Nymphea Mate – Endio (Hertz Brigade, 2011)

“Cambio rotta, cambio stile, scopro l’anno bisestile”. Anno nuovo, vita nuova. A questo giro ho deciso di impegnarmi per sconfiggere la mia idiosincrasia verso chi si presenta come una delle next best thing del pianeta musicale. Ho deciso che non è giusto che io mi accanisca contro chi ha un’autostima bella grossa. Meglio per lui/lei/loro, no? E allora vado a cominciare che qui c’è una band formatasi nel 2005 con all’attivo due Ep e questo album d’esordio (uscito per un’etichetta torinese con a capo Pietro Lesca dei Toe!), che dice di cantare e scrivere perfettamente in inglese e che ha suonato su palchi importanti aprendo a gruppi come gli Afterhours – con cui ho aperto io -, i dEUS e gli I.M.F. dell’ ex Pearl Jam Dave Abbruzzese. Non male, direi.
Poi c’è il disco che è un lavoro onesto che le riviste specializzate della mia prima giovinezza non avrebbero tardato a definire semplicemente Power Pop, ricco di giri brit – Carry On, Camilla -, overdrive belli sostenuti nei chorus – Billy Vanilla – bridge al posto giusto, melodia vocale tagliata ad arte per strofe e ritornelli. Insomma una struttura-canzone da manuale, un’ineccepibile costruzione con tanto di arrangiamenti studiati alla perfezione per rendere i pezzi al massimo radiofonicamente parlando. Per me, un decina d’anni fa, ci sarebbero stati sicuro un paio di smashin’ hits clamorosi – The Embers o Song For The Leader, che mi riportano ai tempi in cui gli Ash erano qualcuno, o ancora All Around You, lentone ad effetto ben congegnato) ed è un peccato che non mi pare emerga qualcosa di così particolare da permettere ai quattro Nymphea Mate di “mettere radici nel gran calderone del circuito musicale europeo”, come loro sperano. Eppure, a quanto apprendo, Endio sta già girando per radio universitarie albioniche ed è promosso da riviste specializzate tedesche – non so perchè, ma non vedrei Spex che parla di loro…- e quindi auguro ai Nymphea Mate di sfondare, perchè, in fondo, si capisce che si stanno impegnando. E poi c’è il mio di impegno, quello per l’anno nuovo e bisesto (si spera non funesto), per cui inizierò da ora a provare a tener fede a quanto detto in apertura.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Petrolio - Di Cosa Si Nasce (Taxi Driver/Brigante/Dio Drone e…

Enfatico industrial primi anni novanta per la creatura di Enrico Cerrato (Infection Code) che rispolvera per l'appunto un genere a…

15 May 2017 Reviews

Read more

Acid Mothers Temple & Melting Paraiso UFO - Interstellar Guru…

Ma quant’è bello essere hippie? Insomma uno può prendere una di queste belle patatone anti-anoressiche in pieno stile Settanta, metterla…

15 Apr 2009 Reviews

Read more

Mingle – Static (Kvitnu, 2015)

Viaggia solo stavolta Andrea Gastaldello, in arte Mingle, dopo le ottime uscite in compagnia di Andrea Faccioli e Deison (ben…

09 Oct 2015 Reviews

Read more

Encode – Core (Ghost, 2011)

Incollati a piedi saldi negli anni '90 ma con voglia di rimettersi in pista, dopo un esordio  di ben 8…

20 Apr 2011 Reviews

Read more

Il Conte è tornato, intervista a Varg Vikernes

Ebbene sì, lui. Il vostro incubo peggiore, il Freddy Krueger dei microsolchi, Varg Vikernes, il celeberrimo one-man-band di Burzum è…

04 Mar 2011 Interviews

Read more

Lucas Abela: venti anni di talento e fantasia al servizio…

Lucas Abela, noto soprattutto con il suo pseudonimo di Justice Yeldham, ha appena celebrato il ventennale della sua attività; è…

30 Nov 2013 Interviews

Read more

Irata – S/T (Silber, 2010)

I comunicati stampa talvolta sono davvero fuorvianti; questo, che parlava di una commistione di drone, postrock e metal, mi aveva…

27 Jun 2010 Reviews

Read more

St.Ride – Deutschland Femdom (Solar Ipse, 2016)

Il corpus immenso della discografia degli St.Ride (tredici album, se non ho contato male), coi suoi continui mutamenti stilistici ed…

21 Sep 2016 Reviews

Read more

MojaSfera - Equilibrio Infranto (Autoprodotto, 2008)

A volte è davvero difficile. L'incomprensione, la poca disposizione all'analisi e spesso una buona dose di convinzioni dure a morire.…

17 Nov 2008 Reviews

Read more

Disco Doom – Trux Reverb (Defer/Static Cult, 2011)

Gli svizzeri Disco Doom li ricordavo di spalla ai Built To Spill nella loro data veronese del 2008: indie rock…

01 Apr 2011 Reviews

Read more

Low + Pikelet + Ponzu Island - 21/10/10 The Forum…

L'ultima delle tre serate che dedichiamo al Melbourne festival è quella dei Low ed è per me quella con le…

16 Sep 2010 Live

Read more

Daniele Santagiuliana – Jeremiad (Looney-Tick, 2014)

Da queste parti Daniele Santagiuliana l’abbiamo ascoltato per la prima volta sui dischi del duo Deison & Mingle: esoterico in…

22 Jul 2014 Reviews

Read more

Andrea Tich - Una Cometa Di Sangue (Snowdonia, 2014)

In periodo sanremese casualmente ci capita tra le mani il lost album del veterano Andrea Tich che, nonostante sia pubblicato…

18 Feb 2015 Reviews

Read more

Josco - Kahn Tam-ngan Roum Kan (Somehow, 2012)

Quando la situazione scappa di mano: l'irlandese Gerard McDermott aka Josco era intenzionato a pubblicare qualche remix del suo EP…

14 Jan 2013 Reviews

Read more

Wound/Keziah Mason – Split Tape (Teen Action, 2016)

La perseveranza, quella di stampo prettamente diabolico, è certamente l’elemento che più caratterizza il progetto Wound di Massimo Onza (anche…

24 Feb 2017 Reviews

Read more

Eniac - Camera 121 (Many Feet Under, 2013)

Nell'attesa della pubblicazione dell'album registrato a partire dalla sua residenza d'artista americana ad I-Park, il nostro Fabio Battistetti aka Eniac…

15 Jul 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top