Cafeteria Dance Fever – Danceology (Hovercraft, 2012)

Garage quasi tipo Cramps. Suoni sporchissimi che in confronto il tradizionale Lo-fi è una roba passata sotto l’engineering di Brian Eno. Voce alta (non forte, proprio alta come tonalità), volutamente poco curata e vagamente stridula al limite del fastidioso. Questo mi dicono da subito i quattro componenti dei Cafeteria Dance Fever, gruppo di Portland – che sta agli States come a noi Berlino, nel senso che da lì esce spesso la roba che poi diventa trendy in un certo giro e nel giro di poco – che non fa mistero di gradire sonorità retrò-casinare come quelle che a loro tempo potevano proporre i Sonics (ecco, diciamo che un classicone come Psycho, magari anche versione live, può dare un’idea). Ma al di là del semplice yè-yè divertissement – I Don’t Wanna Be A Tenant Farmer -, della batteria che tiene ritmi decisi, grassi ed essenziali tipici di quegli anni – I’ve Got Rabies – e di un non vago ricordo dei miei tanto amati quanto di breve vita Ikara ColtAdd Hominid Attacks -, Danceology è costruito pezzo dopo pezzo su 24 tracce che tengono lo spazio di mezz’ora (ossìssignori, ventiquattro in trenta minuti, sarebbe una dura lotta con i Ramones che, guarda un pò, sono cresciuti all’ombra di una pianta simile), ma che non si limitano a riferimenti 60s. Io – e vi giuro, è proprio il caso di dirlo – ‘tirerei in ballo’ forti simpatie per un lavoro come Westing di Stephen Malkmus e i suoi Pavement (leggisi ‘primo periodo, allo stato brado’): una There’s a Hot Dog Coin Under the Table o Dead in the Ball Pit sanno regalare bei giri sbilenchi e in continui feedback a sostenere voce e melodia che sono su due binari diversi e piacevolmente divergenti. I deliri di delay (che sarebbe anche un bel nome per una band… dai, nella prossima vita provo a fare la copywriter…) portati allo svalvolo più inconclusivo di Color Coded, denotano un attaccamento anche alla scena noise pop e non fanno che indurmi a pensare che sì, i CDF valgono la pena di essere ascoltati. Sono divertenti, salutano l’estate che è alle porte (anticiclone delle Azzorre permettendo) e, nonostante o soprattutto grazie al casino che producono in poco tempo, hanno saputo dare alle stampe un album ben fatto e studiato ad arte. Se, come dicono i miei amici varesini Minuta H (pubblicità occultata male), ‘La semplicità è l’anticamera della sciatteria’, qui siamo in presenza di materiale solidamente complicato e, quindi, lontano da tale pericolo. A quanto pare, poi, è pure il primo long playing dopo una serie di EP e split vari per cui, ottima partenza sulla lunga distanza (evviva l’assonanza).

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Chapter 24 & Philippe Petit - The Red Giant Meets…

Continua, evidentemente con reciproca soddisfazione, il sodalizio fra il musicista francese e l'etichetta italiana, dopo il disco che Philippe Petit…

17 Mar 2011 Reviews

Read more

Father Murphy - Anyway, Your Children Will Deny It (Aagoo,…

Dimenticare tutto quello che si sa, affrontare un disco senza tener conto di nome e storia dell'autore, sarebbe talvolta (se…

23 Apr 2012 Reviews

Read more

The Great Saunites – The Ivy (Neon Paralleli/HYSM?/Verso Del Cinghiale/Villa…

Torna a farsi sentire, con un vinile in tiratura limitata, il duo lodigiano, di cui avemmo modo di parlare un…

08 Apr 2013 Reviews

Read more

Hheva/Shiver - Troubled Sleep (Diazepam, 2012)

Cassetta split tra il combo maltese Hheva e Shiver aka Mauro Sciaccaluga, che lascia il lato A agli ospiti facendo…

30 May 2013 Reviews

Read more

Gioventù Bruciata - S/T (Brigadisco, 2014)

I Gioventù Bruciata di Formia sono un calcio in culo ("col fischio o senza?") che torna a percuoterci le nostre…

02 Jul 2014 Reviews

Read more

Hypershape Records. Una chiacchiera..

Hypershape è un’etichetta discografica italiana, gestita al momento da Michele Basso e Giorgio Salmoiraghi. I due (ovviamente) loschi figuri non…

20 Mar 2022 Interviews

Read more

Makhno – The Third Season (Neon Paralleli/Wallace/Brigadisco/HYSM? e altri, 2015)

Dove eravamo rimasti? A Federico Ciappini che, su una base di chitarre distortissime, chiedeva due pistole, per “morire come il…

30 Jun 2015 Reviews

Read more

Catlong - Out Of Control (Autoprodotto, 2007)

E’ bello, davvero bello, edulcorarsi tanto per il passo coi tempi che cavalcano oggi i gruppi nostrani, per poi essere…

02 Jun 2007 Reviews

Read more

The Rust And The Fury - See The Colors Through…

Piove. Ultimamente non è strano per niente, no? Comunque, siccome, secondo me, il caso esiste fino a un certo punto,…

19 Sep 2014 Reviews

Read more

St.Ride – Deutschland Femdom (Solar Ipse, 2016)

Il corpus immenso della discografia degli St.Ride (tredici album, se non ho contato male), coi suoi continui mutamenti stilistici ed…

21 Sep 2016 Reviews

Read more

The Wyns - A Place Like This (Autoprodotto, 2011)

Nota di colore che non c'entra nulla: credo che Luino, sul Lago Maggiore, il paese da dove provengono i giovani…

27 Jan 2012 Reviews

Read more

Crap - S/T (Megablomb, 2006)

Registrato ormai dieci anni fa, nel 1998, e rimasto nel cassetto fino al 2006, anno in cui è stato pubblicato…

21 Apr 2008 Reviews

Read more

Altieri/Balestrazzi/Becuzzi – In Memoriam Of J.G. Ballard (Old Europa Cafè,…

Altieri, Balestrazzi e Becuzzi tributano il maestro della letteratura inglese a tre anni dalla scomparsa e lo fanno tornando sul…

03 Dec 2012 Reviews

Read more

Taras Bul’ba – Amur (Wallace/Lizard, 2012)

Dopo la buona impressione che avevano fatto su queste pagine con Secrets Chimiques nel 2008, torna il trio milanese dei…

26 Nov 2012 Reviews

Read more

Pierre Bastienne - Visions Of Doing (Westernvynil, 2008)

Pensavo che la Westernvynil fosse per il pop di gusto o comunque per la musica easy listening e tutto sommato…

11 Nov 2008 Reviews

Read more

Former Utopia - Colapsar EP (Damnably, 2013)

Parte piano questo EP che rappresenta l'esordio di Former Utopia, trio di londoneers che compiono un viaggio in sei tracce.…

18 Mar 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top