Wolf Eyes + Ghédalia Tazartès/Nico Vascellari – 23/05/12 Triennale (Milano)

Per la serata dedicata all’etichetta VON all’interno della rassegna Open, questa sera alla triennale ci sono i Wolf Eyes, reduci dal Three Days Of Struggle in cui hanno suonato in ognuna delle tre serate e in apertura c’è Ghédalia Tazartès assieme a Nico Vascellari: curiosi per entrambi i set appena usciti dall’ufficio ci mettiamo in auto alla volta di Milano.
Ad un appuntamento in un luogo così chic partecipano appassionati di musica, imbucati da vernissage, gente molto alla moda, addetti ai lavori… una discreta folla di persone più o meno eccentriche che affolla il bar di fronte al parco in attesa dell’inizio delle danze, in una atmosfera tranquilla e rilassata. Invece di essere all’aperto il concerto è spostato al teatro della triennale, un luogo davvero eccellente per resa sonora ed esteticamente molto bello: è in questa cornice da capogiro che salgono per primi sul palco Vascellari e Tazartès. Mentre l’italiano accompagna i brani della performance ponendosi sempre in secondo piano con il suono della sua voce filtrato attraverso pedali ed effetti, Ghédalia Tazartès fa sua la scena grazie ad una capacità vocale notevole e una creatività spiccata, condita pure da una bella dose di ironia. Accompagnato qui e là da qualche campanello o altro ammennicolo, il francese di origine turca è un fuoriclasse non facilmente categorizzabile e si conquista in breve il pubblico anche con la sua simpatia e la sua semplicità; fruibile ma estremo, sperimentale e melodico, il nostro sciorina vocalizzi via via declinati in forma di drone, di canto e di suono: il suo concerto è definitivamente una esperienza. Dopo una breve pausa e montato il palco salgono i tre americani, che da subito mostrano la direzione che intendono prendere: niente prigionieri! I primi venti minuti del loro concerto li vedono infatti produrre colate di rumore come fabbri ferrai, e il loro background hardcore si vede eccome: mentre John Olson percuote un basso autocostruito con un tronco, dall’altro lato Mike Connelly “suona” la chitarra come un indemoniato mentre al centro Nate Young si tortura l’ugola contorcendosi su sé stesso. Poi Young dichiara che è cosa buona e giusta far saltare l’audio degli impianti e che è sempre così che dovrebbe succedere, si scusa per avere torturato eccessivamente gli amplificatori e, mentre Olson passa al sax soprano, i nostri attaccano con la seconda parte del concerto, più ambientale e atmosferica, comunque carica di colori scuri ma per nulla scontata; l’esperienza e le capacità del trio sono sotto gli occhi di tutti e anche se personalmente non mi fanno gridare al miracolo, i Wolf Eyes dal vivo fanno la loro porca figura senza mai cedere il passo alla noia.
Usciti all’aria aperta nella notte milanese ci dirigiamo verso casa ben contenti di avere affrontato la trasferta infrasettimanale, anche grazie agli orari accessibili che hanno permesso a chi come noi vive alla periferia dell’impero di godere di una serata speciale.

Foto di Federico Tixi

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

My Dear Killer/Rella The Woodcutter – Split 7" (Boring Machines,…

Altro bel dischetto che si confà a questa stagione fredda e nebbiosa (benché, ufficialmente, sia uscito addirittura a Ferragosto). A…

16 Dec 2011 Reviews

Read more

Sun Kil Moon - Benjii (Caldo Verde, 2014)

Un capolavoro intenso e profondo, e c'è dentro tutta una vita. Basterebbe questa semplice frase per dare lustro al ritorno,…

22 Apr 2014 Reviews

Read more

Anatre Supreme Vs Yokotobigeri - Split (Escape From Today, 2006)

Credo di aver già visto dal vivo entrambi i gruppi, di sicuro gli Yokotobigeri a Genova ma credo di aver…

05 Dec 2006 Reviews

Read more

Beats Me! - Out Of The Box (Autoprodotto, 2011)

Frizzantissimo trio romano dedito sia stilisticamente che propositivamente al punk rock settantasette americano con una strizzatina di Buzzcocks. Considerdando…

12 Dec 2011 Reviews

Read more

Lost (Songs) in Leominster, tra Tupperware e hardcore

Scostare la tenda della finestra è quasi un rituale quando piove, ripetuto in maniera ossessiva, con il vetro scalfito, ogni…

02 Sep 2018 Writings

Read more

Agatha – Goatness (Wallace/Basement City, 2011)

Evolutesi a power-duo dopo l'abbandono della chitarrista ormai a tempo pieno nei Verme, le Agatha si sono reinventate, allenandosi…

23 Feb 2011 Reviews

Read more

Marcus Fischer & Simon Scott - Shape Memory (12K, 2018)

Compagni di etichetta, l'americano Marcus Fischer e l'inglese Simon Scott si sono incontrati a Portland per registrare questo disco avendo…

17 Jun 2018 Reviews

Read more

The Connie Capri Organ Chamber Orchestra - S/T (Wallace, 2008)

Che Mirco Spino nonostante un malcelato passato hardcore (e non per i film con Rocco e John Holmes) sia diventato…

07 May 2008 Reviews

Read more

Impact - Realtà Mutabili (Linea BN, 2011)

Se si dovesse definire questo libro con sole due parole, sarebbero certamente "non mediato". Non mediato è il linguaggio usato,…

02 May 2011 Reviews

Read more

Roll The Dice - In Dust (Leaf, 2011)

Questo duo svedese approda su Leaf per il secondo disco in studio e per quanto io non sia molto incline…

15 Nov 2011 Reviews

Read more

Key-Lectric - Blanking Generator (Stuprobrucio, 2009)

Ho avuto l’occasione di sentire in concerto Key-Lectric durante una loro lontana trasferta eporediese e di quella sera mi era…

23 Apr 2009 Reviews

Read more

Balmorhea - Rivers Arms (Western Vinyl, 2008)

Quando la Western Vinyl mi ha contattato per recensire i Balmorhea ero un po' titubante, ho visto che in catalogo…

22 Jan 2008 Reviews

Read more

Valentina Magaletti & Marlene Ribeiro – Due Matte (Commando Vanessa,…

Nel mettere su nastro un lavoro creato per una residenza artistica tenutasi a Porto nel 2019, Valentina Magaletti (Tomaga, Vanishing…

04 Jun 2020 Reviews

Read more

Whiting Tennis - Three Leaf Clover (Tarnished, 2007)

Non so se c'è qualcuno tra di voi che sia come me. Nel caso mi capirete e capirete questa recensione.…

10 Nov 2007 Reviews

Read more

Johnny Mox - Obstinate Sermons (Woodworm/Audioglobe, 2014)

Ci sono voluti due anni al reverendo Johnny Mox per dare fare uscire il nuovo disco, ma sono stati anni…

22 Jan 2015 Reviews

Read more

Flying Disk - Circling Further Down (Taxi Driver/Rude/Tadca, 2015)

Dinamico e giovane trio follemente innamorato di Jesus Lizard e primi Therapy?: e questa come presentazione del lavoro già potrebbe…

28 Mar 2015 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top