Actionmen – Ramadama (Inconsapevole/Autunno Dischi/BellsOn, 2013)

Incidere un album doppio di musica hardcore è decisamente un azzardo. In pochi, nel corso della storia, sono riusciti nel difficile compito di non rompere il cazzo (Husker Du, Minutemen e qualche altro che adesso non ricordo). E anche se gli Actionmen sembrano proprio dei bravi ragazzi… diciamo solo che non sono né gli Huskers, né Minutemen né quei pochi altri che adesso non mi sovvengono (forse perché probabilmente non esistono).  Detto questo, a parte la difficoltà iniziale di buttarsi nell’ascolto di Ramadama (22 pezzi 22 e neppure da un minuto ciascuno), questo nuovo parto della band di Ravenna non è poi così male. Solo che è estenuante. O almeno così mi è parso ascoltandolo. Cos’è che si diceva di un triplone come Sandinista! dei Clash? Se non sbaglio era tipo che: se Strummer e soci avessero fatto un doppio riunendo le canzoni migliori invece di sfornare tre dischi e 36 pezzi avrebbero inciso un capolavoro assoluto. Bè, il problema è che Sandinista! è un capolavoro assoluto a tutti gli effetti. Anche con 36 brani (e pure lunghi). Tornando invece a Ramadama, e fatte tutte le dovute precisazioni del caso, non sono neppure la quantità e la varietà di stili a lasciarmi un po’ interdetto: la verità è che in questi ventidue brani non ho trovato né un capo né una coda. Dentro c’è un po’ di tutto, e va bene. Ma fino a un certo punto. Si parte belli zuzzurelloni con l’hardcore melodico di Agamennone (i titoli a cazzo sono un’idea divertente però, devo ammetterlo) e si finisce nel reggae dub arabeggiante di Salamm (poteva essere altrimenti, con un titolo del genere?). In mezzo c’è proprio di tutto, compresi pezzi molto interessanti come Mirco E Frocele, Kebab, Cantante Dei Korn e Murgia (forse quelli più fedeli al canone hc melodico) e poi svisate indie-rock (Jack McQuack), musiche spagnoleggianti cantante, appunto, in spagnolo (Mugna Latin), pop allo stato puro (Demetrio), percussioni-spinte alla brasiliana (Mugna II), chitarre funky, ritmi, ritmi dispari, post-hc, punk-funk e qualche accenno di liriche in italiano. Che dire: un groviglio di suoni e suggestioni diverse ma spesso incompatibili. Tanto che alla traccia numero tre compare persino la cover di Freddie Mercury Living On My Own, che è pure divertente, per carità… ma perché? Insomma Ramadama è un disco coraggioso, anche un po’ diverso dal solito, se vogliamo essere sinceri fino in fondo. Però – personalmente – l’ho un po’ subito. E forse non l’ho manco capito per davvero. Gli Actionmen, poi, han tutta l’aria di essere un gruppo che si diverte a suonare quello che fa e quindi, “Chi sono io per giudicare questa band?”

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Sanlupo - For Chorus, Cello & Electronics – 17/11/12 Ex…

Capita spesso che si organizzino eventi in ambienti insoliti, dando così la possibilità di restituire questi luoghi al pubblico, di…

30 Nov 2012 Live

Read more

Eine Stunde Merzbauten - 7305 (Autoprodotto, 2014)

Gli Eine Stunde Merzbauten sono la nuova mutazione dei Napalmed, da sempre creatura di RadeK.K., ultimamente ancora di più dopo…

03 Dec 2014 Reviews

Read more

Prosperina - Faith In Sleep (Maybe, 2012)

Musica abbastanza lisa e consunta quella dei Prosperina, ma per chi ama chitarrismi elefantiaci in un magma psichedelico potrebbe esserci…

12 Dec 2012 Reviews

Read more

Andrew Bird - 18/05/09 Musicdrome (Milano)

Un'ora e dieci per arrivare in città e tre quarti d'ora per trovare il posto, locale ex Transilvania (fortunatamente rinnovato…

03 Jun 2009 Live

Read more

Fungi From Yuggoth/Liturgia Maleficarum – Split tape (Diazepam, 2015)

Talvolta le conferme sono inutili, nondimeno averle fa piacere: è questo il caso, per quanto parlare di piacere potrebbe sembrare…

28 Dec 2015 Reviews

Read more

Kaouenn - Mirages (Beautiful Losers/Bloody Sounds Fucktory, 2021)

Secondo lavoro per il connazionale Kaouenn ormai trapiantato oltralpe da qualche anno. Mirages è un autentico meltin' pot musicale che…

23 Mar 2021 Reviews

Read more

Julia Kent - Green And Grey (Important/Tin Angel, 2011)

Torna col suo secondo disco solista la violoncellista Julia Kent, canadese residente a New York, ma in realtà cittadina del…

11 May 2011 Reviews

Read more

Levator - The Biggest Waves Come At Night (Levator Music,…

Recentemente qualcuno lo ha definito dreamcore: un fumoso intruglio di loops, onirico shoegaze ed eteree santità di sapore Cocteau…

24 Feb 2009 Reviews

Read more

Deflore - 2 Degrees Of Separation (Subsound, 2010)

Interessante calcio all'indietro verso le cupe, ma turgide sonorità power dark dei primi anni novanta che portarono (allora) alla ribalta…

12 Oct 2010 Reviews

Read more

Giulio Aldinucci - Aer (Dronarium, 2014)

Con la cadenza di circa un disco solista all'anno Giulio Aldinucci continua il suo percorso musicale che lo sta portando…

20 Mar 2015 Reviews

Read more

The Shipwreck Bag Show - Kc (Wallace/Phonometak/Paint Vox/Brigadisco, 2010)

Credo che ci siano dischi e gruppi interessanti, lavori ben fatti e lavori che per quanto piacevoli finiscano per essere…

16 May 2010 Reviews

Read more

Tor Lundvall: la melodia che viene dal ghiaccio

Tor Lundvall è un nome che nell'ambito elettronico/ambient non è notissimo, ma senz'altro chi viene in contatto con la sua…

23 May 2010 Interviews

Read more

Micah P. Hinson – 16/07/10 Verona Folk Festival (Bovolone -…

Nel cartellone di quello che è certamente il festival peggio pubblicizzato della storia si poteva scorgere, fra i nomi della…

12 Jun 2010 Live

Read more

Tapso II - S/T (Tapso, 2009)

Clamoroso al Cibali: anche la scena indipendente italiana si fonda su hype e mode che poco hanno a…

21 May 2009 Reviews

Read more

Whiting Tennis - Three Leaf Clover (Tarnished, 2007)

Non so se c'è qualcuno tra di voi che sia come me. Nel caso mi capirete e capirete questa recensione.…

10 Nov 2007 Reviews

Read more

XxeNa & D.B.P.I.T. - White Stories Of Black Whales (Gatto…

Oggi, quando si parla di multimedialità, si pensa a qualcosa che permette la fruizione di un lavoro che coinvolge contemporaneamente…

23 Aug 2016 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top