Adriano Zanni – Soundtrack For Falling Trees (Bronson, 2017)

Adriano Zanni è l’uomo delle sorprese. Non ci aspettavamo il suo ritorno sulle scene col 7″ Falling Apart e ora inatteso arriva questo nastro che si colloca temporalmente fra il singolo e l’annunciata uscita autunnale dell’album. Soundtrack For Falling Trees, stampato in edizione limitatissima di sole 72 copie, segna un percorso laterale rispetto a quanto ascoltato sul singolo e – si presume – ascolteremo sull’LP , un protoambient – come lo definisce il musicista – che riduce al minimo gli elementi costitutivi della sua musica: abolite le voci e quasi completamente i ritmi rimangono pochi suoni analogici e digitali e qualche campionamento. Verrebbe naturale associare brani del genere alle foto scattate da Zanni, far corrispondere le distese di synth agli spazi vuoti, il pulsare dei droni al ritmo delle onde, gli stridori dei campioni alle scheletriche strutture abbandonate e così via, ma sarebbe ingeneroso nei confronti di un lavoro che sa benissimo esprimersi senza bisogno di alcun aiuto o supporto. Quella che dai titoli sembra essere una decadente quadrilogia degli alberi apre il primo lato con una combinazione dai toni piuttosto crudi di frequenze trapanatimpani e cadenze meccaniche (Fake Trees) e lo chiude con delle misurate variazioni di suoni in un ambiente poetico e arioso (Lonely Trees). Specularmente il secondo lato inizia con un brano caratterizzato da morbidi saliscendi sonori (Fallen Trees) e ci saluta con la veemenza quasi punk di Dead Trees, 3’40” di crescendo massimalista che rifiuta tuttavia di degenerare in rumore. Ambient ma non solo quindi, o se preferite, ambient interpretato nei suoi più vari aspetti e con un’attitudine minimalista – verrebbe da dire davvero primitiva – che lo distingue da un disco solo apparentemente affine come Piallassa, che il nostro pubblicò anni fa a nome Punck. Lungi dal distrarci dalle aspettative per il nuovo disco Soundtrack For Falling Trees rimescola le carte (sentiremo qualcosa di simile anche lì?) e soprattutto apre nuove strade che potrebbero essere sviluppate in futuro, aggiungendo all’attesa nuova curiosità.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Dead Boomers – Family Money (Sabbatical, 2010)

Ultimo disco della partita australiana in mio possesso, quello dei Dead Boomers era fra i più attesi dopo aver letto…

28 Jan 2011 Reviews

Read more

Obsil - Vicino (Psychonavigation, 2011)

Esce per l'etichetta inglese Psychonavigation questo Vicino di Giulio Aldinucci, in arte Obsil, il terzo disco dopo un paio usciti…

09 Dec 2011 Reviews

Read more

Vs. Rome - The End Is Important In All Things…

Chissà che età hanno i Vs. Rome...farà ridere, ma è la prima cosa che mi sono chiesta mentre ascoltavo il…

05 May 2011 Reviews

Read more

Irata – S/T (Silber, 2010)

I comunicati stampa talvolta sono davvero fuorvianti; questo, che parlava di una commistione di drone, postrock e metal, mi aveva…

27 Jun 2010 Reviews

Read more

Deison - Quiet Rooms (Aagoo, 2012)

A questo giro ritorna Cristiano Deison, che vanta una carriera solista di tutto rispetto divisa fra dischi in proprio e…

27 Nov 2012 Reviews

Read more

Nostalgie Éternelle - Notre Début (Final Muzik, 2011)

Ammetto di non amare molto le ristampe: il più delle volte, almeno nel caso di gruppi poco noti, si spacciano…

31 Jan 2012 Reviews

Read more

The Death Of Anna Karina - Lacrima/Pantera (Unhip, 2011)

Ricordo che quando mi dissero che The Death Of Anna Karina avevano svoltato in favore del cantato in italiano, subito…

20 Feb 2011 Reviews

Read more

Porta d'Oro - Libero Pensatore (Sentiero Futuro, 2021)

Ho la certezza di conoscere solo in minima parte l’opera di questo autore. Ho però la sensazione che questo non mi…

30 Jan 2022 Reviews

Read more

The Ladybug Transistor - Can't Wait One Minute More (Mondo…

Se solo fossi un giornalista (cosa che per fortuna non sono) alzerei il culo per andare a vedere se si…

17 Dec 2007 Reviews

Read more

Cris X: l'eminenza grigia dei Lendormin prende il largo in…

Neanche troppi anni fa c'erano i Lendormin: a me era capitato di incontrarli nella serie P.O. Box della Wallace con…

24 Nov 2012 Interviews

Read more

Volcano! - Beautiful Seizure (Leaf / Wide, 2006)

 Giuro che non riesco ancora a capire come possano piacermi così tanto i Volcano! trio proveniente da Chicago (Aaron Smith…

03 Aug 2006 Reviews

Read more

Barnacles - The Evening News (Arell, 2017)

Esordio sulla breve distanza per la nuova creatura di Matteo Uggeri, che come Barnacles pubblica su Arell (nel bel formato…

03 May 2017 Reviews

Read more

Connect_icut - Small Town By The Sea (Aagoo, 2014)

Torna su Aagoo con un altro disco Connect_icut, dopo l'interessante Crows & Kittywakes & Come Again dell'anno scorso: e non…

23 May 2014 Reviews

Read more

Davide Cedolin - chiacchiere e fili d'erba

SODAPOP: Ciao Davide, Grazie mille per aver accettato di scambiare qualche chiacchiera con me! Innanzitutto devo ammettere di conoscerti appena musicalmente, sono…

09 May 2022 Interviews

Read more

Weltraum – Sy (Toxo, 2009)

A volte basta che uno recensisca due dischi o che suoni che dopo un viaggio ti ritrovi pieno di materiale…

29 Nov 2009 Reviews

Read more

Keiki - Popcorn From The Grave (Cheap Satanism, 2012)

Sedicente duo satanico con sede a Bruxelles, formato da un mezzo italiano alla chitarra e una mezza inglese alla voce.…

28 Nov 2012 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top