Valina – A Tempo! A Tempo! (Trost, 2008)

Mi appoggerò nuovamente al mio tormentone preferito, il grande Pozzetto di Paolo Barca, Maestro Elementare Praticamente Nudista in cui il Nostro recita l'immortale: "…La minchia: chi è? Dove vive? Di cosa si nutre?" mentre la risposta la lasciamo a quelli fra di voi che si dedicano all'ornitologia, spostiamo la domanda sui Valina.
I Valina sono un trio chitarra, basso, batteria, vivono in Austria e si nutrono di post-rock, math-rock e punk, posso vantare di aver preso il loro primo disco in tempi immemori, in quei tempi il profeta narra che fosse frutto della collaborazione fra la Trost e l'allora misconosciuta Conspiracy, l'etichetta belga che oggi è anche la Hydrahead europea che fa sbrodolare voi neometaller con la frangetta (ma pure un po' me che di frangette ne ho solo più sotto le ascelle). Credo che ormai i connazionali di Der Blutharsh e di Kruder e Dorfmeister abbiano un loro seguito all'interno dello stivale, ma se vi fossero completamente sconosciuti è giusto dirvi che si difendono parecchio bene sia live che su disco. Registrati da Steve Albini all'Electrical Audio, hanno esattamente il suono che vi aspettate che abbiano: batteria esplosiva, bassone e chitarra più che mai punkettosa; anzi, forse è quella che nel corso delle uscite è andata ammorbidendosi maggiormente, ma non è l'unica variazione. I Valina si sono raddolciti sempre più, muovendosi verso la forma canzone e così a 'sto giro i pezzi sono quasi sempre cantati, la voce è molto più presente che in gruppi come gli Shellac ed è comunque uno dei piatti principali; in base a questa considerazione sembra buffo ma la timbrica del cantante chitarrista mi ricorda vagamente quella di Mike Doughty (beh, non così esageratamente figa) quindi il mix potrebbe essere math-rock punkegginte ma cantato alla Soul Caughing. I Valina ricordano molto alcuni gruppi minori (tali più per mancanza di fama che per scarse qualità) come quelli del giro della vecchia My Pal God, Ohio Gold e della Action Boy, quindi Dianogah, Hurl, Dis e così via, li ricordano in modo eccellente visto che il suono non ha nessun particolare caduta di stile e qualche bel pezzo c'è. Il loro miglior pregio è l'ascoltabilità, il fatto di fare quello che vogliono e di proporlo al meglio, per altro se avrete modo di vederli live vi renderete anche conto di quanto lo facciano rendere su ogni tipo di circuito; il loro peggior difetto invece è di essere un bel gruppetto che però dopo tre dischi inizia un po' ad avere il fiato corto (corto, non pesante, corto).

Tagged under: , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

The Star Pillow - The Beautiful Questions (Setola Di Maiale/Taverna,…

Torna il duo degli The Star Pillow e si accasa per l'occasione su Setola Di Maiale, che come sempre ha…

16 Apr 2014 Reviews

Read more

Gypsophile - Assunta (Lenka Lente, 2006)

Non so praticamente nulla della canzone francese, i "buchi" nelle mie conoscenze musicali sono grossi come crateri; Guillaume Belhomme scrive…

03 Sep 2006 Reviews

Read more

Roncea & The Money Tree - S/T ep (Electric Cave/Canalese…

Nicholas Roncea ha pubblicato un paio di anni fa Eight Part One, un album molto bello che, in teoria doveva…

14 Sep 2016 Reviews

Read more

Arirang - S/T (Autoprodotto, 2015)

Morbide visioni avvolgono i giovani Arirang: creativa band meneghina in bilico tra il post rock più cristallino e una scalata…

15 Jun 2015 Reviews

Read more

Dilatazione - Too Emotional For Maths (Slowmotionpinguino, 2006)

Proprio come una strana coincidenza dentro ad un film di Eric Rohmer, la musica dei Dilatazione va e viene nella…

18 Nov 2006 Reviews

Read more

Inutili - Unforgettable Lost And Unreleased (Aagoo, 2014)

Con non scusabile ritardo torno ad occuparmi degli Inutili dopo il 12" Music To Watch The Clouds On a Sunny…

30 Sep 2015 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi / Fabio Orsi - Soundpostcards (Cold Current, 2008)

L'altro giorno ho fatto un discorso con il buon Ferraris sulla qualità di certa musica elettronica italiana rispetto a quella…

22 Feb 2009 Reviews

Read more

Trou Aux Rats - Amour Et Sépulcre (Nashazphone, 2018)

Può esistere un disco "romantico" di Romain Perrot aka Vomir? E come può suonare? Domande a cui dà risposta la…

27 Feb 2018 Reviews

Read more

Hermetic Brotherhood Of Lux-Or - Ethnographies Vol.II/Musèe De L'Homme Hermetique…

Devo dire che sono molto (forse troppo) pignolo anche sulla qualità estetica, oltre naturalmente a quella sonora di un prodotto,…

24 Jan 2013 Reviews

Read more

Waines - A Controversial Earl Playing (Autoprodotto, 2007)

E’ uno skin and bones rock n’roll che si ostina a parlare a voce alta. Così va giustamene definito il…

04 Sep 2007 Reviews

Read more

Sanlupo - For Chorus, Cello & Electronics – 17/11/12 Ex…

Capita spesso che si organizzino eventi in ambienti insoliti, dando così la possibilità di restituire questi luoghi al pubblico, di…

30 Nov 2012 Live

Read more

Simon Balestrazzi – Annulled By Inertia (Diazepam, 2014)

È arduo seguire la copiosa discografia di Simon Balestrazzi che si divide fra diversi nomi (Kirlian Camera, TAC, Dream Weapon…

17 Feb 2015 Reviews

Read more

Julia Kent - Green And Grey (Important/Tin Angel, 2011)

Torna col suo secondo disco solista la violoncellista Julia Kent, canadese residente a New York, ma in realtà cittadina del…

11 May 2011 Reviews

Read more

Ooopopoiooo - 18/05/2014 Teatro Santissima Trinità (Verona)

Cambio di location per le serate dell'associazione Morse, un nomadismo utile a farci conoscere nuovi spazi e realtà: questa è…

30 May 2014 Live

Read more

Illachime Quartet - I’m Normal, My Heart Still Works (Fratto9…

Credo che pochi di voi lo ricordino o l’abbiano mai sentito, ma un bel po’ di tempo fa questi ragazzi…

26 Mar 2009 Reviews

Read more

Schonwald - Amplified Nature (Panoplie, 2009)

A quanto pare la 5 Roses oltre ad ingrandirsi sta diventando un’agenzia di promozione sia per la roba estera che…

17 Mar 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top