Body/Head + Jooklo Duo – 20/10/12 Interzona (Verona)

Archiviata (almeno credo…) l’avventura dei Sonic Youth, Kim Gordon riprende a frequentare i palchi in compagnia di Bill Nace e questa sera, sulla strada per il Supersonic Festival di Birmingham, fa tappa all’Interzona. I Body/Head non sono certo paragonabili allo storico gruppo di provenienza e certo, le incursioni dei membri della band in territori sperimentali non sempre sono state memorabili, ma avere a un tiro di schioppo una di quelle che senza dubbio è un’icona del rock indipendente, ci spinge ad andare a curiosare.
C’è probabilmente un po’ di necrofilia propria dello spirito rock in questo (non ce ne voglia Kim, che abbiamo visto in ottima forma), ma tutto sommato propende a favore l’impressione che l’ex signora Moore abbia ancora voglia di mettersi in gioco, e ora come ora ha più senso una cosa fuori schema come i Body/Head che non un concerto dove i Sonic Youth si limiterebbero a jokloo_duo_interzonamettere in scena sé stessi e la propria storia. Prima del duo della Grande Mela si esibiscono gli Jooklo Duo, che partendo con rumorini e grida fanno temere il peggio, ovvero la discesa nella freakedelia più deleteria (non depone a loro favore l’abbigliamento da hippie militanti), ma una volta imbracciati gli strumenti (a turno, clarino, sax e flauto, degnamente supportati dalla batteria) danno vita a un bel free jazz energico, non originalissimo, ma che scalda a dovere l’atmosfera. Intanto Kim Gordon si aggira nei dintorni del palco, attenta all’esibizione degli italiani. Quando viene il suo momento, sale un attimo col fido Nace a sistemare gli strumenti, poi torna dietro le quinte: quando rientra è il momento di cominciare. Vale per lei il discorso già fatto per altri: viene da una generazione di musicisti che dal punto di vista del suonare sa dare ancora diverse lunghezze a molti ragazzini e che svicolata dagli obblighi e dall’inevitabile routine che il nome di gruppi di culto si porta con sé, sa ancora farsi valere. I Body/Head inizialmente non spingono troppo sull’acceleratore, lasciando spazio ad atmosfere rarefatte, sebbene sature di elettricità; la forma è quella di un noise blues scarno e spettrale, con la voce di lei, invero non eccezionale, che si libra su drone chitarristici screziati di tanto in tanto da scariche elettriche, mentre alle loro spalle scorrono lentissime le immagini di un video in bianco e nero piuttosto inutile. Poi la cosa prende una piega più rumorosa, perpetrando la tradizione newyorkese dei più ostici, vere e proprie sinfonie di rumore, con un che di sciamanico. È questo un ambiente dove decisamente i due si trovano più a loro agio, sciorinando noise e melodie indissolubilmente legate: il fantasma dei Sonic Youth in versione scheletrica aleggia di tanto in tanto, ma non disturba, incontrando body_jokloo_interzonal’evidente approvazione del pubblico, purtroppo non numerosissimo nonostante la caratura dei personaggi (e comunque più numeroso di altre occasioni). Quello che fa specie, piuttosto, è l’assenza di tanti volti del giro musicale che mi sarei aspettato di incontrare, ma anche questa non è purtroppo una novità; è inutile quindi star qui a farsi troppe domande, tanto più che la cosa non disturba affatto la fruizione del concerto, che ormai volge alla fine. Ai due lati del palco, alla chetichella, sono nel frattempo saliti i due Jooklo, che con clarino, piatti e alla fine anche percussioni, contribuiscono a rendere ancora più ipnotiche le cadenze di un lungo blues metallico. È probabilmente in questa situazione di apertura e collaborazione che i due progetti trovano la loro vocazione: il pezzo è notevole, un crescendo emotivo senza eccessi strumentali, per poi sfuma improvvisamente nel silenzio che conclude l’esibizione: una dimostrazione di classe a cui fa sempre piacere assistere, discorso estendibile senza problemi a tutta l’esibizione, fatto salvo l’inizio un po’ debole. Qualcuno applaude nel tentativo di ottenere un bis, ma la musica registrata che parte ad altro volume taglia ogni discussione. Giusto così: il finale è stato perfetto, stasera davvero non abbiamo da chiedere di più.

