Glorytellers + Guapo – 26/09/08 Interzona (Verona)

L'abbinamento era parso anomalo fin dall'inizio: i paladini della nuova ondata prog coi reduci della più fertile stagione dell'indie, l'elettricità "hard" a fianco delle melodie semiacustiche, le braghe a zampa contro le All Stars. Ma evidentemente all'Interzona non volevano farsi sfuggire nessuno dei due gruppi e li hanno concentrati in un'unica serata, senza farsi troppi problemi sulla coerenza musicale dell'evento. Giustamente: i nomi sono di tutto rispetto e non mi pare il caso di fare i capricciosi per la disomogeneità della proposta.
Quando i Guapo salgono sul palco basta un colpo d'occhio per far nascere il sospetto che anche se di prog si tratta, di "nuovo" ci sia davvero poco: "chitarrabassobatteriamoog" maneggiati da uomini fasciati in agghiaccianti calzamaglie nere con paliettes multicolore ad adornarne il petto (no, niente braghe a zampa, stasera). Timori che trovano conferma al risuonare delle prime note sotto le volte dell'Interzona: siamo al cospetto di un Bignami progressive, gente che possiede come disco più recente il secondo dei King Crimson, anno di grazia 1970. Perfetti nel creare fraseggi in stile, passando senza soluzione di continuità da melodie sognanti di sapore pinkfloydiano a sgroppate "hard", i quattro inglesi sarebbero senza dubbio il gruppo del momento, fossimo nel 1971, ma oggi possono al massimo aspirare ad essere quello che per il mondo dell'agricoltura è la festa della trebbiatura fatta con le macchine degli anni '20 a Cividale Mantovano: semplice folkore.
Mi do alla fuga temendo, prima o poi, la materializzazione del fantasma degli Yes.

Si chiude così il primo atto, sipario, cambio di palco. Bevo qualcosa. Inizia il secondo atto. Rientro.

glorytellers3Nel momento stesso in cui si presentano, i Glorytellers sanno di aver già vinto la partita; non tanto con la band che li ha preceduti, con cui non c'è competizione non fosse altro che per la differenza di genere, quanto col pubblico, composto in buona parte da fedeli al culto dei Karate, dalle cui fila provengono Geoff Farina e Gavin McCarthy affiancati, in questa nuova incarnazione, dall'ottimo chitarrista Ty Citerman.
Ma come l'Inter non ha bisogno di dare il 100% per battere l'ultima in classifica (e quanto mi scoccia dover usare l'Inter come pietra di paragone), così il terzetto, forte della propria innata classe, va palesemente col freno a mano tirato, tendenza già chiaramente riscontrabile ascoltando l'album: bello, perfetto, ma tutto sommato inutile.
Il live però peggiora decisamente le cose, non aggiungendo nulla a quello che si era ascoltato sul supporto digitale, in cui una certa freddezza è tutto sommato ammissibile: esecuzioni impeccabili, melodie accattivanti fra tradizione americana e spruzzate di jazz, qualche dissonanza buttata lì senza troppa convinzione, zero anima. Certo i buoni momenti, le buone canzoni non mancano, da Camouflage a Awake At The Wheel, passando per il brano strumentale per sola chitarra acustica che Farina regala come bis, forse uno dei momenti migliori della serata. E tutto sommato, anche la mancata esecuzione di Trovato Suono, col testo metà in inglese e metà in italiano stentato, può essere segnata come un punto a favore. Ma non basta. Forse loro si divertiranno, ma il continuo sciamare degli spettatori verso il bar, oltre ai casi di letargia che si riscontrano fra il pubblico seduto, non depone propriamente a favore. Colpa dell'aria di routine che pervade tutti gli aspetti del progetto, fallimentare anche nel tentativo di andare alle radici della musica americana rispolverando un paio di blues assolutamente di maniera, con Farina che si divide fra voce e armonica, senza mai smuovere all'emozione, percorrendo sempre la strada del "già sentito" e del "già fatto", meglio, in altri tempi.
Così, da una vittoria sulla carta facile, si ha alla fine un noioso zero a zero. Stia attenta l'Inter…

