mani il lost album del veterano Andrea Tich che, nonostante sia pubblicato…

18 Feb 2015 Reviews

Read more

Josco - Kahn Tam-ngan Roum Kan (Somehow, 2012)

Quando la situazione scappa di mano: l'irlandese Gerard McDermott aka Josco era intenzionato a pubblicare qualche remix del suo EP…

14 Jan 2013 Reviews

Read more

Wound/Keziah Mason – Split Tape (Teen Action, 2016)

La perseveranza, quella di stampo prettamente diabolico, è certamente l’elemento che più caratterizza il progetto Wound di Massimo Onza (anche…

24 Feb 2017 Reviews

Read more

Eniac - Camera 121 (Many Feet Under, 2013)

Nell'attesa della pubblicazione dell'album registrato a partire dalla sua residenza d'artista americana ad I-Park, il nostro Fabio Battistetti aka Eniac…

15 Jul 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top