Giorgio Dursi – Poetry Reading With Sound Footnotes (Arte Tetra, 2017)

Quello che non ti aspetti da un’uscita su Arte Tetra è che ti sorprenda: dopo anni di frequentazione dell’etichetta marchigiana è più che normale supporre di aver ascoltato l’intero campionario di freak, stregoni, alchimisti, sciamani, nani e ballerine che il mondo della musica, esplorato anche nei più oscuri anfratti, possa proporre; tuttalpiù potrebbe spiazzare l’uscita di un disco di pop leccato e innocuo ma sarebbe un’operazione di situazionismo banalotto e gratuito, fuori tempo massimo. Quello che non ti aspetti è Giorgio Dursi, uno che in poco più di mezz’ora sposta ancora più in là l’asticella e ti fa capire che i limiti, se ci sono, sono ancora ben lontani dall’essere raggiunti. E “limiti” è la parola chiave per leggere questo Poetry Reading With Sound Footnotes, limiti stretti stavolta, che il musicista si impone utilizzando solo voce e oggetti percossi e maltrattati per mettere insieme due lunghi brani. Siamo al cospetto di uno di quei casi in cui rendere a parole l’idea di quello che si ascolta è praticamente impossibile trattandosi di un flusso sonoro – ma sarebbe più corretto dire di coscienza – dove in frammenti di poche decine di secondi si succedono melodie cantate a cappella, fischiettii, lallazioni, battimani, cantilene di improbabili bonzi, linguaggi alieni (e l’elenco è per forza di cose incompleto). La voce, che si esibisce in loop naturali, intrecci e sovrapposizioni, è accompagnata e di tanto in  tanto interrotta da un po’ di elettronica e da parecchi rumori concreti ma rimane l’assoluta protagonista: è lei che ci ipnotizza e respinge, ci fa sorridere e subito dopo ammutolire. In tutto questo Dursi veste i panni di un Demetro Stratos impazzito: calandosi nell’inconscio tira fuori il bambino che è in sé, gli fa torturare gli oggetti e mettere alla prova le corde vocali in un gioco affrontato con una serietà che fa piazza pulita di ogni sospetto di autocompiacimento. Siamo in bilico fra la genialità e l’idiozia, fra la musica di ricerca e la pura follia e l’ascolto vi riserverà autentico stupore o genuino imbarazzo, più probabilmente entrambe le cose, non di rado contemporaneamente. Poetry Reading With Sound Footnotes è un nastro da ascoltare a orecchie e occhi spalancati nel tentativo di capire se si tratti di una cagata pazzesca o di un lavoro assolutamente geniale, tesi per la quale personalmente propendo.

]

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Le Carogne - S/T (Autoprodotto, 2011)

Un terzo di beat, uno demenziale e uno rocchenrol. Certamente il vecchio Pierpaolo De Iulis li farebbe entrare…

21 Sep 2011 Reviews

Read more

VacuaMœnia - Borgo Schirò Churchscape (Galaverna, 2014)

L’uscita autunnale di Galaverna (sì lo so, siamo indietro di una stagione…) mette in relazione l’etichetta veneto/barese col collettivo siciliano…

13 Jan 2015 Reviews

Read more

Vieri Cervelli Montel - I (Tanca, 2022)

Quel che appare chiaro ascoltando per le prima volte il lavoro di Vieri Cervelli Montel è la sua capacità lirica,…

29 Jul 2022 Reviews

Read more

Hobocombo – Plays Video Days (Trovarobato, 2011)

Una piccola cosa questo EP in download gratuito degli Hobocombo, ma che merita una segnalazione, sia per la scelta delle…

01 Feb 2012 Reviews

Read more

Konstrukt & Keiji Haino - A Philosophy Warping, Little By…

L’ensemble free-impro turco Konstrukt, dopo aver condiviso dischi e performance con artisti importanti della scena improv internazionale, invita a collaborare…

01 Sep 2018 Reviews

Read more

Adam Wolf - Songs I/II (Autoprodotto, 2018)

Adam Wolf ha due band di musica energica e chitarrosa (Wolfhand e Sleeping In), non particolarmente originali: le foto dei…

01 Mar 2018 Reviews

Read more

Attilio Novellino - Through Glass (Valeot, 2012)

Attilio Novellino abbandona il monicker Un Vortice Di Bassa Pressione e si presenta col proprio nome per il suo secondo…

24 Apr 2012 Reviews

Read more

Alessandro Stefana - Poste E Telegrafi (Important, 2007)

Emiliano recentemente mi ha passato questo cd da recensire e finalmente ho potuto buttare un orecchio su questo ragazzo che…

27 Jun 2007 Reviews

Read more

A Flower Kollapsed - S/T (Shove/MacinaDischi, 2012)

Ero curiosissimo di ascoltare questo nuovo A Flower Kollapsed, essendo rimasto molto favorevolmente colpito dal materiale vecchio (in particolare da…

07 Jun 2012 Reviews

Read more

Nekrasov/Humiliation – Split CD (New Scream Industry, 2009)

Con un po' di ritardo, ma anche questo CD viene dagli antipodi portato a mano dal nostro boss, mi appresto…

18 Jan 2011 Reviews

Read more

Chris Forsyth & Shawn Edward Hansen - Dirty Pool (Ultramarine,…

Di recente mi è capitato di guardare di sfuggita un articolo che riguardava esattamente questi due musicisti, ammetto di…

15 Nov 2009 Reviews

Read more

Oxbow + Monsieur Gustavo Biscotti – 18/11/09 Arci Kroen (Villafranca…

Può capitare che uno stato d'animo non proprio sereno modifichi la percezione delle cose, è normale. Quindi ci sta che…

23 Nov 2009 Live

Read more

Gopota – Knots Of Fear (Torga Amun, 2016)

Gopota (delinquente di basso livello in russo) è uno di quei progetti che non fa sconti e apparentemente con poca…

26 Aug 2016 Reviews

Read more

AA. VV. - Italian Resonances -Dronegazers? (Oak, 2014)

Fare il punto sulla stato dell’elettronica italiana maggiormente orientata alla ricerca non è facile, soprattutto per via delle molte uscite…

09 Jul 2014 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 24 (09/04/15)

Puntata numero ventiquattro della terza stagione di The Sodapop Fizz: ospite Luca Sigurtà con due pezzi dal nuovo disco in uscita su…

13 Apr 2015 Podcasts

Read more

Il Cotone di Fukushima – Scie (Autoprodotto, 2013)

Dalla fertile Sardegna, fertile almeno dal punto della musica meno convenzionale, ci arriva l'esordio autoprodotto de Il Cotone Di Fukushima.…

27 Nov 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top