(Foto di Elena Prati)

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Le origini documentate di una specie rumorosa

Tre brani clamorosi che anticipano nettamente la nascita del noise (così come lo percepiamo con le orecchie di oggi) ai…

27 Feb 2011 Articles

Read more

Mount Eerie – Ocean Roar (P.W. Elverum & Sun, 2012)

A breve distanza da Clear Moon, sempre a nome Mount Eerie arriva Ocean Roar e si apre con Pale Lights, una…

22 Oct 2012 Reviews

Read more

Spraydog - Karate Summer Camp (Ferric Mordant, 2007)

Nostalgici amanti dell'indierock anni '90 fatevi sotto... questo disco fa per voi. Gli Spraydog sono rimasti ancora quello che erano…

25 Dec 2007 Reviews

Read more

King Dude – Tonight’s Special Death (Avant!, 2011)

Ci arriva dal profondo nord-ovest degli Stati Uniti, passando per Bologna dove la Avant! gli ha ripubblicato in vinile (con…

06 Dec 2011 Reviews

Read more

Joe Petrosino - Rockammorra (Essonamò Rec, 2009)

Se negli ultimi anni abbiamo un po' patito l'assenza di un nuovo rappresentante della musica partenopea più contaminata, credo…

17 Dec 2009 Reviews

Read more

Megattera - Origo (Killer Pool/Narcotica - 2014)

Notturne visioni torbide ammantano queso italianissimo lavoro distribuito Goodfellas che non può fare a meno di evocare le colonne sonore…

03 Jun 2014 Reviews

Read more

Kiwibalboa - Natale In Argentina (Overdub, 2019)

Da Genova un gradevole indie pop caramelloso per amanti dei dolciumi delle fiere stagionali. Leggero e disimpegnato, Natale In Argentina,…

11 Feb 2020 Reviews

Read more

Yeti Lane - The Echo Show (Clapping Music, 2012)

Secondo giro di boa per il duo parigino che torna con quello che viene definito il loro capolavoro. Tra atmosfere…

30 May 2012 Reviews

Read more

Kubark – Ulysses (Autoprodotto, 2011)

Con questo secondo EP, che segue l'omonimo Kubark del 2009, il quartetto si spoglia degli influssi delle band che li…

13 Dec 2011 Reviews

Read more

Claudio Parodi - The Mother Of All Feedback (Extreme, 2009)

Terzo giro di boa per il ligure Claudio Parodi e terzo disco che mette in luce quanto si tratti del…

29 Sep 2009 Reviews

Read more

Waines - A Controversial Earl Playing (Autoprodotto, 2007)

E’ uno skin and bones rock n’roll che si ostina a parlare a voce alta. Così va giustamene definito il…

04 Sep 2007 Reviews

Read more

HAVNES.JÄRMYR.SERRIES - Distant Curving Horizon. The Primal Broken Passage. Beneath…

HAVNES.JÄRMYR.SERRIES è un trio formato dal norvegese Tomas Järmyr alla batteria (Zu, Motorpsycho), dal belga Dirk Serries alla chitarra (Fear…

18 Apr 2018 Reviews

Read more

Convocation - Scars Across (Everlasting Spew, 2018)

Dalla perfida FInlandia i Convocation giungono fino a noi strisciando metaforicamente sui gomiti. Infatti l'incalzare dei finnici  è subdolo, mellifluo…

13 May 2018 Reviews

Read more

Dalila Kayros – Transmutations part [I] - The Yin Side…

Mancava da tempo il nome di Dalila Kayros sulla copertina di un disco, dal 2013 per la precisione, anno di…

21 Mar 2018 Reviews

Read more

Earth + Mount Eerie + Ô Paon – 24/03/12 Auditorium…

Al quarto tentativo, dopo vari spostamenti di sede dovuti al terremoto di febbraio, finalmente la rassegna Sound Canvas riesce ad…

06 Apr 2012 Live

Read more

15 anni di ODRZ – 12/12/2015 Spazio Ligera (Milano)

Anche se dalla data è passato un po’ di tempo e gli infiniti impegni della vita non ci hanno permesso…

08 Jan 2016 Live

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top