Foto n homepage di Manuela Vigna

 

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Picastro - Become Secret (Block Recording Club/Monotreme, 2010)

La voce di Liz Hysen non si dimentica facilmente e anche se non ho seguito più i Picastro dal loro…

04 Mar 2010 Reviews

Read more

Carver - Raw (Setola Di Maiale, 2010)

Strani casi di omonimia, infatti questo gruppo si chiama come un combo emo-core/indie rock che qualcuno ricorderà di spalla ai Locust.…

27 Jan 2011 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 20 (05/03/15)

Per la puntata numero venti della terza stagione di The Sodapop Fizz Emiliano e Stefano ospitano Stefano Giust, che porta…

09 Mar 2015 Podcasts

Read more

The Dillinger Escape Plan - One Of Us Is The…

Non è mai facile confrontarsi con un gruppo che una quindicina di anni fa era sulla bocca di tutti per…

19 Dec 2013 Reviews

Read more

The Star Pillow – Invisible Summer (Midira, 2017)

Mi chiedo come Paolo Monti trovi il tempo per combinare le mille uscite discografiche (proprie e in compagnia, ultima Daimon…

05 May 2017 Reviews

Read more

Low Low Low La La La Love Love Love -…

Mi piacciono i gruppi che (almeno apparentemente) non fanno niente per essere facilmente ricordati per il loro nome: questi Low…

23 Dec 2007 Reviews

Read more

Eternal Zio – Vibbria (Autoprodotto, 2011)

Questo CD-R si presenta in modo assai dimesso, una semplice busta dalla grafica incerta e bruttina, con solo l'indicazione del…

08 Aug 2011 Reviews

Read more

The Chinese Stars - Listen To Your Left Brain (Three.One.G,…

Mi sa che questa volta, il cervello se lo sono bevuto del tutto, i nostri beneamati Chinese Stars. Consigliano, dunque,…

03 Feb 2008 Reviews

Read more

Koji Asano - Travel Coupons (Solstice, 2012)

Il compositore Koji Asano pubblica Travel Coupons, il suo primo disco dell'anno 2012, come sempre rigorosamente autoprodotto sulla sua etichetta…

28 Dec 2012 Reviews

Read more

She Said What?! - S/T (Marsiglia, 2009)

La genovese Marsiglia del "nostro" Matteo Casari continua nella missione di portare alla luce nuove band locali: una volta pubblicato…

30 Aug 2009 Reviews

Read more

Bugo + Il Genio - 25/10/08 Mojotic @ MEP (Sestri…

Per la prima volta mi muovo verso i lidi rivieraschi alla ricerca del MEP, che mi dicono essere un capannone,…

26 Oct 2008 Live

Read more

Uncode Duello - Tre (Wallace, 2009)

Xabier Iriondo e Paolo Cantù sempre più coinvolti in un ritorno alle origini, o meglio, diciamo che il "bat duo"…

19 Dec 2009 Reviews

Read more

Endless Inertia - Oktiabr'/Novembre (Grabthestars, 2006)

Pensare che i Finley suonano ad Mtv e sono prodotti da Cecchetto, mentre i Nofx nel tour di Ribbed (e…

17 Oct 2006 Reviews

Read more

Francisco Lopez/Luca Sigurtà - Erm (Fratto9 Under The Sky, 2013)

Decisamente un disco che lascia spazio ai vuoti questo Erm, un brano a testa diviso tra Francisco Lopez e Luca…

02 Dec 2013 Reviews

Read more

Testing Vault – Threnody For The Suicidals (Anedonia) (Ho.Gravi.Malattie,…

Dei vari progetti musicali di Daniele Santagiuliana avevamo finora trascurato Testing Vault, fra tutti quello maggiormente longevo e prolifico, nonché,…

14 Mar 2019 Reviews

Read more

Oscenità Sulla Luna – 21/07/12 Spazio 4 (Piacenza)

Incubo di una notte di mezza estate. L'ultima cosa che ci saremmo aspettati di vedere e sentire è una carrellata…

27 Jul 2012 Live

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top