since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Tag Archives: carla bozulich

Silent Carnival – S/T (Old Bycicle/Viceversa, 2014)

Altro che gli immigrati, sono gli svizzeri a rubarci i lavoro! Nella fattispecie il lavoro del discografico, dato che l’esordio del siciliano Marco Giambrone esce per l’elvetica e sempre attenta, bisogna ammetterlo, Old Bicycle, sebbene l’onore nazionale sia in parte salvato dalla coproduzione della catanese Viceversa Records. Si trattasse almeno di un lavoro trascurabile, ma questo dei Silent Carnival è un album notevole, che a fatica si crede possa trattarsi di un esordio. …

Read more

Sodapop Fizz – Anno 3 Puntata 16 (05/02/15)

Per la puntata numero sedici della terza stagione di The Sodapop Fizz Emiliano e Stefano ospitano in trasmissione Andrea Serrapiglio che ci parla della sua musica, dagli esordi classici col violoncello alla costruzione di strumenti elettronici, ai tour con Carla Bozulich, Scott McCloud, David Tibet e tanto altro. …

Read more

Ovo – Abisso (Supernatural Cat, 2013)

Nonostante le numeroso uscite discografiche, anche su etichette di nome come Load e l’attuale Supernatural Cat e i palchi calcati ad ogni latitudine, gli Ovo hanno continuato ad essere uno dei segreti meglio custoditi dell’underground: al solito, troppo metallari per i punk, troppo punk per i metallari. Per tutti gli altri, probabilmente troppo e basta. Chissà che Abisso, dal suono rinnovato e arricchito da corposi inserti elettronici, a tutti gli effetti il loro album più accessibile, non permetta di aprire qualche porta. …

Read more

Carla Bozulich – 8/12/12 Lenz Teatro (Parma)

Carla Bozulich dal vivo a Parma, nell’ambito del festival Natura Dèi Teatri organizzata dal Lenz, è un’occasione da non perdere, tanto più che il comunicato stampa parla dell’esecuzione di “materiale inedito (in anteprima) scritto per il suo prossimo disco in uscita su Constellation”. Vale insomma la pena sfidare il freddo tagliente e la neve caduta il giorno prima, per esserci. Il Lenz Teatro è sito in un vecchio complesso produttivo degli anni ’30 a poca distanza dalla stazione, un’area post-industriale recuperata e destinata agli usi più vari. Mentre nello spazio espositivo al piano terra un gruppo wave scalda l’atmosfera, io vado a cercare un tepore più fisico al primo piano del capannone in cui si svolgerà il concerto. …

Read more
Back to top